Come investire in ETF su XTB: Guida e consigli utili [2024]

Gli investimenti attraverso gli ETF sono sempre più diffusi e serve fare chiarezza, perché è uno strumento finanziario particolare. Lo scopo di questo articolo è quello di chiarire ogni vostro dubbio: presenterò gli ETF, sia reali che in CFD, spiegando successivamente la differenza fra queste due tipologie di trading. Dopo spiegherò quali sono i vantaggi che un broker come XTB può offrire attraverso gli ETF e per concludere farò un esempio pratico di investimento sugli ETF, con la piattaforma messa a disposizione da XTB. L’obiettivo è quello di riuscire a chiarire ogni vostro dubbio su come investire in ETF attraverso la piattaforma di trading XTB. Buona lettura!

Presentazione di XTB

XTB è uno degli intermediari più utilizzati dagli investitori nell’ambito del trading online. Fondata nel 2002, il broker ha sede principale in Polonia. Permette di investire in strumenti finanziari, sia reali che in CFD (Contract For Difference) come azioni, indici, materie prime, criptovalute ed ETF. Proprio su questi ultimi XTB ha dedicato dei servizi importanti, come i Piani di Accumulo (PAC). Vediamo nel dettaglio però cosa sono questi ETF.

Cosa sono gli ETF?

Un ETF (Exchange Tradable Fund) è un fondo su cui è possibile investire ed è negoziabile in borsa. Il loro funzionamento principale è imitare il rendimento di strumenti finanziari reali quali azioni, indici e materie prime. Introdotti negli Stati Uniti negli anni novanta, entrano a far parte del mercato da dopo il duemila e tutt’ora riscuotono un grandissimo successo fra gli investitori.

Il procedimento che avviene durante l’investimento è molto semplice: viene unito un capitale totale, che è l’insieme di capitale di tanti investitori, con quest’ultimo che poi viene investito in un insieme di strumenti finanziari che sono all’interno del fondo, ognuno con un proprio peso specifico. Per peso si intende quanto uno strumento è presente in un fondo (espresso in percentuale), perché un ETF può avere diversi strumenti al suo interno ma pur sempre caratterizzati da una tematica in comune. Le caratteristiche principali di questi fondi sono:

  • Praticità: ci si può investire nella stessa identica maniera in cui è possibile investire su altri strumenti finanziari (dopo vedremo un esempio pratico);
  • Chiarezza: un ETF può essere monitorato costantemente in tutte le sue oscillazioni. Un broker come XTB mette una serie di dati giornalieri sempre aggiornati, come gli intervalli di prezzo giornalieri e i cambi settimanali e mensili;
  • Lungimiranza: si può scegliere se investire su un ETF nel breve periodo o nel medio/lungo periodo. Ciò dipende principalmente da quale obiettivo ha un investitore. Il fatto che un ETF non abbia una data di scadenza permette a chiunque di poterci avere a che fare utilizzando la strategia che più si preferisce;
  • Accessibile: investire negli ETF richiede un capitale discreto, che può essere utilizzato da ogni genere di investitore. Questo permette a chiunque di approcciarsi agli ETF;
  • Sicurezza: sia chiaro, il rischio è presente in ogni tipologia d’investimento. Tuttavia gli ETF presentano un rischio decisamente basso, soprattutto se ci si investe per un arco di tempo prolungato.

Qual è la differenza fra un ETF reale e un ETF CFD?

All’apparenza possono sembrare simili ma in realtà la situazione è ben diversa. Di un ETF vero e proprio ne abbiamo parlato nel paragrafo precedente. È possibile però investire sugli ETF tramite i CFD: in questo caso non si acquisisce l’ETF vero e proprio ma si investe sul valore che il fondo può avere. In poche parole si investe sul prezzo di un fondo che a sua volta imita uno strumento finanziario reale.

Il ragionamento sembra un po’ contorto, ma in alcuni casi gli investimenti con i CFD sono più fattibili perché il prezzo per operare è minore. Investire sul valore di un determinato strumento costa di meno che acquistare direttamente lo strumento finanziario.

Una caratteristica che si può trovare solo nei CFD è la leva finanziaria, che funziona come un moltiplicatore sull’importo che l’utente va a investire. Può alzare la cifra sino a 1:5 e può portare a dei ricavi o a delle perdite maggiori. L’incertezza dei CFD, causata principalmente da questa leva finanziaria, crea una divisione fra gli investitori: c’è chi apprezza questa tipologia d’investimento e chi invece non ci trova alcun tipo di vantaggio.

