Home Azioni

Azioni

Cosa sono le Azioni: definizione

Le azioni
Le azioni

Le azioni, in parole povere, sono quote rappresentative di proprietà di una società per azioni. In sostanza la proprietà viene suddivisa tra gli azionisti.

Come investimento le azioni presentano la caratteristica principale di non avere una remunerazione certa, come le obbligazioni. Il loro rendimento poi è di due tipi:

  1. Il dividendo, ossia l’utile che ogni anno le società decidono/possono distribuire; questo indicatore ha anche delle proprietà utili all’analisi tecnica;
  2. La differenza tra il valore di acquisto e quello di vendita dell’azione.

Le Azioni dal punto di vista fiscale

Dal punto di vista fiscale le azioni hanno lo stesso trattamento delle obbligazioni non statali ma hanno il vantaggio (per quei pochi che poi lo fanno realmente) di permettere di partecipare alle assemblee.

Esistono diversi studi che si possono fare sulle azioni per fare del trading, come l’analisi fondamentale.

C’è poi la possibilità di investire nelle azioni direttamente utilizzando prodotti che le hanno come sottostante:

Le azioni spesso fanno parte di indici azionari che cercano di sintetizzare un certo mercato analizzando l’andamento di un certo numero di questi strumenti.

Il Trading con le Azioni

Il Trading con le Azioni
Il Trading con le Azioni

Le azioni sono strumenti finanziari quotate nelle principali borse ed i loro prezzi sono strettamente correlati ai livelli di scambio tra gli operatori. Sono strumenti semplici e adatti anche ai neofiti del trading online.

Queste, le azioni, fanno parte del capitale di un’azienda costituita sotto forma di società per azioni (SPA). Il proprietario di un’azione ogni anno riceve una parte degli utili proporzionale alla quota di capitale posseduta, parliamo in questo caso di quella quota definita dividendo.

Lo stesso proprietario di un’azione può partecipare alle assemblee ordinarie e straordinarie, oltre che designare gli organi amministrativi della società. Questi fattori di cui abbiamo fin qui parlato sono proporzionali alla quota di capitale posseduta, più azioni di una società possiedi e maggiori saranno i conti. Abbiamo poi le azioni speciali, come Le azioni di risparmio, le quali offrono dividendi molto elevati pur non consentendo di entrar a far parte delle assemblee della società.

Per comprendere appieno il concetto di azione, spieghiamo il concetto di obbligazione, sottolineando le differenze che i due elementi presentano. Le obbligazioni rappresentano titoli di debito derivanti da una società che offre un rendimento, il più delle volte proporzionale al rischio e al rendimento. Nel momento in cui si sottoscrive un’obbligazione si ha in qualche modo la certezza di ottenere oltre che il proprio denaro, interessi predeterminati. Esiste la possibilità seppur rara che la società emittente vada in default.
Non ci sono garanzie per tutti coloro che sottoscrivono o comprano azioni, poiché la società potrebbe optare per una mancata distribuzione dividendi per anni, con una conseguente discesa del valore del titolo, senza che questo rappresenti una circostanza straordinaria.

Quando prendiamo in esame il trading di azioni, facciamo riferimento soprattutto a quelle azioni di società quotate in Borsa; queste vengono scambiate in modo telematico, trading online, e possono essere acquistate da tutti coloro in possesso di una connessione internet e l’account su una piattaforma di trading.

Per capire meglio il concetto trattiamo altri due fattori centrali nel discorso: capitalizzazione e flottante.
La capitalizzazione di una società, non è altro che il suo valore in Borsa, ottenuto moltiplicando il numero di azioni totali per la quotazione di ciascuna azione.

La quota di capitale azionario, disponibile per il trading, si chiama flottante; questo non appartiene a soci stabili della società, e spesso in questo si fa rientrare anche la quota propri di quei fondi di investimento, in quei casi in cui questa non sia una quota di controllo.

Importante capire bene questi due concetti in quanto non conviene mai operare su azioni di società con bassa capitalizzazione e basso flottante.

Risulta difficile poter prevedere questo tipo di azioni, spesso soggette a manipolazioni e scorrettezze di vario genere.

Come guadagnare con le Azioni?

Possiamo scegliere di guadagnare dai dividendi distribuiti annualmente dalle società quotate, creando così una rendita per azionisti, oppure mediante operazioni di compravendita, sfruttando le strategie e le analisi tecniche e grafiche.

Dove si possono comprare le Azioni?

E’ possibile comprare le Azioni quotate, in quei mercati che sono regolamentati in base alla loro nazione: Azioni italiane presso la borsa di Milano (chiamata pure Piazza Affari); Azioni Americane presso le borse come Nasdaq o NYSE; Azioni europee presso le borse di Francoforte, Londra, Madrid e altre.

Necessaria una piattaforma di trading online per avere così un accesso diretto alle quotazioni in tempo reale, e al fine di usufruire di servizi appositi, utili per le contrattazioni con un broker forex.

Investire in azioni

Investire in azioni non significa comprare azioni. Comprare un’azione ha come fine ultimo quello di guadagnare il massimo. Per guadagnare esistono due metodi, sia con l’aumentare del valore della quotazione delle azioni sui mercati finanziari, che con i dividendi. I dividendi non sono garantiti e la quotazione dell’azione incorpora sempre il valore del dividendo; il giorno seguente al pagamento del dividendo il valore dell’azione crolla sempre in Borsa per una somma pari al dividendo stesso.

