News Criptomonete
| On 2 mesi fa

I tweet di Elon Musk pompano Dogecoin ma non Bitcoin: ricerca

di TradingMania.it
Condividi

Nuovi dati indicano che l’attività su Twitter di Elon Musk è stata una manna per il prezzo di Dogecoin, ma ha prodotto un netto negativo per i rendimenti di Bitcoin.

Da quando si è unito alla conversazione sulle criptovalute, il CEO di Tesla Elon Musk ha avuto un’influenza smisurata sui movimenti del mercato . Nuovi dati, tuttavia, suggeriscono che questa influenza non è sempre stata positiva, specialmente quando si tratta di Bitcoin 

Nel loro ultimo rapporto , il sito di aggregazione di dati The Tie e la piattaforma di trading eToro hanno confrontato il modo in cui i tweet di Musk e del CEO di MicroStrategy Michael Saylor hanno influenzato il prezzo di Bitcoin Dogecoin quando twittavano su ciascuna risorsa.

L’analisi ha svelato tre fenomeni in particolare: rendimento medio per tweet, volume di tweet per tweet e sentimento degli investitori dopo ogni tweet.  

Elon Musk: buono per Bitcoin?

Sorprendentemente, i tweet di Musk su Bitcoin hanno prodotto un rendimento negativo medio dell’1,6%. I tweet di Saylor, tuttavia, sono stati leggermente più rialzisti, generando un rendimento medio dello 0,6%.

Sembrerebbe anche che il capo di Tesla abbia un’influenza molto più forte su Dogecoin. Anche gli investitori di criptovalute sono a conoscenza degli effetti di Musk da un po’ di tempo. Ad aprile, ha twittato un dipinto astratto dell’artista spagnolo Joan Miró e la frase “Doge Barking at the Moon”.

Il messaggio criptico ha spinto Dogecoin a un nuovo massimo di $ 0,18 in quel momento. 

Ovviamente, Musk ha espresso sentimenti diversi su Dogecoin e Bitcoin nei suoi tweet. Ad esempio, i suoi commenti sull’energia mineraria di Bitcoin superiore a quella dei paesi di medie dimensioni e il suo annuncio che Tesla non avrebbe più accettato Bitcoin per gli acquisti, hanno prodotto cali rispettivamente dell’11,8% e del 13,4%. 

Questa è l’unica statistica, tuttavia, in cui Musk segue l’attività sui social media di Saylor. Quando si esamina il sentimento degli investitori dopo i tweet di Bitcoin, Musk ha un’influenza molto più rialzista. 

In che modo Musk e Saylor influenzano il sentimento?

Il Tie misura i cambiamenti di sentiment utilizzando diversi algoritmi proprietari. Un tweet che contiene parole come “rialzista”, “impennata” o “acquisto”, ad esempio, guadagnerebbe un punteggio di fiducia degli investitori più elevato. Al contrario, i tweet con parole come “ribassista”, “ribasso” o “vendita” guadagnerebbero un punteggio investitore inferiore. Anche la qualità del poster è critica; i bot vengono rimossi, mentre gli investitori e i trader professionisti vengono mantenuti.  

Questi due grafici suggeriscono che Musk genera molte più chiacchiere e attenzione sui social media rispetto a Michael SaylorIn alcuni casi, queste chiacchiere hanno anche comportato seri guadagni (o perdite) materiali.

L’impatto di Musk e Saylor su Bitcoin

Ogni CEO comanda un numero enorme di follower su Twitter e quindi ogni volta che Musk o Saylor commentano Bitcoin, sono sicuri di innescare una conversazione in tutto il Twitterverse, sia rialzista che ribassista.

Ad esempio, il numero medio di tweet su Bitcoin o Dogecoin a seguito di un commento di Musk o Saylor è notevole. Quando Musk twitta su Bitcoin, il numero di tweet sulla criptovaluta aumenta del 44%. I contributi di Saylor spostano l’ago del 4,1%. 

La combinazione dell’attività sui social media delle balene di Twitter con la volatilità nativa di Bitcoin crea una miscela inebriante. 

Ma per coloro che tentano di fare trading su detti tweet, The TIE offre una parola di cautela. 

“Anche se queste opportunità possono essere redditizie, gli investitori dovrebbero essere cauti nel cercare di cavalcare il retro dei tweet poiché il più delle volte, il prezzo di BTC e DOGE è tornato indietro dopo le loro pompe di carburante per tweet”, ha concluso il rapporto.

Fonte: decrypt.co

TradingMania.it

Lo staff di Tradingmania.it è composto da Analisti Finanziari e Trader professionisti, laureati in Economia delle Istituzioni e dei Mercati Finanziari II Università di Roma Tor Vergata.