1 miliardo di dollari di criptovalute perse a causa dei truffatori dal 2021: FTC

Secondo un recente rapporto pubblicato dalla Federal Trade Commission (FTC), 46.000 persone hanno già perso più di 1 miliardo di dollari di criptovalute a causa di truffatori dall’inizio del 2021.

In Esclusiva per Tradingmania.it

Trading online Demo eToro

Tradingmania.it

In Esclusiva per Tradingmania.it

Trading online Demo eToro

Tradingmania.it

Le truffe sugli investimenti rappresentano la maggior parte delle criptovalute perse (575 milioni di dollari), dice il rapporto. Le persone che vengono accecate da false promesse di denaro facile e veloce inviano i loro soldi direttamente ai portafogli dei truffatori. Alcuni truffatori possono consentire agli investitori di prelevare una piccola parte di fondi per guadagnare fiducia prima di indurre le loro vittime a trasferire più denaro.

Le truffe romantiche sono responsabili di $ 185 milioni di perdite di criptovaluta. I truffatori in genere cercano di impressionare le loro potenziali vittime con finte ricchezze prima di offrire loro casualmente consigli di investimento.

I truffatori che impersonano aziende e funzionari governativi rappresentano il resto della somma (133 milioni di dollari).

I social media svolgono un ruolo chiave nel facilitare le truffe. Il rapporto FTC afferma che circa la metà delle persone che hanno perso criptovalute a causa di truffatori dall’inizio del 2021 utilizzavano app come Instagram, Facebook e Telegram.

Tradingmania.it Consiglia

Canale Telegram Millionaireweb.it

Tradingmania.it

Tradingmania.it Consiglia

Canale Telegram Millionaireweb.it

Tradingmania.it

Le perdite hanno raggiunto i 329 milioni di dollari nel primo trimestre del 2022, che è quasi la metà di quanto è stato rubato durante l’intero anno 2021 (680 milioni di dollari). La perdita individuale mediana attualmente è di $ 2.600.

I cattivi attori sono riusciti a incassare 60 volte di più nel 2021 rispetto al 2018, il che sottolinea la portata crescente delle truffe sulle criptovalute.

Fonte: u.today

Scrivi un commento