3 motivi per cui Bitcoin è sceso bruscamente del 7,4% durante la notte

Il prezzo del Bitcoin è diminuito drasticamente durante la notte e tre fattori sono probabilmente alla base dell’inatteso calo.

Tradingmania.it consiglia

xtb Trading Crypto

Tradingmania.it

Il prezzo di Bitcoin ( BTC ) è sceso bruscamente da $ 37.800 a $ 35.000 durante la notte, liquidando $ 572 milioni di posizioni future su criptovalute.

Tradingmania.it consiglia

xtb Trading Criptovalute

Tradingmania.it

Ci sono tre ragioni principali per cui il prezzo di Bitcoin è diminuito drasticamente nelle ultime 12 ore. Le ragioni sono un mercato dei derivati ​​surriscaldato , crescenti dubbi nel mercato e la mancanza di volatilità al rialzo.

Il mercato dei derivati ​​era surriscaldato prima della correzione

Prima che si verificasse il pullback, il mercato dei derivati ​​Bitcoin era estremamente surriscaldato. Il tasso di finanziamento dei futures si aggirava intorno allo 0,1%, 10 volte superiore alla media dello 0,01%.

Il tasso di finanziamento dei futures è un meccanismo che raggiunge l’equilibrio nel mercato dei futures incentivando i titolari di contratti lunghi o corti in base al sentiment del mercato.

Se sul mercato sono presenti contratti o acquirenti più lunghi, il tasso di finanziamento diventa positivo. Se diventa positivo, gli acquirenti devono compensare i venditori allo scoperto con una parte dei loro contratti ogni otto ore e viceversa.

Quasi tutte le principali criptovalute hanno visto i loro tassi di finanziamento salire da circa lo 0,1% allo 0,3%, il che significava che il mercato era estremamente indebitato.

Quando il mercato è così sovraffollato, aumenta la probabilità di una compressione lunga, il che potrebbe causare la liquidazione di molti contratti futures in un breve periodo.

Crescente incertezza del mercato

Secondo i ricercatori di Santiment, sul mercato esiste un “dubbio trader” sul fatto che BTC raggiunga nuovamente i $ 40,00.

I fondamenti della rete blockchain di Bitcoin, come l’attività degli indirizzi e il volume degli scambi, rimangono solidi. Tuttavia, il sentimento del mercato è diminuito nell’ultima settimana mentre BTC continua a lottare per uscire dall’area di resistenza di $ 38.000.

Mancanza di volatilità al rialzo

Bitcoin ha assistito a deboli reazioni da parte degli acquirenti negli ultimi giorni, rispetto al rally iniziale di $ 42.000 all’inizio di gennaio.

Durante la prima fase del rally, ogni volta che Bitcoin scendeva a livelli di supporto chiave, come $ 35.000, c’era spesso una grande reazione da parte degli acquirenti.

Tuttavia, dalla metà di gennaio, ci sono state reazioni più deboli da parte degli acquirenti a livelli di supporto chiave. Ciò indica che le aspettative di un rally verso l’area di resistenza da $ 40.000 a $ 42.000 sono diminuite, almeno nel breve termine.

La pressione di vendita su Bitcoin è arrivata principalmente dall’Asia nelle prime due settimane di gennaio. Ma, come mostrato nella correzione notturna del 19 gennaio, Bitcoin ha iniziato a vedere debolezza anche nel mercato statunitense.

Tradingmania.it consiglia

xtb Trading Criptovalute

Tradingmania.it

La combinazione di volatilità al rialzo limitata e mancanza di slancio al rialzo sembra indurre i trader a diventare cauti nel breve termine . Ciò probabilmente significa che BTC vede una fase di consolidamento prolungata fino a febbraio.

Fonte: Cointelegraph

 

 

Tradingmania.it consiglia

Social Trading Bitcoin eToro

Tradingmania.it

 

Lascia un Commento

Vuoi Investire in Bitcoin da Professionista?

Importi Garantiti con un broker Rispettabile.

Vuoi Provare il trading Bitcoin con un

Conto Demo Gratuito e illimitato?

Nessun documento cartaceo da inviare, Conto Demo senza obblighi ne vincoli di deposito.

Deposito minimo richiesto 200 (circa 180€).

Il 71% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di assumere l’alto rischio di perdere i tuoi soldi.

Le criptoasset sono prodotti di investimento non regolamentati altamente volatili. Nessuna protezione degli investitori dell’UE.