Cosa significa per Tesla la scommessa bitcoin di Elon Musk: 5 cose da sapere

Il produttore statunitense di veicoli elettrici Tesla ha acquistato bitcoin per un valore di 1,5 miliardi di dollari e ha affermato che lo accetterebbe come forma di pagamento per le sue auto nel prossimo futuro, aggiungendo al fermento sia la casa automobilistica che la criptovaluta.

L’annuncio ha spinto il bitcoin a un massimo storico di oltre $ 48.000 martedì mattina, il che significa che ci vorrebbero solo circa 0,82 unità della criptovaluta per acquistare una Tesla Model 3 entry-level.

eToro Bitocin Social tardingeToro Bitocin Social tarding

Tradingmania.it consiglia

eToro Trading Bitcoin

Tradingmania.it

Ecco cinque cose da sapere sulla scommessa bitcoin di Tesla.

Cos’è successo esattamente?

Tesla ha annunciato il valore di $ 1,5 miliardi di investimenti in bitcoin all’inizio di lunedì in un deposito normativo presso la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti come parte del suo rapporto annuale sugli utili.

Nel rapporto, Tesla ha affermato che il suo consiglio di amministrazione ha approvato una politica di investimento aggiornata a gennaio per fornire “maggiore flessibilità per diversificare ulteriormente e massimizzare i rendimenti sulla nostra liquidità che non è necessaria per mantenere una liquidità operativa adeguata”. La società aveva 19,38 miliardi di dollari in contanti ed equivalenti di cassa alla fine del 2020.

Tesla ha affermato che successivamente ha investito $ 1,5 miliardi in bitcoin da gennaio e potrebbe “acquisire e detenere risorse digitali di volta in volta o a lungo termine“. Potrebbe anche investire in attività di riserva alternative tra cui oro e altre risorse digitali, secondo il deposito.

Inoltre, Tesla ha detto che prevede di “iniziare ad accettare bitcoin come forma di pagamento per i nostri prodotti nel prossimo futuro”, senza specificare come funzioneranno le transazioni basate su crittografia. La società ha affermato che il pagamento in bitcoin sarà inizialmente su base limitata e la società potrebbe o meno liquidare le criptovalute al ricevimento.

Nel fascicolo Tesla avverte che l’utilizzo di bitcoin potrebbe comportare rischi per le finanze dell’azienda poiché le criptovalute sono state in passato e potrebbero continuare ad essere “altamente volatili”.

La natura digitale del bitcoin lo ha anche reso soggetto alla minaccia di attacchi o errori di sicurezza informatica che possono comportare la perdita o la distruzione delle chiavi private necessarie per accedere alle criptovalute.

Perché bitcoin?

Il CEO di Tesla Elon Musk è stato un schietto sostenitore delle criptovalute, incluso il bitcoin. A gennaio, il miliardario tecnologico ha aggiunto l’hashtag #bitcoin alla sua biografia su Twitter, che ha spinto brevemente verso l’alto il prezzo della criptovaluta ampiamente detenuta fino al 20%. Musk in seguito ha detto tramite l’app di social media basata sull’audio Clubhouse che si è pentito di aver spostato il prezzo. Due giorni dopo si è pentito di non aver investito prima in criptovaluta.

“Elon Musk non è convenzionale, ed è anche per questo che è la persona più ricca del mondo e per come ha costruito Tesla e SpaceX fino a questo punto”, ha dichiarato Dan Ives, amministratore delegato di Wedbush Securities. “Rientra nel DNA di Musk e Tesla fare una mossa come questa.”

L’investimento in bitcoin è una “strategia di diversificazione”, che sta portando un discreto ritorno all’azienda, ha affermato Ives. Il prezzo del bitcoin è aumentato di quasi il 67% quest’anno dal 1 ° gennaio, indicando un ritorno redditizio finora sull’investimento di $ 1,5 miliardi della società.

Tesla non è la prima azienda ad aggiungere bitcoin al proprio bilancio. MicroStrategy, una società di software statunitense, ha acquistato bitcoin per un valore di $ 250 milioni ad agosto, che ora sono valutati a circa $ 3,1 miliardi. La scommessa ha contribuito a spingere il prezzo delle azioni della società quotata al Nasdaq oltre l’800% in più.

“Penso che Musk abbia assistito alla situazione di MicroStrategy in quanto si trattava di una piccola provetta [prima di fare la mossa]”, ha detto Ives.

Come reagiscono gli investitori alla strategia bitcoin di Tesla?

Dopo l’annuncio del bitcoin, lunedì le azioni Tesla sono aumentate dell’1,31%. Ma crea alcune domande per gli investitori, soprattutto su come gestire la volatilità dei bitcoin.

“Penso che uno dei grandi problemi che vedremo che molte persone hanno affrontato è stato: dovrei scambiare Tesla come azienda tecnologica? Dovrei trattare Tesla come un’azienda automobilistica?” Lo ha detto lunedì il capo stratega di TD Ameritrade JJ Kinahan in un’intervista televisiva.

