Genesis: $5,1 miliardi di passività nella dichiarazione di fallimento in primo giorno

Tre delle entità dell’intermediazione crittografica istituzionale hanno presentato istanza di protezione del Capitolo 11 giovedì scorso. La società di finanziamenti di criptovaluta Genesis doveva $ 5,1 miliardi nelle settimane successive alla sospensione dei prelievi lo scorso novembre, secondo i documenti del tribunale fallimentare firmati dal CEO ad interim Derar Islim.

Durante il suo primo giorno di deposito presso il tribunale fallimentare degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York, Islim ha fornito a Genesis una ripartizione dei finanziamenti prima della sua riorganizzazione.

Genesis è diventata l’ultima società di criptovalute ad essere immediatamente colpita dall’implosione di FTX e i suoi tre costituenti sono Genesis HoldCo, Genesis Global Capital LLC e Genesis Asia Pacific PTE. LTD – ha presentato istanza di protezione dal fallimento secondo il capitolo 11 giovedì in ritardo.

Secondo Islam, queste parti potrebbero aver avuto un impatto minore sulle perdite dirette di FTX e delle filiali di Alameda rispetto alla “corsa agli sportelli”. I clienti hanno chiesto a Genesis di rimborsare $ 827 milioni di prestiti, costringendo le sue unità di prestito a congelare i prelievi.

Nel frattempo, la società madre di Holdco Digital Currency Group (DCG) e molte delle sue sussidiarie, tra cui DCG International Investments Ltd., hanno subito un duro colpo. A causa dei disordini del mercato e della liquidità, non è stato possibile rimborsare alcuni prestiti alla società, che hanno pesato sulle finanze dei debitori, afferma Islim. (DCG è anche il genitore di CoinDesk).

Almeno parte della crisi di liquidità è iniziata mesi prima con la perdita di $ 1,2 miliardi di Genesis sull’hedge fund di criptovaluta Three Arrows Capital (3AC), che è crollato nell’estate del 2022.

Queste perdite sono state attribuite alla unità Genesis Asia Pacific (che ha anche presentato per bancarotta) ha guidato una cooperativa di credito Genesis e 3AC. Quando 3AC è fallita, Genesis doveva al fondo 2,4 miliardi di dollari, di cui Genesis è stata in grado di riscuotere solo la metà, secondo il deposito.

DCG ha assunto gran parte di quel rischio lo scorso anno, scambiando un pagherò di 10 anni con Genesis da 1,2 miliardi di dollari in cambio di 3AC. Quel promemoria è ora al centro della disputa pubblica di DCG con l’exchange di criptovalute Gemini sulla sua richiesta di rendimento di Earn Exchange, e Gemini è il più grande creditore di Genesis con oltre $ 700 milioni.

Secondo Islim, la dichiarazione di fallimento “incoraggia tutte le parti coinvolte a muoversi rapidamente verso una risoluzione amichevole che eviti le spese e l’incertezza del contenzioso”. Genesis continuerà a gestire la maggior parte delle sue attività non di prestito, ha affermato Islam. Questi includono i derivati, il trading e le ali di custodia, tutte ospitate in entità legali separate che non hanno presentato istanza di fallimento.

Prima del collasso di FTX e 3AC, l’ecosistema Hold EarthUSD (UST) è stato il primo grande domino in questa spirale di morte crittografica, che è crollata a maggio quando la stablecoin algoritmica è crollata ed ha fatto evaporare migliaia di dollari di capitale. Genesis ora si unisce a BlockFi, Voyager e Celsius, tra gli altri, i cui fallimenti possono essere attribuiti a questo evento.

“Il crollo di Moon e UST, seguito dal fallimento di 3AC, è stato l’inizio di un nuovo ‘inverno delle criptovalute’ e della crescente riluttanza dell’intero settore nei confronti delle società di asset digitali”, ha affermato Islim.

Fonte: Coindesk.com

Scrivi un commento