Bitcoin è troppo volatile, poco pratico e non riesce come riserva di valore: Bank of America

L’estrema volatilità e impraticabilità di Bitcoin gli impedisce di fungere da riserva di valore, hanno affermato i ricercatori della Bank of America.

Tradingmania.it consiglia

eToro Conto Demo Gratis

Tradingmania.it

Mentre Morgan Stanley e JPMorgan hanno adottato un approccio più pro-BTC, un’altra gigantesca istituzione finanziaria statunitense, Bank of America, ha pubblicato un rapporto che colpisce l’assetIn esso, i ricercatori hanno definito bitcoin poco pratico, eccezionalmente volatile e hanno messo in dubbio la sua riserva di valore.

BoA sbatte Bitcoin

Citato dal Financial Times, il rapporto della Bank of America sul bitcoin ha preso a pugni diversi attributi, inclusa la sua natura altamente volatile. I ricercatori hanno affermato che questa “volatilità eccezionale” rende la criptovalutapoco pratica come riserva di ricchezza o meccanismo di pagamento”.

Inoltre, hanno affermato che gli speculatori che acquistano porzioni dell’asset sono l’unica ragione dietro la sua corsa al rialzo che l’ha portata da $ 10.000 a $ 60.000 nell’arco di diversi mesi. Tuttavia, credono che altre classi di asset abbiano sovraperformato BTC in termini di capacità di riserva di valore.

“In generale, scopriamo che il bitcoin non è stato particolarmente convincente come copertura contro l’inflazione poiché le materie prime e persino le azioni forniscono una migliore correlazione con l’inflazione.

Pertanto, riteniamo che l’argomento principale del portafoglio per detenere bitcoin non sia la diversificazione, il calo della volatilità o la protezione dall’inflazione, ma piuttosto l’apprezzamento del prezzo, un fattore che dipende esclusivamente dalla domanda di bitcoin che supera l’offerta su base forward.

I ricercatori di BoA hanno anche toccato l’impatto ambientale di BTC. Hanno notato che la criptovaluta, che richiede molto consumo di energia per essere estratta, utilizza tanta elettricità in un anno quanto paesi come la Grecia. Questo è qualcosa che Bill Gates ha recentemente sottolineato come uno dei principali svantaggi per bitcoin.

La (de) centralizzazione di BTC

Probabilmente uno degli attributi principali del bitcoin è il suo decentramento, ovvero la mancanza di autorità centrale dietro di esso. Tuttavia, il rapporto ha violato un’altra narrativa secondo cui la criptovaluta è in realtà abbastanza centralizzata.

Il documento afferma che il 95% di tutti i bitcoin in circolazione sono di proprietà di “solo il 2,4% dei conti”, che è un livello di concentrazione che “rende questo strumento poco pratico come meccanismo di pagamento o anche come veicolo di investimento”.

Inoltre, i ricercatori hanno affermato che conti così grandi, noti come balene, hanno continuato ad accumularsi anche negli ultimi mesi. Tuttavia, ciò contraddice i dati di una società di analisi on-chain, che di recente ha sottolineato esattamente il contrario.

Le balene “megattere”, ovvero i portafogli con più di 10.000 monete, hanno raggiunto un nuovo minimo storico di circa 90 di tali indirizzi, il che significa che la distribuzione di BTC è diventata sostanzialmente meno concentrata.

Tuttavia, la posizione negativa della BoA sul bitcoin arriva in tempi interessanti in cui altre organizzazioni bancarie giganti hanno mostrato un approccio più aperto. JPMorgan ha annunciato di recente l’intenzione di lanciare un paniere di esposizioni per società pubbliche incentrate sulle criptovalute, mentre Morgan Stanley consentirà ai suoi clienti istituzionali di acquistare BTC attraverso tre fondi.

xtb Trading Demo

Fonte: cryptopotato

xtb Trading Azioni

Tradingmania.it consiglia

eToro Conto Demo Gratis

Tradingmania.it

Leave a Reply