Il valore della valuta digitale a volte è diminuito drasticamente. Prima che il bitcoin raggiungesse un nuovo record di $ 48.000 martedì, il prezzo della criptovaluta è precipitato dal suo massimo di quasi $ 20.000 nel 2017 a meno di $ 5.000 nel 2020.

“Penso che $ 1,5 miliardi siano un importo contenuto e gestibile rispetto al loro bilancio. Tuttavia, se raddoppiano tale importo, allora penso che inizi a sollevare problemi per gli investitori”, ha detto Ives. “Gli investitori non vogliono che questo oscuri la storia di crescita di Tesla EV sottostante”.

Tuttavia, l’esposizione a bitcoin potrebbe anche rendere Tesla un investimento più interessante.

Così tanti investitori stanno cercando di trovare un modo per ottenere l’accesso al valore di queste risorse e le criptovalute non sono le risorse più facili da gestire”, ha affermato Drew Hinkes, avvocato dello studio legale Carlton Fields specializzato in criptovaluta e blockchain questioni legali correlate.

“Per gli investitori che potrebbero voler accedere all’impatto finanziario, positivo o negativo che sia, [Tesla] può essere un modo interessante per ottenere una certa esposizione all’asset senza acquistarlo direttamente”, ha aggiunto.

Tradingmania.it consiglia

eToro Trading Bitcoin

Tradingmania.it

La scommessa sui bitcoin dovrà affrontare eventuali ostacoli normativi?

Tesla ha affermato nel suo rapporto annuale che l’investimento in bitcoin è stato approvato dal consiglio della società e il pagamento in bitcoin nel prossimo futuro sarà “soggetto alle leggi applicabili”.

Si prevede che l’accettazione di bitcoin come pagamento inviti a un maggiore controllo normativo poiché i governi sono spesso diffidenti nei confronti delle criptovalute utilizzate per il riciclaggio di denaro o l’evasione fiscale.

“Bitcoin crea una traccia forense molto ricca e dettagliata di transazioni”, ha detto Hinkes, aggiungendo che l’utilizzo di bitcoin come metodo di pagamento potrebbe complicare il processo di contabilità, ma non significa evitare le tasse sulle transazioni basate su crittografia.

Tesla potrebbe essere esaminata dal Financial Crimes Enforcement Network, una filiale del Dipartimento del Tesoro che regola gli scambi di criptovalute, e al produttore di veicoli elettrici potrebbe anche essere richiesto di segnalare le transazioni sospette alle autorità di regolamentazione.

Tesla non è la prima azienda ad accettare bitcoin come metodo di pagamento. Il gigante tecnologico Dell, l’azienda di mobili Overstock e il sito di viaggi Expedia hanno iniziato ad accettare bitcoin anni fa. Gli Stati Uniti hanno stabilito “infrastrutture legali sufficienti” per regolamentare gli investimenti e le transazioni in bitcoin, a condizione che aziende come Tesla “rispettino tutti i requisiti normativi e facciano tutte le divulgazioni necessarie”, ha detto Hinkes.

Cosa significa questo per Tesla in Asia?

Tesla non ha specificato quando implementerà l’opzione di pagamento bitcoin o in quali paesi gli acquirenti sarebbero in grado di pagare le auto in criptovaluta.

Il produttore di veicoli elettrici ha un grande seguito in Asia, in particolare in Cina, una parte importante del suo recente successo di vendita. Ma Pechino proibisce il commercio e le transazioni di criptovalute.

In Giappone, un regime di sovvenzioni esistente fino a 400.000 yen per i veicoli elettrici potrebbe incentivare gli acquirenti di Tesla a restare con la valuta nazionale. Pagare con bitcoin potrebbe rendere più complicato per gli acquirenti ottenere il sussidio, che potrebbe salire a 800.000 yen nel prossimo budget di aprile. Il prossimo budget include anche nuovi sussidi per i dock di ricarica domestici.

Mentre alcuni credono che l’annuncio di Tesla preannuncerà una più ampia adozione della criptovaluta da parte del grande pubblico, per il momento sembra un’opzione di nicchia. “Penso che ancora meno del 5% nei prossimi due anni [pagherebbe Tesla] in criptovaluta. Nel prossimo decennio? Chi lo sa”, ha detto Ives a Wedbush.

Fonte: asia.nikkei 

Tradingmania.it consiglia

eToro Trading Bitcoin

Tradingmania.it

Lascia un commento

Vuoi Investire in Bitcoin da Professionista?

Importi Garantiti con un broker Rispettabile.

Vuoi Provare il trading Bitcoin con un

Conto Demo Gratuito e illimitato?

Nessun documento cartaceo da inviare, Conto Demo senza obblighi ne vincoli di deposito.

Deposito minimo richiesto 200 (circa 180€).

Il 71% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di assumere l’alto rischio di perdere i tuoi soldi.

Le criptoasset sono prodotti di investimento non regolamentati altamente volatili. Nessuna protezione degli investitori dell’UE.