A due anni dal crollo del COVID-19: 5 cose da sapere in Bitcoin questa settimana

Sono passati due anni da quando BTC/USD è crollato a $ 3.600 e viene scambiato oltre dieci volte più in alto, ma le nuvole, come sempre, incombono a grandi dimensioni.

Bitcoin ( BTC ) inizia una nuova settimana lottando per preservare il supporto mentre i cambiamenti macro chiave appaiono all’orizzonte.

In quella che potrebbe rivelarsi una settimana cruciale per il rapporto di Bitcoin e altcoin con gli asset tradizionali, la Federal Reserve degli Stati Uniti è destinata a diventare il principale argomento di discussione per gli hodler.

In un’atmosfera di inflazione ancora dilagante, allentamento quantitativo ancora in corso e turbolenze geopolitiche incentrate sull’Europa, c’è molta incertezza nell’aria, indipendentemente dal commercio.

Aggiungi a ciò un fallimento da parte di Bitcoin nel trarre vantaggio dal caos e il risultato sono alcuni seri piedi freddi: cosa ci vorrebbe per infondere fiducia?

Proprio come sembra che nulla possa infrangere lo status quo ormai vecchio di mesi sui mercati Bitcoin, che finora sono rimasti bloccati in un trading range per tutto il 2022, gli eventi imminenti potrebbero comunque fornire quel catalizzatore per un cambiamento epocale sia nel sentimento che nell’azione dei prezzi .

Cointelegraph dà un’occhiata ai fattori impostati per aiutare a muovere i mercati nei prossimi giorni.

Russia, Cina, inflazione e Fed

Combattilo o no, la Fed è il probabile kingmaker quando si tratta di prestazioni crittografiche questa settimana.

Il 16 marzo, i politici decideranno se procedere o meno con un rialzo dei tassi di interesse chiave previsto dallo scorso anno.

La Fed ha un problema: l’inflazione è alle stelle. Ma lo è anche il desiderio di ridurre il suo bilancio record da due anni di eccessi di coronavirus.

Un rialzo dei tassi dovrebbe quindi essere solo modesto, forse un quarto di punto base, ma le implicazioni potrebbero comunque essere considerevoli per i bitcoiner.

BTC ha già dimostrato di essere saldamente attaccato alle azioni statunitensi e qualsiasi reazione istintiva alla Fed verrà probabilmente copiata.

Le azioni non sono amiche degli aumenti dei tassi, poiché il periodo del denaro facile ha accompagnato le reazioni al COVID-19 è stata una sorta di era d’oro che si è conclusa solo alla fine del 2021. Questo arriva quando la realtà delle mosse della Fed ha colpito nel segno. Allo stesso modo, il bitcoin ha raggiunto il massimo storico a novembre e poi ha iniziato un rapido declino.

“Questa settimana sarà importante per i trader di criptovalute e azioni, poiché la Fed dovrebbe decidere un aumento del tasso di un quarto di punto questa settimana. Bitcoin ed Ethereum sono stati ancorati all’SP500 nel 2022 e queste decisioni dovrebbero avere un grande impatto sulle criptovalute”, ha riassunto la società di analisi Santiment il 14 marzo.

La Fed, tuttavia, è tutt’altro che l’unico macro player di cui preoccuparsi per i Bitcoiner.

In Europa, i legislatori voteranno sulla legislazione sulle criptovalute, con alcuni che tentano di istigare il divieto di proof-of-work (Poprotocols che cita preoccupazioni ambientali.

Mentre i critici hanno già liquidato l’idea come ridicola, la minaccia al sentimento di una potenziale vittoria rimane.

“Un divieto di PoW sarebbe un divieto di indovinare un numero”, ha avvertito Knut Svanholm, autore di Bitcoin: Sovereignty Through Mathematics .

“Pensa a cosa implicherebbe un divieto del genere”.

Accanto, il conflitto russo-ucraino continua ad avanzare insieme alle sue ricadute economiche: la Russia rischia il default e le sanzioni e i blocchi commerciali si stanno aggiungendo alle pressioni inflazionistiche.

In Cina, nel frattempo, lo stesso COVID-19 è tornato alla ribalta con un numero crescente di residenti bloccati.

Il prezzo spot “celebra” due anni dal crollo del COVID-19

In quanto tale, le cose sono nella migliore delle ipotesi precarie per i trader di Bitcoin a breve termine.

Dato che uno qualsiasi dei suddetti fattori macro potrebbe innescare una nuova disfatta delle azioni, per molti Bitcoin si è sentito come una papera seduta all’inizio della settimana.

“Dobbiamo ancora vedere il calo della capitolazione come per ogni altro calo macro che abbiamo visto”, ha affermato il popolare account Twitter Crypto Tony .

Una tale mossa capitolare è già stata espressa come una cruda possibilità e il tempismo sarebbe cupo, arrivando quasi esattamente a due anni dal giorno in cui BTC/USD è crollato a $ 3.600 nel primo round del caos COVID-19.

Come riportato in precedenza da Cointelegraph, i livelli di supporto rimangono non reclamati poiché $ 40.000 si rifiutano di reggere per più di pochi giorni o ore.

La chiusura settimanale ha visto un calo dell’ultimo minuto verso i 37.000$, BTC/USD, riuscendo comunque a recuperare gran parte del terreno perso per scambiare a circa 38.600$ nel momento in cui scriviamo.

Analizzando le prospettive a breve termine, il collega account Twitter Plan C si è rivolto al suo modello Confluence Floor per concludere che un macro prezzo minimo potrebbe essere dovuto nel prossimo mese.

