Vuoi investire in Bitcoin da Professionista?

Scarica la Guida Gratuita al Trading Bitcoin!

Grazie al broker eToro puoi investire in Bitcoin come i Professionisti.

Conto Demo Gratuito illimitato!

Conto Demo Gratuito e Illimitato Senza Vincoli di Deposito.

Centro Assistenza Telefonica 24 ore su 24. Guida al trading online Gratuita!

 

| On 1 mese fa

Bitcoin: cosa significa l’ inversione di marcia di Elon Musk sui pagamenti Tesla per il futuro delle criptovalute

di TradingMania.it
Condividi

Il rapporto di Tesla con le criptovalute è stato un ottovolante stop-start. A febbraio, il produttore di veicoli elettrici ha annunciato di aver acquistato $ 1,5 miliardi (£ 1,1 miliardi) di bitcoin e ha pianificato di accettare la criptovaluta in futuro come mezzo di pagamento dai suoi clienti. Il prezzo della più grande criptovaluta quel giorno è salito da poco più di 39.000 dollari a 46.000 dollari, raggiungendo il massimo storico di quasi 65.000 dollari ad aprile e un profitto cartaceo di oltre 1 miliardo di dollari per Tesla.

Avanti veloce di poche settimane e la situazione è completamente cambiata. La prima è arrivata alla fine di aprile la notizia che Tesla aveva venduto il 10% delle sue partecipazioni in bitcoin, secondo quanto riferito per dimostrare la liquidità della valuta digitale.

E, cosa più importante, Musk ha ora annunciato su Twitter che Tesla ha sospeso gli acquisti utilizzando bitcoin tra le preoccupazioni per il “rapido aumento dell’uso di combustibili fossili” utilizzato per l’estrazione della criptovaluta. Ciò ha provocato un’enorme svendita nei mercati delle criptovalute, con il bitcoin che è precipitato da circa 55.000 $ a 45.000 $, prima di recuperare a circa 50.000 $ al momento della scrittura.

Tradingmania.it consiglia

Tradingmania.it

Le preoccupazioni sull’impronta di carbonio di bitcoin non sono certo nuove. La sua rete è protetta da “minatori” che utilizzano array di supercomputer per competere in giochi dove indovinare i numeri molto complessi, che utilizzano grandi quantità di elettricità. Come è stato ben segnalato , questo è l’utilizzo equivalente di un paese di medie dimensioni . Peggio ancora, gran parte di questo mining si basa sull’energia alimentata a carbone in Cina, sebbene molti nel settore delle criptovalute sostengano che l’ impatto sia molto più moderato di quanto suggerito.

Ad ogni modo, è difficile credere che Musk e Tesla non fossero a conoscenza di questi problemi all’inizio dell’anno. E il fatto che Tesla intenda ancora mantenere bitcoin nel suo bilancio rende l’annuncio ancora più confuso, sia perché sembra incoerente con le paure di Musk sulle emissioni di carbonio, sia perché l’investimento di Tesla potrebbe essere danneggiato dal calo del prezzo del bitcoin. In effetti, il prezzo delle azioni della società è rimasto abbastanza stabile da quando è scoppiata la storia.

La corsa al toro sta finendo?

Una marea crescente solleva tutte le barche, ma può anche essere vero il contrario. La preoccupazione per gli investitori in criptovaluta è se lo spostamento al ribasso del prezzo segna l’inizio della fine per l’attuale corsa al rialzo di bitcoin, che ha visto il prezzo aumentare di circa cinque volte dall’ottobre 2020. I prezzi nell’intero mercato delle criptovalute sono già diminuiti dall’annuncio di Musk.

In alternativa, questo è semplicemente un altro dei tanti ostacoli storici sulla strada mentre la nuova valuta sul blocco aspira a diventare una delle più grandi al mondo? In termini di valore di mercato aggregato totale, il bitcoin è attualmente appena fuori dalle prime dieci valute del mondo.

