I minatori di Bitcoin lottano con l’aumento dei costi energetici

Il prezzo di BitcoinBTC-USD ) è rimasto piatto negli ultimi mesi nonostante una situazione geopolitica in Ucraina che doveva essere il momento di brillare per il denaro decentralizzato. In questo articolo, parlerò dell’aumento del costo dell’energia e dei suoi effetti sull’estrazione di Bitcoin.

L’aumento dei costi energetici si ripercuote sui profitti dei minatori

L’impennata del costo dell’energia sta mettendo sotto pressione paesi, imprese e consumatori in tutto il mondo. Ora possiamo contare i minatori di Bitcoin tra le vittime.

Il prezzo di Bitcoin è stato ampiamente limitato negli ultimi mesi e possiamo scontare lo stato della moneta come copertura dall’inflazione. Durante quei pochi mesi, l’hash rate e la difficoltà di mining sono aumentati costantemente.

L’attuale mercato sta mettendo a dura prova i minatori, in particolare quelli senza una fornitura a tasso fisso.

Il settore minerario potrebbe avere difficoltà nel prossimo anno a causa degli accordi di acquisto di energia (PPA) precedentemente concordati. Molti miner che sfruttano la rete di solito bloccano i prezzi con i PPA per determinare meglio le loro spese operative (opex). Se i prezzi degli input energetici continuano a salire allo stesso ritmo dell’ultimo anno, le società di servizi pubblici che hanno firmato tali PPA sono incentivate a recedere dai contratti per aumentare i propri margini di profitto. Sarà una proposta nervosa per i minatori che stanno arrivando alla fine dei precedenti accordi e fungerà anche da barriera all’ingresso di nuovi attori nel settore minerario.

Si dice che l’ elettricità rappresenti il ​​90-95% dei costi di mining di Bitcoin.

Bitcoin non può piantare alberi

Bitcoin ha avuto i suoi critici per il suo processo ad alta intensità energetica molto prima dell’impennata inflazionistica. Mentre i governi si orientano verso politiche verdi aggressive, il dibattito sull’utilizzo di energia di Bitcoin probabilmente si intensificherà.

All’inizio della guerra tra Russia e Ucraina è stato riferito che i responsabili politici dell’UE avrebbero dovuto limitare l’uso di criptovalute ad alta intensità energetica nei loro regolamenti MiCA. Ciò è avvenuto sulla scia delle richieste di divieto del mining di criptovalute da parte della Svezia. I legislatori erano preoccupati che le fonti di energia rinnovabile sarebbero state utilizzate dai minatori, che è stato poi sostenuto da politici in Germania, Spagna e Norvegia.

Il membro del Parlamento europeo Stefan Berger, che stava redigendo il pacchetto normativo, ha affermato che un potenziale divieto di mining di criptovalute sarebbe una condanna a morte per bitcoin nell’UE. Una disposizione mirava a vietare i servizi crittografici che si basano su meccanismi di consenso non sostenibili dal punto di vista ambientale a partire da gennaio 2025. La disposizione si riferiva specificamente a Prof-of-Work, che viene utilizzato per coniare criptovalute popolari come Bitcoin ed EthereumETH-USD ). La differenza tra questi due è che Ethereum si sta ora muovendo verso un consenso Proof-of-Stake.

Questo è un grande ostacolo per Bitcoin in futuro perché i politici responsabili del movimento Green ora hanno un obiettivo sul retro dei meccanismi di Proof-of Work. Ciò potrebbe rappresentare una piccola minaccia per alcuni altcoin, ma un divieto dell’UE su PoW sarebbe seguito da un grande suono di risucchio poiché il denaro addebitato per l’uscita in BTC e si precipitava verso Ether.

La richiesta di un limite all’estrazione mineraria ad alta intensità energetica è avvenuta prima che le economie occidentali fossero alle prese con i costi inflazionistici più alti degli ultimi quarant’anni e prima che l’invasione russa in Ucraina minacciasse le forniture di gas al cuore dell’economia europea.

I decentralizzati possono anche annoverare Greenpeace tra i suoi detrattori con il gruppo che si unisce ad altri attivisti per “Change the Code Not The Climate”. L’obiettivo è forzare un remake del codice alla base del bitcoin, allontanandolo da un processo di proof-of-work o reinventando quel metodo per renderlo meno dispendioso dal punto di vista energetico.

“Bitcoin utilizza una tecnologia obsoleta chiamata proof-of-work per convalidare le transazioni. Questo metodo proof-of-work, almeno per come funziona attualmente, utilizza enormi quantità di energia e quindi è un’enorme fonte di inquinamento climatico”, hanno affermato gli attivisti in una dichiarazione .

Un dirigente di Ripple ha donato 5 milioni di dollari alla campagna, ma il problema per BTC è che il processo non è facile. Si dice che Ethereum sia a pochi mesi dalla sua fusione PoS, ma sono passati sette anni. Quando Bitcoin è cambiato in un consenso più ecologico, il mercato potrebbe essere andato avanti.