Tuttavia, un tale minimo potrebbe scendere a circa $ 27.000. Ciò porterebbe Bitcoin al di sotto del suo prezzo di apertura del 2021 e brevemente fuori dall’intervallo che si è consolidato da allora.

“Non sono convinto che andiamo a 27k, ma se la storia si ripete per la quarta volta consecutiva, quello potrebbe essere il minimo di questa fase di accumulo”, ha aggiunto Plan C su Twitter.

L’accumulo fornisce un debole rivestimento d’argento 

Sul tema dell’accumulazione, sembra che non siano tutte cattive notizie quando si tratta della domanda di Bitcoin a prezzi correnti.

Come riportato da Cointelegraph, le balene sono state attive negli ultimi giorni  , mentre la percentuale dell’offerta complessiva di BTC controllata da investitori più piccoli ha raggiunto il massimo di un anno.

Ora, queste abitudini si riflettono nei continui nuovi minimi nell’offerta degli scambi.

Le modifiche sono state notate da Philip Swift, creatore della risorsa di analisi on-chain LookIntoBitcoin, il 1° marzo.

I dati separati della società di analisi a catena CryptoQuant confermano la tendenza e mostrano che dei 21 principali scambi coperti, i saldi BTC sono al minimo combinato dall’inizio di agosto 2018: 2,32 milioni di BTC.

La storia dei saldi di cambio è in effetti piuttosto complessa, poiché scambi diversi mostrano tendenze diverse.

Nell’ultima edizione della sua newsletter settimanale, The Week On-Chain, pubblicata il 7 marzo, la piattaforma di analisi on-chain Glassnode ha dedicato molta attenzione al fenomeno, osservando che l’offerta sell-side nel complesso rimane “abbastanza modesta” date le circostanze macro.

“Durante gli eventi macro e geopolitici altamente volatili delle ultime settimane, anche i volumi netti dei flussi di cambio sono ragionevolmente stabili, nonostante una leggera propensione agli afflussi questa settimana”, hanno osservato i ricercatori all’epoca.

Gli ultimi dati di Glassnode mostrano che da allora gli scambi hanno perso altri $ 1,9 miliardi in BTC nell’ultima settimana.

Il sentimento del mercato non impressiona nessuno

Forse non sorprende, ma questa settimana il Bitcoin e il più ampio sentimento delle criptovalute puntano decisamente al ribasso.

Dopo due mesi di range e fakeout, i rialzisti sono stanchi e la minaccia di una capitolazione macro-indotta è nell’aria.

“Il sentimento di Bitcoin sembra peggiore ora rispetto a luglio 21 imo e il prezzo è di oltre $ 8k in più rispetto al minimo di luglio 21”, ha riassunto l’account di analisi di Twitter On-Chain College .

Esaminando la realtà della catena questa settimana, la risorsa di ricerca, approfondimento e istruzione Cane Island Digital Research ha evidenziato il volume come un altro segno rivelatore che lo slancio era caduto da Bitcoin.

“Il volume di Bitcoin è un orribile indicatore del prezzo, ma è un discreto indicatore del sentimento”, ha commentato.

“È difficile pensare che il volume possa scendere molto, il che significa che bitcoin deve essere vicino al minimo.”

Anche se questo potrebbe essere un indicatore di una capitolazione in arrivo e di un’inversione di tendenza, il timore era ancora palpabile.

Mark Yusko, fondatore, CEO e chief investment officer di Morgan Creek Capital Management, ha descritto i numeri di Cane Island come un sentimento che “si avvicina al sbiadimento”.

Nel frattempo, l’indice Crypto Fear & Greed  rimane in territorio di “paura estrema”, vicino al segno 20/100, che ha agito come una linea nella sabbia da metà febbraio.

Esplosione di obbligazioni vulcaniche?

Cerchi un contrappunto alle cattive notizie apparentemente infinite da fonti macro?

Potrebbe benissimo arrivare questa settimana sotto forma di El Salvador e dell’emissione delle sue obbligazioni Bitcoin decennali, note informalmente come obbligazioni del vulcano .

Il paese che è diventato il primo ad adottare Bitcoin come moneta a corso legale l’anno scorso, da allora si è rivolto all’energia geotermica da un vulcano per estrarre BTC.

A tal fine, ora sta cercando partnership di investimento a lungo termine emettendo obbligazioni direttamente legate all’attività mineraria, una mossa che ha entusiasmato i commentatori per il flusso di denaro serio che potrebbe potenzialmente fluire nell’ecosistema.

Mentre la data esatta dell’emissione delle obbligazioni, che dovrebbe attirare $ 1 miliardo, rimane sconosciuta, crescono i sospetti che potrebbe arrivare questa settimana.

A parte i vantaggi dell’utilizzo del denaro per investire in BTC, le conseguenze a lungo termine del piano di El Salvador, in caso di successo, dovrebbero essere sottovalutate come un cambiamento nel paradigma economico globale, secondo l’ex chief strategy officer di Blockstream Samson Mow.

In un’intervista con Saifedean Ammous sul Podcast Bitcoin Standard questo fine settimana, Mow è stato ottimista come chiunque altro.

Quindi, se El Salvador tira fuori questo legame, allora mostra al mondo che non è necessario fare affidamento sul FMI o su qualsiasi istituto centrale di prestito che non ha necessariamente a cuore il tuo interesse, ma puoi semplicemente finanziare tutto con Bitcoin obbligazioni garantite”, ha detto.

Fonte: cointelegraph

Canale Youtube

Scrivi un commento