5 cose da guardare in Bitcoin questa settimana

BitcoinBTC ) inizia una nuova settimana con gli analisti alla ricerca di un fondo, ma che potrebbe non significare un calo a $ 40.000 o meno.

Tradingmania.it consiglia

eToro Conto Demo Gratis

Tradingmania.it

Dopo un fine settimana insignificante, i rialzisti di Bitcoin affrontano ora una nuova settimana di sentimento ribassista in tutta l’economia globale poiché la propensione al rischio rimane tiepida.

In assenza di un “raduno di Babbo Natale” praticamente per chiunque, sembrano esserci pochi fattori scatenanti per aiutare BTC/USD a tornare più in alto in tempo per il nuovo anno. Allo stesso tempo, le metriche sulla catena rimangono forti e i minatori si rifiutano di spendere.

Con il Natale alle porte, Cointelegraph dà un’occhiata a cosa fare attenzione questa settimana quando si tratta di valutare dove potrebbe essere diretto Bitcoin.

$ 50.000 sembra lontano per i tori di Bitcoin

Bitcoin non è riuscito a produrre alcuna mossa significativa durante il fine settimana, ma ora l’attenzione si sta rivolgendo a un potenziale “ribasso” volatile per il mercato.

A $ 46.000, BTC/USD rimane saldamente radicato in un intervallo familiare, con i rialzisti che non sono riusciti a trovare lo slancio per un nuovo attacco alla soglia dei $ 50.000.

Si stanno verificando acquisti, in particolare tra gli investitori al dettaglio più piccoli, ma per i partecipanti di mercato esperti, sono probabili livelli inferiori.

Per il famoso trader Pentoshi, questi potrebbero comunque evitare un nuovo test di $ 40.000. In un tweet di domenica, ha evidenziato l’importante scambio Bitfinex e i suoi trader di grandi volumi come una probabile fonte di supporto.

“Finex fa il massimo e il minimo su $BTC. Credi che questa sia una situazione simile in cui assorbiranno semplicemente la vendita a questi livelli chiave. Vedi settembre post 40.7k in basso”, ha scritto, riferendosi agli eventi di mercato della fine di settembre.

xtb Trading Demo

“Ora sto cercando 42-46k imo inferiore.”

Altri erano più ottimisti, con il collega trader Galaxy che chiedeva una “settimana verde” guidata da altcoin.

Con dieci giorni rimasti all’anno, anche una conclusione a sorpresa del 2021 non è universalmente esclusa quando si tratta di mercati crittografici.

Nel suo ultimo aggiornamento di mercato , la piattaforma di trading Decentrader ha presentato l’ indicatore Advanced NVT di Bitcoin come possibile trampolino di lancio per livelli di prezzo più elevati.

Ancora al minimo, la metrica del ciclo storico potrebbe ancora produrre una sorpresa per i trader, avendo quasi raggiunto il livello di “ipercomprato” più basso di sempre.

Vedremo lo stesso questa volta con un rimbalzo e un raduno durante le vacanze di Natale? O vedremo più prese di profitto a fine anno?” l’aggiornamento riassunto.

“In questo momento $BTC si trova a un livello decisionale chiave, quindi sarebbe certamente saggio gestire il proprio rischio con attenzione fino a quando non emerge una tendenza chiara”.

I minatori continuano a tenere duro

Una coorte di hodler di Bitcoin che non ha voglia di vendere ai prezzi attuali sono i minatori, i cui deflussi hanno raggiunto il minimo in tre mesi.

Secondo i dati di Glassnode, i deflussi dei miner si sono quasi dimezzati in poco più di un mese, ribadendo l’inversione di tendenza nelle dinamiche di mercato dai massimi storici.

Un calo drammatico simile è avvenuto a settembre, con i mercati spot che hanno toccato il minimo due settimane dopo. L’azione di questo mese, quindi, ha un precedente storico.

Ulteriori dati mostrano che l’offerta non spesa sta per raggiungere i massimi storici, il culmine di una tendenza incontrollata da parte dei minatori iniziata nel 2020.

In altre parole, i minatori non hanno fretta di spendere i loro sussidi per blocchi una volta che un nuovo blocco è stato estratto con successo.

Macro swap corsa rialzista di 21 mesi per la volatilità

La volatilità macro è destinata a continuare nel 2022 in una tendenza che sta destabilizzando gli investitori, avvertono le fonti questa settimana.

Proprio come Bitcoin, un inaspettato attacco al ribasso significa che il quarto trimestre di quest’anno potrebbe concludersi con un lamento e negare al mercato il suo classico “raduno di Babbo Natale”.

La colpa è sia del Coronavirus che dei disordini politici degli Stati Uniti, quest’ultimo sotto forma di un senatore che ha respinto il pacchetto di spesa da 2 trilioni di dollari del presidente Joe Biden.

Le azioni in Asia sono scese in giornata e, in vista dell’apertura degli Stati Uniti, l’umore era cauto.

