Google riduce le restrizioni sugli annunci per i portafogli e gli scambi di criptovalute

eToro Trading Bitcoin
  • Google ha annunciato una nuova politica pubblicitaria che allenta le restrizioni per le criptovalute.
  • Le nuove linee guida hanno ancora degli avvertimenti che gli inserzionisti devono seguire.
  • Alcuni esperti hanno visto questa come una notizia rialzista per le criptovalute in generale.
  • L’allentamento delle restrizioni potrebbe inaugurare un’altra ondata di frodi e truffe crittografiche.

In un’inversione inaspettata del divieto del 2018 sulla pubblicità sulle criptovalute, Google ha annunciato una nuova politica promozionale che allenta le restrizioni sugli annunci per gli exchange e i wallet di criptovaluta. La nuova politica, che entrerà in vigore entro la fine dell’estate, afferma:

Tradingmania.it consiglia

eToro Conto Demo Gratis

Tradingmania.it

A partire dal 3 agosto, gli inserzionisti che offrono Exchange e Wallet di criptovaluta destinati agli Stati Uniti possono pubblicizzare tali prodotti e servizi se soddisfano i seguenti requisiti e sono certificati da Google.

Il divieto originale di giugno 2018 bloccava tutti gli annunci di risorse digitali relativi alle criptovalute riguardanti “…contenuti relativi alle criptovalute, incluse offerte iniziali di monete (ICO), portafogli e consigli di trading”. Nello stesso anno, Google ha rimosso alcune delle restrizioni, ma la maggior parte è rimasta in vigore.

Quest’ultima azione del gigante di Internet rimuove significative barriere pubblicitarie a due elementi chiave dell’adozione di criptovalute tradizionali, vale a dire gli exchange per acquistare risorse digitali e luoghi in cui conservarle come i portafogli digitali. Tuttavia, le nuove linee guida prevedono alcuni avvertimenti che gli inserzionisti certificati devono seguire.

Per essere certificati da Google, gli inserzionisti [crypto] dovranno:

  • Essere debitamente registrato con
  • FinCEN come azienda di servizi monetari e con almeno uno stato come trasmettitore di denaro; o un ente bancario federale o statale.
  • Rispettare i requisiti legali pertinenti, inclusi eventuali requisiti legali locali, a livello statale o federale.
  • Assicurati che i loro annunci e le loro pagine di destinazione siano conformi a tutte le norme di Google Ads.

In base alle nuove linee guida, Google vieta ancora la pubblicità per le offerte iniziali di monete; protocolli di trading DeFi; l’acquisto diretto, la vendita o il commercio di monete specifiche; pool di liquidità token; progetti crittografici sponsorizzati da celebrità; segnali di acquisto/vendita di criptovalute, aggregatori o consigli di trading.

Le aziende che trarranno vantaggio da questo sviluppo includono scambi di monete come Coinbase, Kraken, KuCoin, nonché organizzazioni autonome decentralizzate e portafogli crittografici che includono piattaforme di conservazione a freddo off-chain Trezor e Ledger.

Potrebbe essere positivo

Almeno un influencer di criptovalutaMMCrypto – ha visto questa come una notizia rialzista per Bitcoin e le criptovalute in generale poiché Google è utilizzato da oltre un miliardo di persone a livello globale. MMCrypto ha affermato che le pubblicità crittografiche rivolte a un pubblico di quelle dimensioni potrebbero aumentare la consapevolezza e aumentare l’adozione tradizionale delle risorse digitali.

Ha inoltre affermato che questa notizia potrebbe essere un catalizzatore positivo per le criptovalute in un video pubblicato ai suoi 400.000 abbonati YouTube e un tweet ai suoi 310.000 follower su Twitter.

 

L’annuncio ufficiale di Google ha proseguito affermando che tutte le certificazioni di exchange di criptovaluta esistenti scadranno martedì 3 agosto 2021, nessuna delle vecchie certificazioni sarà onorata. Tutti gli inserzionisti interessati dovranno richiedere una nuova certificazione una volta che i documenti di presentazione saranno disponibili giovedì 8 luglio 2021.

xtb Trading Demo

Secondo quanto riferito , la società madre di Google, Alphabet (NASDAQ: GOOGL ), guadagna l’80% delle sue entrate totali dalla pubblicità di Google, che era di $ 147 miliardi nel 2020. La società dovrebbe mantenere il suo dominio pubblicitario digitale decennale catturando quasi un terzo del spesa pubblicitaria online totale prevista nel 2021.

Il rovescio della medaglia

  • Mentre alcuni potrebbero dire che revocare il divieto di pubblicità è rialzista per le criptovalute, l’allentamento delle restrizioni potrebbe inaugurare un’altra ondata di frodi sulle criptovalute e truffe sulle monete digitali.
  • Qualsiasi aumento dell’attività fraudolenta percepita o reale relativa alle criptovalute potrebbe inutilmente aggiungere alla persistente narrativa negativa dei critici di criptovaluta.

Fonte: DailyCoin

eToro Trading Bitcoin

Tradingmania.it consiglia

eToro Conto Demo Gratis

Tradingmania.it

Leave a Reply