I mercati delle criptovalute perdono $ 100 miliardi mentre Bitcoin scende al di sotto di $ 26.000 – Più dolore in arrivo?

I più ampi mercati delle criptovalute sono stati particolarmente scossi nelle 24 ore precedenti, con Bitcoin che è sceso ancora una volta al di sotto della soglia di $ 26.000. Bitcoin è attualmente venduto a $ 25.168,94, in calo del 16% nell’ultima settimana, secondo le statistiche di Coingecko pubblicate lunedì.

Poiché Bitcoin è sceso al livello più basso dalla fine del 2020, l’intero mercato delle criptovalute sta risentendo dei timori di recessione, che potrebbero dissuadere gli investitori dal piazzare scommesse più rischiose.

Tuttavia, le monete alternative sono colpite in modo altrettanto grave. Ethereum, ad esempio, è sceso sotto i $ 1.500, in calo del 70 percento dal suo massimo storico di oltre $ 4.900 nel novembre 2021. Nelle ultime 24 ore, Dogecoin, TRON e Avalanche hanno tutti assistito a perdite a due cifre.

La capitalizzazione di mercato complessiva delle criptovalute è stata scambiata in un canale in declino nell’ultimo mese ed è attualmente supportata a $ 1,17 trilioni.

$ 100 miliardi spazzati via dal mercato delle criptovalute

Il mercato delle criptovalute ha perso oltre $ 100 miliardi durante il fine settimana dopo che il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen ha offerto un cupo avviso di criptovaluta.

La valutazione di mercato di Bitcoin è scesa a 520 miliardi di dollari. Il lato positivo per i rialzisti di BTC è che il loro controllo sulle criptovalute alternative è aumentato a circa il 48%.

Dopo alcune brevi e infruttuose offerte per superare i 32.000$ negli ultimi sette giorni, la criptovaluta più grande del mondo ha iniziato a perdere progressivamente valore. L’ultimo rifiuto di Bitcoin a questo livello ha fatto scendere il suo prezzo a $ 30.000, dove è rimasto per diversi giorni.

Rich Blake della startup di criptovalute Uphold afferma:

“Sembra che Crypto stia perdendo l’occasione ideale per illustrare la sua funzione dimenticata di copertura contro l’inflazione”.

Tremiti di inflazione e volatilità di Bitcoin

Stime di inflazione per gli Stati Uniti, 8,6 per cento, sono state annunciate alla fine di venerdì. Il record di quattro decenni ha aumentato la volatilità di Bitcoin, con il risultato che oggi è precipitato a quota 25.000 dollari.

Negli ultimi mesi, il mercato delle criptovalute è diventato sempre più connesso ai mercati azionari tradizionali. Il Nasdaq, che punta sulla tecnologia, è sceso del 3,5%, mentre l’S&P 500 e il Dow Jones Industrial Average sono scesi di oltre il 2,5%.

Si prevede che la riunione di due giorni della Federal Reserve statunitense della prossima settimana si tradurrà in un ulteriore aumento dei tassi di interesse. Questa settimana, Yellen ha anche messo in guardia dal mettere la criptovaluta nei piani 401(k), aumentando il sentimento cupo.

La scorsa settimana, le banche centrali di Australia e Canada, dove anche l’inflazione si è intensificata, hanno alzato i tassi di circa 50 punti base, mentre la Banca Centrale Europea ha annunciato che cesserà gli acquisti di asset e inizierà ad aumentare i tassi entro la fine dell’estate.

Fonte: newsbtc

Canale Youtube

Scrivi un commento