$ 60K diventa resistenza: 5 cose da guardare in Bitcoin questa settimana

BitcoinBTC ) inizia una nuova settimana con una rara delusione per la corsa al rialzo del quarto trimestre, non riuscendo a rompere il supporto precedente.

Tradingmania.it consiglia

eToro Conto Demo Gratis

Tradingmania.it

Dopo un fine settimana promettente, BTC/USD alla fine ha visto un rifiuto a $ 60.000 due volte e da allora è sceso sotto i $ 57.000 mentre lo slancio del mercato cala.

La posta in gioco è alta: alcuni credono che gli obiettivi di prezzo dei bitcoin alle stelle possano ancora essere raggiunti entro la fine del mese, mentre altri ritengono che questo mercato rialzista impiegherà più tempo a realizzarsi rispetto ai precedenti. 

Con novembre che sembra sempre più propenso a rompere con la tradizione e a fornire risultati inferiori, sia rispetto ai mesi recenti che ai vecchi anni del mercato rialzista, i trader e gli analisti si stanno preparando per una chiusura mensile snervante ma potenzialmente interessante.

Cointelegraph esamina cinque fattori che potrebbero influenzare l’azione dei prezzi di BTC nell’ultima settimana di un “Moonvember” particolarmente stressante.

$ 60.000 si ribaltano alla resistenza

Per la maggior parte del fine settimana, l’umore degli analisti è stato semplice: “Potrebbe andare peggio”.

Dopo aver toccato i minimi di cinque settimane di $ 55,650, BTC/USD è riuscito a recuperare alcune delle sue perdite e sabato è persino “salpato più in alto” per prendere un’oscillazione a $ 60.000.

Alla fine questo non ha avuto successo, ma domenica ha visto un ulteriore tentativo, con Bitcoin che ha goduto di alcuni brevi minuti nella fascia di $ 60.000 prima che un deciso rifiuto facesse crollare di nuovo il mercato.

Al momento in cui scriviamo lunedì, $ 57.000 stanno formando un punto focale, con il chiaro impulso che quello che una volta era un solido supporto si è trasformato in resistenza.

xtb Trading Demo

Il popolare trader Pentoshi ha riassunto l’umore, ribadendo il suo desiderio di recuperare $ 61.000 come supporto per la continuazione rialzista.

Novembre 2021 ha finora fornito rendimenti negativi del -6,5% per gli hodler, rendendolo uno dei soli tre di questi novembre nella storia di Bitcoin a non produrre guadagni.

Come riportato da Cointelegraph , altri anni hanno visto un’azione di prezzo trasformativa, non ultimo il 2020, quando BTC/USD è salito di quasi il 43% a novembre.

La flessione di domenica è comunque riuscita a colmare l’ultimo gap di futures CME creato venerdì, qualcosa che è tornato ad essere una caratteristica dell’azione dei prezzi spot questo mese.

Per il collega trader e analista Crypto Ed, questo è ciò che doveva accadere per aumentare le probabilità di un nuovo rialzo nella nuova settimana.

“Aspettando un’altra gamba giù per riempire CME stasera e da lì di nuovo nei prossimi giorni”, ha detto in parte nei commenti di Twitter domenica.

Somiglianze inquietanti

Nonostante tutta la frustrazione di una correzione Bitcoin proprio quando è meno gradita, non tutti sono sorpresi o preoccupati.

I tempi brevi possono dipingere un quadro completamente diverso della salute del mercato rispetto a quelli più lunghi, ed è su questi che i commentatori stanno puntando per supportare una tesi rialzista duratura questa settimana.

“In caso di dubbio, rimpicciolisci” – rispetto alle sue prestazioni nei due anni precedenti dopo il dimezzamento delle sovvenzioni per blocchi, Bitcoin rimane sulla buona strada.

“Finora strutture correttive notevolmente simili su BTC 8H”, ha confermato domenica l’ analista TechDev .

“Quasi al giorno a distanza di 4 anni. Il 2021 continua a correre 5-8 giorni indietro rispetto al 2017 da luglio”.

TechDev ha fatto riferimento ai dati che mostrano che Bitcoin non solo ha ripetuto la sua performance del 2017 quest’anno, ma ha anche praticamente copiato i tempi per ogni fase del suo mercato rialzista.