“Gli investitori dovrebbero essere preparati affinché il Covid continui a essere un fattore principale nella performance del mercato verso il 2022”, ha detto a Bloomberg Robert Schein, chief investment officer di Blanke Schein Wealth Management .

“Dopo la corsa al rialzo che abbiamo visto negli ultimi 21 mesi, gli investitori non sono così abituati a periodi prolungati di volatilità”.

Schein si riferiva al ritorno visto in tutti i mercati globali da marzo 2020, quando anche un crollo cross-market ha portato Bitcoin a un minimo di $ 3.600.

In tutto questo, il dollaro USA sta tornando a rafforzarsi , un potenziale nuovo vento contrario per BTC, che è tradizionalmente inversamente correlato al biglietto verde.

L’indice di valuta del dollaro USA (DXY), che misura la forza del dollaro rispetto a un paniere di valute dei principali partner commerciali, si attestava a 96,6 al momento della stesura, dopo aver quasi raggiunto 97 alla fine della scorsa settimana.

GBTC raggiunge il più grande sconto di sempre

Bitcoin sotto i $ 50.000 dovrebbe probabilmente sembrare un affare per gli investitori di grandi volumi, ma un parametro del settore racconta una storia diversa.

Il Grayscale Bitcoin Trust (GBTC), il più grande veicolo istituzionale di BTC, attualmente viene scambiato con uno sconto di oltre il 20%, confermano i dati del sito di analisi on-chain Coinglass .

GBTC, che l’anno prossimo prevede di convertirsi in un fondo quotato a pronti Bitcoin (ETF), ha visto importanti cambiamenti nel comportamento del mercato nella seconda metà del 2021.

Come riportato da Cointelegraph , dal passare la prima parte della sua vita a fare trading con un premio pesante, il fondo di investimento offre ora agli acquirenti istituzionali quello che è di fatto il BTC “affare seminterrato”.

Al 22,95% al ​​18 dicembre, lo sconto non è mai stato così grande, un fenomeno curioso che indica ciò che alcuni sostengono sia una mancanza ancora più curiosa di domanda per le azioni GBTC.

L’incertezza normativa che circonda gli ETF spot-based rimane un punto di discussione per gli Stati Uniti Poiché solo i prodotti basati su futures hanno ricevuto il via libera quest’anno, il settore continua a mobilitarsi attorno al problema, sostenendo un cambiamento nel 2022.

La scorsa settimana, il principale exchange statunitense Coinbase ha approvato i piani per la conversione di GBTC.

“Le azioni GBTC possono essere scambiate a premi o sconti rispetto al suo valore patrimoniale netto (ovvero, il valore del Bitcoin che detiene). Tali premi e sconti possono essere drammatici: GBTC ha scambiato over-the-counter con un premio rispetto al suo valore patrimoniale netto che ha raggiunto il 142% e uno sconto rispetto al suo valore patrimoniale netto del 21%”, una lettera dedicata alla Securities and Exchange Commission legge.

“Se la proposta di Arca verrà approvata, GBTC sarà in grado di utilizzare la meccanica ETP che 4 minimizza le variazioni tra i suoi prezzi di negoziazione delle azioni e il valore patrimoniale netto (‘NAV’) delle sue partecipazioni in Bitcoin e, di conseguenza, gli investitori al dettaglio statunitensi sarà in grado di accedere al mercato Bitcoin attraverso la familiare struttura ETP e a prezzi di trading che rimangono più strettamente allineati con i prezzi di trading spot di Bitcoin.

Gli spot-based operano già con enorme successo oltre confine in Canada, così come in Europa e altrove.

I piedi freddi si gelano

Non è successo molto durante il fine settimana quando si tratta di azioni sui prezzi spot, ma questa è una magra consolazione per i trader nervosi.

Secondo il Crypto Fear & Greed Index , il sentimento intorno alle criptovalute è più debole che mai.

Continuando la sua tendenza incrociata, l’indice è tornato nella zona di “estrema paura” a partire da lunedì, non essendo riuscito a superare nemmeno i 30/100 per tutto il mese di dicembre.

Per fare un confronto, ai massimi storici di $ 69.000 il 9 novembre, Fear & Greed ha misurato 84/100 – “avidità estrema”.

Come ribadisce spesso il famoso trader e analista Rekt Capital , tuttavia, tale paura estrema “precede l’opportunità finanziaria”.

“Questo attuale canale discendente di BTC mi ricorda il canale discendente di BTC formato a maggio”, ha aggiunto domenica, riferendosi agli eventi dopo il divieto di mining in Cina quando BTC/USD ha invertito il 50% e Fear & Greed ha toccato il fondo più volte a 10/100.

Dopo quella struttura di fondo e consolidamento, ci è voluto solo un mese prima che l’Indice tornasse nella zona di “estrema avidità”.

Fonte: cointelegraph.

 

xtb Trading Azioni

Tradingmania.it consiglia

eToro Conto Demo Gratis

Tradingmania.it

Scrivi un commento

etoroTradingmania.it Suggerisce la Piattaforma eToro.
Copia le operazioni di Trader Professionisti!

X