Il Giappone continua a guidare l'Asia nel mercato dei bitcoin

Il Giappone continua a guidare l’Asia nel mercato dei bitcoin

Nonostante sia la patria dei due più grandi rapinatori di criptovalute nella storia per un totale di quasi un miliardo di dollari e una tendenza finanziaria tradizionalmente conservatrice, il mercato giapponese è ancora entusiasta del bitcoin e di altre criptovalute.

Poiché la Cina mantiene un divieto totale su tutte le criptovalute e la Corea del Sud vieta gli aspetti del cripto tradig, comprese le transazioni anonime, l’aspetto più importante per molti operatori commerciali, le autorità giapponesi continuano ad abbracciare la tecnologia.

Nell’aprile del 2017, il governo giapponese è stato il primo a modificare il proprio atto bancario per riconoscere le criptovalute come entrambi i metodi di pagamento e le posizioni patrimoniali.

Gli esperti sul campo in Giappone prevedono una maggiore supervisione dei mercati da parte della FSA, ma vedono anche la criptovaluta come già troppo importante per la crescita economica dei paesi per mettere una morsa.

Il ruolo di Tokyo come epicentro finanziario asiatico è diminuito negli ultimi decenni sia dall’influenza di Singapore sia da quella di Hong Kong. Molti esperti vedono criptovaluta come un nuovo percorso per Tokyo per riacquistare la sua importanza.

Poiché il primo adattatore al mondo per riconoscere le criptovalute che spendono il potenziale di oltre 10.000 aziende in Giappone ora accettano pagamenti in Bitcoin.
Peach Aviation la sua più grande compagnia aerea a basso costo, che ha appena annunciato che continuerà a pianificare i pagamenti di cripto entro il marzo 2018, nonostante l’hack di Coincheck. Nel frattempo, Mitsubishi UFJ Financial Group, l’ottava banca mondiale, sta sviluppando una propria criptovaluta, conosciuta come MUFG Coin.