Il bitcoin come valuta decentralizzata potrebbe effettivamente perdere terreno a favore di progetti centralizzati nei prossimi mesi a causa di questo dibattito. Ad esempio, la rete Polygon ha annunciato un “Manifesto verde” che vedrà il progetto diventare negativo per le emissioni di carbonio nel 2022. Il team di sviluppo ha promesso 20 milioni di dollari per compensare il suo utilizzo di energia attraverso crediti di carbonio, iniziative della comunità e donazioni.

Sfortunatamente per gli appassionati di PoW, Bitcoin non può piantare alberi.

La Russia influenzerà le prospettive minerarie?

Nel mio ultimo articolo su Bitcoin, ho avvertito che i funzionari europei potrebbero usare le sanzioni russe come scusa per bloccare la presenza di Bitcoin nell’economia mondiale. Nelle ultime 24 ore abbiamo un rapporto del Fondo Monetario Internazionale che si unisce al coro di Bitcoin come mezzo per eludere le sanzioni.

Il rapporto affermava in particolare che la Russia potrebbe utilizzare le sue vaste risorse energetiche per alimentare il mining di criptovalute e generare entrate.

“Nel tempo, i paesi sanzionati potrebbero anche destinare più risorse per eludere le sanzioni attraverso l’estrazione mineraria. L’estrazione di blockchain ad alta intensità energetica come Bitcoin può consentire ai paesi di monetizzare le risorse energetiche, alcune delle quali non possono essere esportate a causa delle sanzioni”, ha affermato il FMI.

Il presidente Vladimir Putin aveva precedentemente affermato che la Russia ha un “vantaggio competitivo” nel mining di Bitcoin. La Russia ha anche beneficiato del divieto cinese sull’estrazione di Bitcoin poiché è salita al terzo posto nel mondo per l’estrazione mineraria, secondo uno studio dell’Università di Cambridge.

Per i minatori russi, i vantaggi dell’estrazione di Bitcoin sono stati messi a dura prova dal dollaro USA vicino ai massimi di sei anni rispetto al rublo. Per i governi europei c’è quindi un incentivo a mantenere contenuto il prezzo di BTC.

Questa settimana ci sono state ulteriori notizie secondo cui un minatore russo di Bitcoin era stato incluso nell’ultimo round di sanzioni statunitensi. La Bitriver AG, con sede in Svizzera, aveva trasferito i suoi beni in Svizzera l’anno scorso, ma si è trovata a rischio croce, insieme a 10 delle sue filiali.

Bitriver afferma di essere il più grande provider di hosting al mondo per il mining di criptovalute rispettoso del clima (che utilizza energia rinnovabile) e vanta un data center da 100 megawatt nella città siberiana di Bratsk che esternalizza a minatori stranieri dagli Stati Uniti e da altre nazioni occidentali. Il mining di bitcoin è stato interrotto in Cina e potrebbe iniziare a scomparire in Russia. Se gli Stati Uniti sanzionassero le società sussidiarie, ciò potrebbe portare alla fine di un’azienda a causa di problemi di flusso di cassa.

I prezzi dell’energia torneranno ai livelli precedenti?

Ci è stato detto dai banchieri centrali che le pressioni inflazionistiche causate dai blocchi del governo e dalle catene di approvvigionamento fratturate erano “transitorie”. Sono stati costretti a ritirare l’etichetta transitoria, ma ci assicurano che l’inflazione raggiungerà il picco entro la fine di quest’anno. Ciò non è assicurato poiché permangono pressioni per l’approvvigionamento di petrolio e gas nei mercati.

Goldman Sachs Head of Energy Research ha affermato di recente che “la prossima mossa è stata più alta per il petrolio”.

“Siamo a scorte record e tutti questi venti contrari (blocco della Cina/rilascio SPR degli Stati Uniti/Russia) sono transitori. Quindi non abbiamo davvero risolto il significativo sottoinvestimento, ed è per questo che i prezzi devono riprendersi. Probabilmente vedremo volatilità a breve termine, ma suppongo che da questo livello la nostra opinione sia che la prossima mossa sia davvero più alta”, ha aggiunto.

La banca d’affari ha previsto un prezzo del petrolio di $ 125 per la seconda metà di quest’anno. Anche in Russia non c’è ancora alcun segno di un accordo di pace e la catena di approvvigionamento del gas rimarrà sotto pressione nei prossimi mesi. Gli effetti sui salari reali iniziano a farsi sentire e la pressione sui governi crescerà da parte dei consumatori scontenti. Ciò metterà sotto i riflettori le misure di riduzione del prezzo dell’energia e potrebbe mettere Bitcoin in prima linea per il suo utilizzo di energia.

In che modo l’energia sta influenzando il settore minerario statunitense?

Il settore minerario statunitense potrebbe beneficiare delle sanzioni su Bitriver poiché i clienti di terze parti delle nazioni occidentali non potranno utilizzare i suoi servizi.

Ciò rappresenterà una quota di mercato per le società minerarie statunitensi, ma dovranno anche fare i conti con l’aumento dei prezzi dell’energia.

Il prezzo delle azioni di Riot BlockchainRIOT ) sta testando i minimi da dicembre 2020. La debolezza del Bitcoin ha trascinato il settore al ribasso e ciò è stato amplificato con i venti contrari all’energia.

