News Criptomonete
| On 2 mesi fa

Amazon dice che non accetterà Bitcoin per i pagamenti

di TradingMania.it
Condividi

Il gigante dell’e-commerce smentisce i rapporti sul supporto di Bitcoin

Amazon ha negato che si stia preparando ad accettare pagamenti in Bitcoin .

Il gigante dell’e-commerce era stato al centro di molta eccitazione nello spazio crittografico all’inizio di questa settimana a seguito di un rapporto secondo cui stava cercando di assumere esperti nel settore .

Tuttavia, Amazon ha ora affermato che le affermazioni, che suggeriscono che la società potrebbe anche essere pronta ad accettare altre criptovalute come Ethereum, Cardano e Bitcoin Cash, sono completamente false.

Nessun Bitcoin per Amazon

“Nonostante il nostro interesse per lo spazio, la speculazione che è scaturita sui nostri piani specifici per le criptovalute non è vera”,

ha detto a Reuters un portavoce di Amazon.

“Rimaniamo concentrati sull’esplorazione di come potrebbe essere questo aspetto per i clienti che acquistano su Amazon”.

Il rapporto originale di City AM affermava di aver scoperto un elenco di lavoro di Amazon per  ” criptovaluta e blockchain. Il post affermava che Amazon stava cercando qualcuno in grado di “sfruttare l’esperienza del dominio in blockchain, registro distribuito, valute digitali della banca centrale e criptovaluta”. 

Tuttavia, Amazon vuole anche “sviluppare il caso per le capacità che dovrebbero essere sviluppate, guidare la visione generale e la strategia del prodotto e ottenere il consenso della leadership e gli investimenti per nuove capacità”.

La società non ha commentato una parte secondaria del rapporto City AM che affermava che anche Amazon sta lavorando allo sviluppo del proprio token digitale. 

Se Amazon aggiungesse il supporto per una serie di criptovalute, potrebbe anche creare il proprio token nativo, anche se questo probabilmente dipenderebbe dal successo del lancio del supporto per i pagamenti Bitcoin.

Dati recenti hanno dimostrato che Amazon guida ancora comodamente il mercato globale dell’e-commerce , con oltre un quarto, o il 27% della spesa dei consumatori nel Regno Unito che passa attraverso l’azienda.

Tuttavia, in qualche modo sorprendentemente, due terzi degli acquirenti in tutto il mondo hanno riferito che preferirebbero ancora lo shopping con marchi che hanno sia una presenza online che negozi fisici. 

La presenza di Covid-19 rimane una forte ragione per scoraggiare molti consumatori dallo shopping nei negozi fisici, con il 41% che dichiara di essere preoccupato per la prospettiva di mettere piede in un negozio. Tuttavia, la percentuale è scesa dal 48% che ha detto la stessa cosa l’anno scorso.

Fonte: techradar

 

TradingMania.it

Lo staff di Tradingmania.it è composto da Analisti Finanziari e Trader professionisti, laureati in Economia delle Istituzioni e dei Mercati Finanziari II Università di Roma Tor Vergata.