L’offerta di XTB sugli ETF

XTB ETF

XTB dà la possibilità di investire in oltre 350 ETF reali e in più di 150 CFD ETF attraverso la piattaforma xStation 5. Grafici, notizie, analisi di mercato e formazione possono dare una grossa mano a ogni genere d’investitore, affinché capisca quale investimento in ETF possa coincidere meglio coi suoi obiettivi.

Attraverso gli ETF è possibile anche creare dei Piani di Accumulo (PAC) sulla piattaforma mobile di XTB, già nominati a inizio articolo, dove ciascun fondo viene classificato in base al rendimento quinquennale e al punteggio di rischio. Per maggiori approfondimenti a riguardo è possibile trovare un nostro articolo su Tradingmania.it. Le commissioni, sia nel caso di ETF reali che in caso di CFD, sono a costo zero per un volume mensile sino a 100.000 euro. Dopo aver superato questo limite bisogna pagare una commissione dello 0,2% per ogni transazione di minimo 10 euro. Per quanto riguarda il deposito non vengono applicate commissioni, mentre nel caso del prelievo la situazione è la stessa con importi dai 100 euro in su. Per chi vuole imparare i primi passi per investire e/o vuole vedere come potrebbe andare un ipotetico investimento, viene messo a disposizione un conto demo: nessun rischio e simulazioni di operazioni come se fossero reali.

Con un’assistenza clienti ottimale, dei prezzi competitivi e una piattaforma completa, investire con XTB è una soluzione perfetta. Vediamo un esempio pratico di investimento in ETF reale su XTB.

Come investire in ETF reali con XTB

Investire in uno strumento finanziario è molto facile. In pochi e semplici passi è possibile fare ogni genere d’investimento, impostandolo in base alle esigenze che un investitore ha. In questa guida vedremo quanto è semplice investire in un ETF reale su XTB, in pochi e semplici passi. Per far ciò utilizzerò il conto demo messo a disposizione nella piattaforma.

  1. Registrazione: bastano un nominativo, un’email e un numero di telefono.


    Conto Demo Gratuito e Illimitato Senza Vincoli di Deposito.