Tradingmania.it consiglia

eToro Trading Bitcoin

Tradingmania.it

Se ciò dovesse continuare, dovrebbe apparire anche la fase di esplosione prevista, tranne che questa volta, un ordine di grandezza superiore ai $ 20.000 del 2017.

Un grafico mostra inoltre come l’indice di forza relativa di Bitcoin (RSI) stia copiando e incollando la sua performance del 2017 in particolare a novembre.

In genere, i massimi del ciclo rialzista sono accompagnati da una lettura RSI di 90 o più, così lontana dalla lettura attuale su tempi più bassi.

I fondi aumentano per la rivincita da $ 60.000

Nonostante abbia perso la battaglia per $ 60.000, il processo di tentativo di uscire dai livelli più bassi ha avuto un impatto sgradito sui mercati dei derivati, dove i trader stanno aumentando ancora una volta la leva finanziaria.

Dopo essere stati effettivamente “ripristinati” a neutrali durante i minimi della scorsa settimana, i tassi di finanziamento sono di nuovo in movimento.

Essere eccessivamente positivi, come nel caso di Bybit, OKEx e altri al momento della stesura, suggerisce un pregiudizio rialzista: l’aspettativa che ulteriori guadagni siano sulle carte.

Questo può spesso avere risultati indesiderati, poiché una flessione dei prezzi inizia a svelare un gran numero di posizioni, l’effetto valanga che fa scendere ancora di più i prezzi.

Finora , tuttavia , le liquidazioni rimangono in sordina: $ 70 milioni per Bitcoin e $ 219 milioni nei mercati delle criptovalute nelle ultime 24 ore.

Limitando le liquidazioni, quindi la domanda è quale lato del mercato verrà gestito questa settimana”, ha riassunto il blogger 52kskew su Twitter lunedì, notando cosa è successo nel nuovo test di $ 60.000.

L’open interest sui futures Bitcoin, nel frattempo, deve ancora battere i massimi storici fissati prima del calo del 10 novembre.

Il dollaro è il protagonista dello spettacolo

Sui mercati macro, il nervosismo per le misure sul coronavirus – e le proteste in risposta ad esse – continuano a presentare un miscuglio.

Con l’inflazione già saldamente sul radar, i discorsi si stanno ora rivolgendo alla Federal Reserve degli Stati Uniti, aumentando il ritmo del suo graduale aumento degli acquisti di attività il mese prossimo.

“Se quell’idea viene fuori e viene ripetutamente sottolineata, ciò aumenterà la probabilità che il tapering annunciato a dicembre sarà più veloce del ritmo annunciato all’inizio di novembre”, Jason Schenker, presidente e capo economista di Prestige Economicsha detto a Bloomberg.

A rubare le luci della ribalta questa settimana, tuttavia, è il dollaro USA.

Il biglietto verde ha battuto la resistenza di lunga data questo mese per raggiungere il suo massimo dal luglio 2020, secondo l’indice di valuta del dollaro USA (DXY).

In genere, i guadagni DXY pronunciati hanno l’effetto opposto su Bitcoin, che fa fatica durante tali periodi. Novembre non ha fatto eccezione poiché gli swap DXY si sono ridotti all’impennata e hanno tenuto una lettura di 96.

“Il problema? Il sentimento sta diventando molto estremo nella terra degli fx”, ha avvertito l’ analista Helene Meisler  nel fine settimana.

Un’inversione di tendenza per il DXY insolitamente volatile fornirebbe al contrario un test di correlazione inversa con BTC.

Il sentimento dice “aspetta e vedrai”

Sul tema dell’umore del mercato, all’interno delle criptovalute, gli investitori sono indecisi.

L’ultima lettura dell’indice Crypto Fear & Greed mostra che, nonostante il comportamento dei prezzi a breve termine, il mercato è di fatto del tutto neutrale.

A 50/100, Fear & Greed è esattamente nel mezzo della sua possibile gamma di valori, evidenziando una mancanza di sentimento “estremo”.

Questo può agire in favore di Bitcoin, con shakeout della scorsa settimana che ha spinto di nuovo il sentimento in territorio “paura” da cui è ormai recuperato.

Contrasto che con il Fear & Greed Index dei mercati tradizionali  e la dicotomia è chiara: “Extreme greed” ha caratterizzato quest’ultimo alla chiusura precedente, e ora “greed” rimane ancora.

Fonte:cointelegraph

xtb Trading Azioni

Tradingmania.it consiglia

eToro Conto Demo Gratis

Tradingmania.it

Leave a Reply