Google: Stati uniti ed alleati, attenzione al pericolo spyware

Google Il gigante di Internet ha annunciato martedì in un rapporto il numero di società di software di sorveglianza che ritiene stiano usando strumenti di hacking pericolosi e ha esortato gli Stati Uniti e i suoi alleati a fare molto di più per reprimere l’industria dello spyware.

Le aziende di spionaggio spesso affermano che i loro prodotti siano destinati all’uso da parte dei governi stessi nell’interesse della sicurezza nazionale. Tuttavia, negli ultimi dieci anni si intuisce che la tecnologia è stata utilizzata più volte per hackerare i telefoni della società civile, dell’opposizione politica e dei giornalisti.

Lo spyware Pegasus della società israeliana NSO è stato rinvenuto sui telefoni di svariate persone in tutto il pianeta , tra cui attivisti per i diritti umani. Martedì, in un rapporto, i ricercatori di Google hanno affermato che, sebbene NSO sia più conosciuta, molte aziende più piccole stanno aiutando la tecnologia di spionaggio ad aumentare il suo uso dannoso.

Alphabet Inc (GOOGL.O), in una nuova scheda, offre risultati significativi poiché l’azienda ha una delle migliori visibilità nelle campagne di hacking in tutto il mondo, data l’ampiezza delle loro offerte online.

“La domanda da parte dei clienti governativi rimane forte e i nostri risultati mostrano la misura in cui i fornitori di spyware commerciali hanno aumentato le capacità di hacking e spyware che indeboliscono la sicurezza informatica per tutti”, hanno affermato i ricercatori del team Hunt nel rapporto Google TAG Threats.

“Il settore privato è ora responsabile di una parte significativa dei dispositivi più sofisticati che troviamo.” Gli Stati Uniti e molti dei loro alleati si sono impegnati lo scorso anno a lavorare per reprimere l’industria dei software di sorveglianza dopo che si è scoperto che lo spyware aveva preso di mira 50 dipendenti del governo americano in 10 paesi.

Questi includono Cy4Gate Labs e RCS in Italia, Intellexa in Grecia, Negg Group in Italia e Variston in Spagna.

Il sito web di Negg Group afferma con decisione che l’azienda concentra i propri sforzi sulla sicurezza informatica, ma Google ritiene che il suo software sia stato utilizzato per spiare persone in Italia, Malesia e Kazakistan.

Variston ha creato un software che ha infettato i dispositivi degli utenti tramite Google Chrome, il browser Mozilla Firefox o le app iOS, ha affermato Google, aggiungendo che un’altra società, Protected AE, chiamata Electronic Systems Protection, utilizza tecniche di targeting simili.

Le cinque società non hanno risposto alle richieste di commento o non sono state contattate. Il rapporto di Google arriva il giorno dopo che gli Stati Uniti hanno annunciato una nuova politica che limita i visti a coloro che secondo loro sfruttano spyware commerciale, consentendo restrizioni alle persone ritenute abusanti di spyware, intelligence commerciale, così come coloro che la facilitano e ne traggono vantaggio.

“Limitare la capacità dei fornitori di spyware di operare negli Stati Uniti aiuta a cambiare la struttura degli incentivi che ha consentito la loro continua crescita”, ha affermato Google in una nota.

Fonte: Reuters.com

Scrivi un commento