  2. XTB, una volta completato questo passaggio, ci farà accedere a xStation 5. Qui sarà possibile iniziare a pensare agli investimenti;
  3. Primo approccio con l’interfaccia: se sei alle prime armi e quest’interfaccia ti sembra complicata non ti preoccupare, perché è più semplice di quanto sembra. Vediamo insieme le parti più importanti della schermata principale:Comprare ETF XTB
  4. Parte superiore: Ci sono le sezioni news, calendario, analisi di mercato, formazione e cronologia dell’account. Le prime tre servono per monitorare i diversi strumenti finanziari sotto tutti i punti di vista. La penultima serve per imparare ciò che c’è da sapere sul trading online attraverso dei corsi da remoto. L’ultima serve per tenere d’occhio il proprio account. La sezione grafico invece, che è la prima fra tutte, mette in mostra il diagramma dello strumento scelto. In questa schermata per esempio c’è l’Ethereum, una criptovaluta, in CFD;
  5. Parte centrale: Oltre alla rappresentazione grafica già descritta è possibile trovare la barra di ricerca, con sotto i vari strumenti finanziari. Io sono nella dicitura ETF, con sotto alcuni ETF a disposizione su cui investire, ma cliccando nelle altre diciture è possibile vedere gli strumenti finanziari di quelle diciture. Per esempio, cliccando su CMD (che sono le materie prime) sotto ci apparirà l’oro, il metallo ecc.;
  6. Parte inferiore: Ci sono le posizioni aperte, che vedremo meglio nei prossimi passaggi, gli ordini pendenti dove si possono trovare i margini di stop loss e take profit (spiegheremo in modo più approfondito anche questo, a breve) e i piani d’investimento, dov’è possibile monitorare i propri PAC. In conclusione, sotto si può trovare tutto quello che riguarda il nostro capitale (che parte da 100.000 euro nel conto demo): i fondi disponibili e il controvalore, che sarebbe l’unione fra i fondi disponibili e quelli investiti. Il margine invece è un numero che XTB chiede di rispettare quando si fanno delle operazioni, perché se viene superato quando la posizione è aperta quest’ultima si chiude in automatico. Se invece col margine si va oltre quando l’operazione non è ancora iniziata, XTB non ci permetterà di avviarla.
  7. Ricerca dell’ETF: preso dimestichezza con l’interfaccia è il momento di investire. Si può ricercare un ETF specifico digitandolo nella barra di ricerca o lo si può selezionare da quelli che ci sono sotto quest’ultima. Io seleziono IKOR.UK, che si trova alla sesta riga;
  8. Investire sull’ETF: In questa guida investo nell’ETF IKOR.UK, con un importo di 10.000 euro per un volume di circa 230 ETF. Il fondo è britannico e infatti il prezzo attuale, di 36.5175, è in sterline (GBP). Viene dunque applicato un tasso di cambio dalla sterlina all’euro, di circa 1.15;Comprare ETF XTB: Ordine
  9. Impostare il valore dello stop loss: una volta confermato l’investimento questo appare nelle posizioni aperte. Il primo passaggio da fare, molto importante, è impostare i margini dello stop loss e del take profit. Sono entrambi molto importanti perché una volta impostati permettono all’operazione di potersi chiudere in automatico: con una perdita se l’andamento dell’ETF raggiunge la cifra di perdita prestabilita, che qui è di 2327.80 euro, o di ricavo. Grazie a questi margini non serve controllare la posizione ogni secondo, perché il suo destino è stato deciso in parte con questi due margini (in parte perché è possibile chiuderla prima a prescindere, vedremo a breve come);Comprare ETF XTB: Limiti
  10. Impostare il valore del take profit: il discorso è identico a quello appena fatto per lo stop loss, con la differenza che in questo caso l’operazione si concluderà quando e se verrà raggiunto il ricavo di 2444.11 euro;
  11. Monitorare l’andamento della posizione: Una volta impostati i due margini, questa è l’interfaccia della posizione aperta. Troviamo le diciture:Tipo, ovvero il tipo di posizione aperta (in questo caso abbiamo acquistato e quindi è buy);
    Volume, ovvero quanti strumenti finanziari abbiamo;
    Valore di mercato, che è quello attuale dell’ETF;
    S/L (stop loss) e T/P (take profit), appena impostati;
    Prezzo di apertura, ovvero quello che risulta al momento dell’apertura della posizione;
    Prezzo di mercato, ovvero quello attuale, che può sempre cambiare;
    Profitto lordo e netto, in parole semplici quanto si sta ricavando o perdendo, sia in numeri che in percentuale;
    Rollover, che è una tariffa che XTB applica se la posizione viene mantenuta aperta anche dopo la chiusura del mercato.

    Comprare ETF XTB: Andamento ordine

  12. Chiudere la posizione: Puoi chiudere la posizione in qualsiasi momento, ma è importante che prima o poi venga chiusa. Soprattutto quando si acquistano strumenti reali, in questo caso gli ETF, è possibile solo acquistare e non vendere. Gli eventuali ricavi dunque arriveranno dopo la chiusura della posizione. Il primo passo da fare è andare negli ordini pendenti ed eliminare lo stop loss e il take profit impostati in precedenza: senza questo passaggio non sarà possibile chiudere la posizione. Una volta fatto ciò basta tornare nelle posizioni aperte e cliccare sulla X. La schermata che compare, questa dell’immagine, può trarre in inganno perché c’è scritto “nuovo ordine sell. Non preoccupatevi, una volta confermato la posizione si chiuderà e avrete i vostri eventuali ricavi o perdite.Comprare ETF XTB: Chiusura ordine

FAQ: Domande frequenti

Come possono essere spiegati gli ETF in parole semplici?

In parole semplici, un ETF (Exchange Traded Fund) è un fondo su cui è possibile investire, che imita il rendimento di strumenti finanziari reali.

Come posso investire sugli ETF?

Si può investire sugli ETF tramite XTB, un broker di grande successo.

Qual è la differenza fra un investimento in ETF reale e uno in ETF CFD?

Nell’investimento in ETF reale si investe sul fondo vero e proprio, mentre nell’investimento in ETF CFD si investe sul valore che quel fondo può avere.

Cosa sono i PAC di XTB?

I PAC (Piani di Accumulo) sono, in parole semplicissime, dei pacchetti dov’è possibile mettere un insieme di ETF a scelta.

Quanti ETF mette a disposizione XTB?

XTB mette a disposizione oltre 350 ETF reali e 150 CFD ETF.

eToro Disclaimer eToro Disclaimer Fineco Disclaimer Fineco Disclaimer

Scrivi un commento