La contraddizione con bitcoin è che è una tecnologia relativamente vecchia ma è ancora leader di mercato. Lento, energeticamente inefficiente e spesso costoso da usare, è il diesel nell’era dell’elettrificazione. Tuttavia vanta un’enorme rete di utenti, che sono ottimisti su potenziali aggiornamenti previsti come Taproot , che mira a migliorare la privacy e può anche migliorare l’efficienza delle transazioni, e Lightning Network , che mira a rendere le transazioni più veloci ed economiche.

Bitcoin rimane il primo cane tra le criptovalutecon il 42% del valore di mercato totale. Esistono numerose monete alternative con credenziali di sostenibilità molto più forti, inclusi grandi nomi come stellar, ripple e cardano. Ma il vantaggio della prima mossa conta ancora molto nella tecnologia. Ciò è particolarmente vero nelle criptovalute, dove le valute fanno molto affidamento sui tassi di adozione e sulla fiducia in un prodotto che è forte solo quanto la convinzione collettiva della base di utenti.

Soprattutto, bitcoin ha due grandi punti di forza: è cablato per ammontare sempre e solo a 21 milioni di monete (con oltre 18 milioni già estratti), e non è dominato da nessuna singola organizzazione ma è decentralizzato tra migliaia di grandi proprietari. In un momento in cui le nazioni (centralizzate) stanno svalutando le loro valute creando sempre più denaro attraverso il quantitative easing e mantenendo i tassi di interesse così bassi che è difficile per gli investitori fare soldi, è probabile che una valuta con un’offerta limitata rimanga molto attraente. Questo è il motivo per cui così tante aziende e individui hanno immerso le dita dei piedi nelle acque instabili delle criptovalute negli ultimi mesi.

Muschio e luna

Gli investitori crittografici possono consolarsi del fatto che Tesla non stia vendendo le sue partecipazioni in bitcoin. Almeno per il momento, gli scambi di criptovalute non dovranno elaborare ordini di vendita di grandi dimensioni dalla più grande azienda automobilistica del mondo.

Un’altra cosa da notare nella dichiarazione di Musk è che ha affermato che Tesla era anche potenzialmente interessata ad accettare pagamenti in criptovalute con meno dell’1% dell’impronta energetica di bitcoin. Musk ha precedentemente espresso la sua apparente affinità per la moneta scherzosa originale trasformata nella top ten della criptovaluta, dogecoin, dichiarandosi ” il Dogefather “ – e facendo riferimento alla valuta nella sua recente apparizione al Saturday Night Live.

Dogecoin è certamente a basso consumo energetico , anche se non è né scarso né decentralizzato . Quindi è possibile che Tesla possa fare perno su dogecoin come asset di tesoreria e valuta funzionale per integrare le sue partecipazioni esistenti in bitcoin. In effetti, all’inizio di questa settimana, Musk ha condotto un sondaggio sul suo account Twitter, chiedendo: “Vuoi che Tesla accetti il ​​doge?” La risposta schiacciante dei suoi seguaci è stata “sì”.

Sia che Musk dia loro quello che vogliono o appoggi qualche altra criptovaluta come Ethereum o Ripple, tutti gli occhi saranno sicuramente su di lui per vedere cosa succederà dopo. Per quanto riguarda il bitcoin, gli analisti perlustreranno i rendiconti degli utili delle più grandi società per vedere se qualcuno ha spostato la criptovaluta nei loro tesori. Questa parte del mondo finanziario non è mai a corto di dramma, e ce ne sarà sicuramente di più dietro l’angolo.

Fonte: theconversation

Tradingmania.it consiglia

Tradingmania.it

TradingMania.it

Lo staff di Tradingmania.it è composto da Analisti Finanziari e Trader professionisti, laureati in Economia delle Istituzioni e dei Mercati Finanziari II Università di Roma Tor Vergata.