La società sta espandendo le sue operazioni e detiene oltre 6.000 BTC, con la società che afferma: “La società continua a mantenere una visione a lungo termine delle sue partecipazioni in Bitcoin e ritiene che sia nel migliore interesse degli azionisti avere forti partecipazioni in Bitcoin sul proprio bilancio lenzuolo.”

Tali partecipazioni potrebbero essere liquidate per far fronte a un periodo di costi più elevati. Tuttavia, un margine operativo del -10,50% mostra che anche con prezzi superiori a $ 40.000 BTC, l’azienda è in difficoltà. Aggiunge nei risultati di fine anno:

“Poiché i nostri miner sono progettati specificamente per estrarre Bitcoin e potrebbero non essere facilmente adattabili al mining di altre criptovalute, un calo prolungato del valore di Bitcoin potrebbe influire negativamente sulla nostra attività e sui risultati delle operazioni.

Questa è la vera minaccia per le imprese minerarie poiché i lupi dell’energia verde circondano l’industria PoW. Riot ospita 200 MW di clienti istituzionali nelle sue operazioni da 370 MW e alcuni di questi potrebbero diminuire se il dibattito sull’energia dovesse aumentare.

HIVE ( HIVE ) è un minatore canadese che ha prodotto 278 BTC nel marzo del 2022. L’azienda estrae anche Ethereum con 2.549 prodotti, in modo che possa diversificare l’azienda lontano da BTC. Tuttavia, la società attinge alle sue partecipazioni in ETH per finanziare il suo accordo strategico con Intel ( INTC ). La società ha venduto 10.000 ETH per finanziare impianti BTC.

È interessante notare che la società ha un’operazione di mining di ETH in Svezia, che era il paese che guidava l’ostilità contro i minatori PoW. “Eccesso di energia verde/rinnovabile che consente a HIVE di migrare la nostra impronta ambientale”, è un punto di forza sul sito Web dell’azienda. I politici svedesi potrebbero non essere d’accordo con tale affermazione.

Hive ha accesso a 50 MW di potenza e attualmente ha un margine operativo del 74%.

MarathonMARA ) digital si concentra sulle operazioni nordamericane, il che lo proteggerebbe dalla legislazione europea. Marathon ha prodotto un record di 1.259 BTC nel primo trimestre del 2022, in aumento del 556% anno su anno e le sue partecipazioni totali in Bitcoin sono aumentate a 9.374 BTC. La liquidità disponibile era di circa $ 118,5 milioni e la liquidità totale, definita come disponibilità di contanti e bitcoin, era di circa $ 546,2 milioni.

La maratona ha avuto un costo di 33 milioni di dollari di ricavi da 150 milioni di dollari di ricavi nel 2021, quindi forse la minaccia dell’energia non è esistenziale. Tuttavia, la società ha comunque registrato una perdita di $ 85 milioni con $ 164 milioni provenienti da risarcimenti e tasse. Il bilancio della società ha risentito del calo di BTC a fine anno.

Il settore minerario di Bitcoin condivide una prospettiva simile con tutti i miner che cercano di aumentare in modo aggressivo il mining, “mantenendo” la loro produzione di BTC e non diversificando. Questa potrebbe essere la loro rovina se la legislazione ha un impatto sul potenziale di mining delle aziende e queste società corrono il rischio maggiore di ulteriori ribassi su BTC. Questo sarebbe il momento ideale per le aziende per diversificare il loro mining in monete energetiche più pulite e potrebbero pentirsi di non averlo fatto.

Conclusione

I minatori di bitcoin sono stati colpiti dall’impennata del costo dell’energia poiché il costo dell’elettricità può essere compreso tra il 90 e il 95% dei costi operativi. Il prezzo dell’energia potrebbe non raffreddarsi a breve a causa delle tensioni geopolitiche e dei problemi della catena di approvvigionamento, quindi ciò fungerà da ostacolo per l’industria mineraria. L’altro problema per Bitcoin è il suo processo di mining ad alta intensità energetica e la moneta è stata criticata dai governi europei per i suoi effetti sull’ambiente e sulle fonti energetiche locali. Con l’impennata dei prezzi dell’energia, il dibattito potrebbe intensificarsi sui meccanismi di Proof-of-Work e non possiamo escludere un evento distruttivo dei prezzi nei regolamenti MiCA finali dell’UE. La pressione sui bilanci dei minatori potrebbe anche vedere sempre più gravitare verso monete più pulite per maggiori margini di profitto. C’è ora una mossa di Greenpeace per fare pressione su un cambiamento in Bitcoin’ s codice ma potrebbero volerci anni. È a causa di questi e di altri venti contrari che I’ha consigliato agli investitori che Ethereum era un’opzione migliore se volevano l’esposizione alle criptovalute. L’industria mineraria per i minatori quotati negli Stati Uniti potrebbe beneficiare delle sanzioni statunitensi alla Russia, ma sono BTC aggressivamente lunghi e dovrebbero diversificare parte delle loro azioni in altre monete.

Fonte: seekingalpha

Canale Youtube

Scrivi un commento