News Criptomonete
| On 1 mese fa

I senatori degli Stati Uniti esortano Facebook a interrompere la ricerca della valuta digitale durante il lancio del portafoglio Novi

di TradingMania.it
Condividi

Cinque senatori democratici hanno scritto una lettera al fondatore e CEO di Facebook Mark Zuckerberg esortandolo a accantonare i piani di valuta digitale dell’azienda . La lettera affermava che non ci si può fidare della società per gestire una valuta digitale e che sarà una minaccia per la stabilità finanziaria. La lettera è arrivata poche ore dopo che Facebook ha annunciato di aver lanciato il portafoglio Novi in ​​un “piccolo pilota”.

Precedentemente marchiato Calibra, il portafoglio è stato annunciato più di due anni fa come portafoglio ufficiale per la valuta digitale Diemconosciuta allora come Libra . David Marcus di Facebook Financial ha annunciato che Novi si sarebbe lanciata in un progetto pilota limitato mirato ai corridoi delle rimesse USA-Guatemala.

Il motivo principale del ritardo per Facebook è stato il contraccolpo normativo. Marcus, che è l’ex capo di Facebook Messenger, crede che il pilota aiuterà il gigante dei social media a placare i dubbi dei regolatori.

Sebbene Novi sia stato lanciato, non incorporerà la stablecoin Diem. Piuttosto, il portafoglio si baserà sul Paxos USD, o USDP, precedentemente noto come Paxos Dollar. Gli utenti saranno in grado di aggiungere dollari USA nei loro portafogli Novi e convertirli in stablecoin , con i fondi degli utenti archiviati da Coinbase Custody. Secondo quanto riferito, i trasferimenti su Novi saranno gratuiti, ma non è chiaro se verrà addebitata la conversione in quetzal guatemaltechi.

Marcus ha chiarito: “Voglio essere chiaro sul fatto che il nostro supporto per Diem non è cambiato e intendiamo lanciare Novi con Diem una volta che avrà ricevuto l’approvazione normativa e sarà attivo”.

“Non ci si può fidare di Facebook con una valuta digitale”

Poco dopo che Facebook ha lanciato Novi, cinque senatori democratici hanno scritto a Mark Zuckerberg per “dare voce alla [loro] più forte opposizione al rinnovato sforzo di Facebook di lanciare una criptovaluta e un portafoglio digitale, ora rispettivamente marchiati “Diem” e “Novi”.

I cinque senatori—Tina Smith (D-MN), Elizabeth Warren (D-MA), Sherrod Brown (D-OH), Richard Blumenthal (D-CT) e Brian Schatz (D-HI)—hanno sottolineato che i regolatori statunitensi sono ancora alle prese con le stablecoin. I regolatori che sovrintendono alle stablecoin stanno ancora studiando i rischi che rappresentano e come affrontarli, hanno affermato. Facebook, quindi, non dovrebbe essere avventato nel lancio di Diem.

A parte i rischi generali di stablecoin, i legislatori ritengono che Zuckerberg e il suo team non abbiano offerto una risposta soddisfacente ai loro piani per frenare i flussi finanziari illeciti.

“Non ci si può fidare di Facebook per gestire un sistema di pagamento o una valuta digitale quando la sua capacità esistente di gestire i rischi e proteggere i consumatori si è rivelata del tutto insufficiente”, hanno detto, dicendo a Zuckerberg di interrompere Novi e impegnarsi a non portare Diem sul mercato.

Diem ha risposto poco dopo che Zuckerberg ha ricevuto le preoccupazioni dei senatori. Pur affermando di essere felice di impegnarsi con il Congresso sui “robusti controlli che ha impiegato due anni a costruire”, l’organizzazione ha criticato i legislatori per la loro comprensione superficiale della separazione tra le due entità.

Purtroppo, la lettera di oggi dei legislatori a Facebook fraintende il rapporto tra Diem e Facebook. Diem non è Facebook. Siamo un’organizzazione indipendente e Novi di Facebook è solo uno degli oltre due dozzine di membri dell’Associazione Diem. Il pilota di Novi con Paxos non è correlato a Diem.

Diem ha inoltre attaccato altre dichiarazioni dei senatori, una delle quali relativa a un’affermazione secondo cui deve ancora dimostrare come avrebbe impedito transazioni illecite. Ha affermato che il Tesoro aveva fornito un feedback positivo sulla sua rete di conformità alla criminalità finanziaria, che ha propagandato come “i controlli più solidi del settore”.

“Unico nel settore, che include non consentire transazioni anonime con portafogli non ospitati, fino a quando i rischi finanziari illeciti che comportano non potranno essere adeguatamente affrontati”, ha affermato Diem.

Fonte:

TradingMania.it

Lo staff di Tradingmania.it è composto da Analisti Finanziari e Trader professionisti, laureati in Economia delle Istituzioni e dei Mercati Finanziari II Università di Roma Tor Vergata.