Bankman-Fried si scusa con i dipendenti FTX

Il fondatore ed ex CEO di FTX Sam Bankman-Fried era “sotto pressione” quando la sua azienda è fallita, lo ha scritto in una lettera inviata ai dipendenti della società che gestiva in precedenza. In una lettera condivisa all’interno di FTX Slack e ottenuta da CoinDesk, Bankman-Fried ha dichiarato di essere “profondamente rattristato da quanto accaduto” e per ciò che ha significato per i dipendenti dell’azienda.

In Esclusiva per Tradingmania.it

Trading online Demo eToro

Tradingmania.it

In Esclusiva per Tradingmania.it

Trading online Demo eToro

Tradingmania.it

Non ha affrontato le accuse secondo cui FTX ha utilizzato fondi di clienti e società per sostenere l’indagine Bankman-Fried Alameda, rapporti secondo cui Alameda era esente dal normale processo di liquidazione di FTX o dichiarazioni secondo cui Alameda ha contratto prestiti da FTX,a lui incluso.

Non volevo che accadesse e darei qualsiasi cosa per tornare indietro e fare di nuovo le stesse cose. Era la mia famiglia“, ha detto. “L’ho persa e la nostra vecchia casa è uno showroom vuoto. Quando torno non ho nessuno con cui parlare.”

Siamo stati messi sotto pressione, dopo le fughe di notizie [una lettera di intenti per acquistare FTX] da Binance e non abbiamo detto nulla”, ha detto. Bankman-Fried ha rassegnato le dimissioni da CEO di FTX l’11 novembre, prima che la sua azienda portasse i libri in tribunale.

Attualmente non è impiegato dalla società, ha dichiarato il nuovo CEO John Ray III, e Bankman-Fried ha twittato su vari argomenti e ha parlato con un giornalista della società. Un attuale dipendente hapubblicato la lettera inviatagli da Bankman-Fried visto che lui non aveva più accesso a Slack dell’azienda.

Tradingmania.it Consiglia

Canale Telegram Millionaireweb.it

Tradingmania.it

Tradingmania.it Consiglia

Canale Telegram Millionaireweb.it

Tradingmania.it

Secondo Bankman-Fried, nella passata primavera FTX contava circa su 60 miliardi di dollari di garanzia e di circa 2 miliardi di dollari di debito, poi il crollo del mercato ha ridotto alla metà il valore di quella garanzia.

Il “prosciugamento” dei prestiti industriali significava anche che la garanzia FTX valeva circa $ 25 miliardi, anche se il debito è salito a $ 8 miliardi.

La seconda crisi di novembre ha causato “un ulteriore calo del 50% del valore dell’assicurazione in brevissimo tempo”, che allora valeva 17 miliardi di dollari.

Gli ‘“attacchi “così definiti da BankmanFried, a novembre hanno ridotto la sicurezza di altri 8 miliardi di dollari.

Quando abbiamo messo tutto insieme, è diventato chiaro che la posizione era più ampia di quanto gli amministratori/utenti pensassero a causa dei vecchi depositi fiat prima che FTX avesse un conto bancario”, ha affermato. “Non ero a conoscenza dell’intera gamma di posizioni di copertura e rischi per un evento ipercorrelato”, ha dichiarato in fine Bankman-Fried.

Fonte: CoinDesk

Scrivi un commento