Se il valore del titolo sale, i guadagni da virtuali diventano reali solo se effettivamente venduti.
Comprare zioni può dover dire rischiare grosse perdite, poiché se il prezzo dell’azione scende, il trader si trova difronte due soluzioni: tenersi le perdite sperando di recuperare il prezzo dell’azione in qualche modo, oppure semplicemente accettare la sconfitta.

Per investire in azioni, più che comprare azioni, occorre sottoscrivere derivati che abbiano come sottostanti le azioni stesse.

I derivati sono quei titoli il cui valore è collegato a quello di un asset, il sottostante Azioni quotate sul mercato); il guadagno risulta possibile sia quando il valore del sottostante cresce, che quando scende.
Per guadagnare è necessario prevedere il trend. Contratti per differenza e opzioni binarie sono appunto due validi strumenti per guadagnare con le azioni.

Da sconsigliare invece quelle piattaforme che consentono l’acquisto diretto delle azioni.
Inoltre è bene sapere che queste piattaforme applicano sempre commissioni sull’eseguito; nel caso in cui si abbi a a disposizione un capitale molto elevato e un orizzonte di investimento di diversi anni, acquistare direttamente le azioni, potrebbe essere conveniente.

Le azioni italiane

Seppur la Borsa italiana risulti piccola rispetto a quei colossi come la Borsa di di New York ,Wall Street, di Londra o di Francoforte, la stragrande maggioranza degli investitori italiani, rimangono legati alle azioni italiane per diversi motivi.

In realtà non sono presenti differenze dal punto di vista pratico, operando su azioni straniere, in quanto le migliori piattaforme di trading, garantiscono l’accesso alle più importanti azioni mondiali.
Naturalmente tra i motivi di preferenza incide la conoscenza che i trader hanno delle azioni italiane rispetto ai titoli stranieri.

Cosa intendiamo quando parliamo di indice azionario?

L’indice azionario è un portafoglio di titoli: un definito paniere di titoli azionari che, acquisiscono un certo peso per il calcolo della quotazione, rispondendo a differenti sistemi di ponderazione.
L’andamento di questo è il prodotto delle azioni che contiene: il valore sale all’aumentare della quotazione dei titoli, scende quando questi perderanno valore.

Ad ogni indice azionario corrispondono notevoli volumi di negoziazioni e quotidianamente vengono eseguiti scrupolosamente dagli esperti del settore.
Una grande quantità presente e molte piattaforme, consentono un accesso al trading mediante i CFS, contracts for difference.

Indici azionari e forex

I fondamenti di analisi tecnica proprie del mercato delle valute, sono argomento anche negli indici azionari, compresi i pattern del forex trading.
Le notizie che siam soliti seguire per il forex, derivanti dal calendario economico, differiscono tra loro, in base alla relazione che accomuna i titoli azionari con il tipo di notizia.
Gli indici sottostanno alle influenze di quegli aggiornamenti di diversa natura, inerenti a episodi o decisioni di singole aziende quotate o settori industriali coinvolti.

Gli indici azionari sono caratterizzati da un’elevata volatilità, rappresentando pertanto un’ottima opportunità per il trading intraday, ma dall’altra parte anche un fattore di rischio.

Principali indici azionari

Tra i principali indici azionari troviamo: il CAC 40 francese, il DAX 30 tedesco, il FTSE MIB italiano, il FTSE 100 britannico, l’IBEX 35 spagnolo, il giapponese Nikkei 225 e gli statunitensi Dow Jones, S&P 500 e Nasdaq.

L’indice più capitalizzato nella borsa italiana, comprendente ben 40 società, è il FTSE MIB.

Distinzioni indici azionari

Oltre alla distinzione geografica, sicuramente la più evidente, la classificazione degli indici azionari può essere fatta prendendo a riferimento il settore industriale dei titoli contenuti, e in base al sistema di ponderazione che contraddistingue il peso attribuito a ciascun titolo all’interno del portafoglio.

Selezione Migliori Broker Forex Regolamentati

In primo luogo vogliamo fornirvi una lista dei Broker Forex regolamentati. I Broker sono stati testati e recensiti dal nostro staff.

BrokersCaratteristiche*Leva*Conto Demo*
broker Markets.comConto Demo di 10000€!
Recensione Markets.com
CySEC 092/08
1:294Prova una Demo Gratuita!
broker 24optionConto Demo Gratuito!
Senza Deposito!
Recensione 24option
CySEC 207/13
1:400Prova una Demo Gratuita!
broker etoroOttimo broker forex
Recensione eToro
CySEC 109/10
1:400Prova una Demo Gratuita!
Bdswiss forex tradingConto Vip Gratis
Conto Esclusivo
Recensione BDSwiss forex
CySEC: 199/13
1:400Prova una Demo Gratuita!

*Avviso di rischio: Gli investitori possono perdere tutto il loro capitale da trading.
Rischia solo il capitale che sei disposto a perdere. Questo messaggio non costituisce un consiglio di investimento.
N.B.: Tutti i Broker elencati sono certificati e autorizzati dalla CySEC (Cyprus Securities and Exchange Commission).

Maggiori informazioni sui broker forex