Il bitcoin scende al di sotto dei 20.000$ con il rally del dollaro

Dopo aver goduto della sua settimana più forte degli ultimi tre mesi, oggi, il Bitcoin è sceso sotto i 20.000$, poiché un’impennata del dollaro si è diffusa sui mercati globali.

In Esclusiva per Tradingmania.it

Trading online Demo eToro

Tradingmania.it

In Esclusiva per Tradingmania.it

Trading online Demo eToro

Tradingmania.it

La criptovaluta più grande è scesa del 2,6% a $ 19.870, in calo per il quarto giorno consecutivo prima dei dati sui prezzi al consumo statunitensi martedì. Venerdì ha raggiunto $ 22.472 quando la propensione al rischio è tornata su asset più ampi. Il secondo più grande Ether è sceso del 4,1% a $ 1.090,94. L’indice MVIS CryptoCompare Digital Assets 100 è sceso fino al 2,6%.

“Prevedersi apatici back-end vol e flussi di base in un’altra settimana di negoziazione estiva con l’IPC probabilmente l’evento principale il 13 luglio”, hanno affermato lunedì in una nota Noelle Acheson e Gordon Grant di Genesis.

Nonostante un minimo di fuochi d’artificio intorno alla scadenza delle opzioni settimanali di venerdì scorso che ha visto Bitcoin superare i $ 22.000 e toccare la media mobile di 200 settimane, con Ether che si è spinta verso $ 1.300 in segno di simpatia, la sessione del fine settimana ha visto una ripresa di un’azione sui prezzi instabile e orientata al ribasso che ha caratterizzato gli ultimi mesi”.

Il dollaro è balzato lunedì davanti al CPI, che potrebbe offrire informazioni sul potenziale percorso di aumento dei tassi della Federal ReserveBitcoin e altre criptovalute hanno lottato mentre la banca centrale lavora per combattere letture di inflazione elevata e negli ultimi due anni hanno avuto la tendenza a negoziare insieme ad attività rischiose.

Tradingmania.it Consiglia

Canale Telegram Millionaireweb.it

Tradingmania.it

Tradingmania.it Consiglia

Canale Telegram Millionaireweb.it

Tradingmania.it

Wall Street si aspetta che il crollo della criptovaluta peggiori molto.

Secondo il 60% dei 950 investitori che hanno risposto all’ultimo sondaggio di MLIV Pulse, è più probabile che il token scenda a $ 10.000, dimezzando il suo valore di circa la metà, piuttosto che tornare a $ 30.000. Il quaranta per cento vedeva andare dall’altra parte.

La previsione sbilenca sottolinea quanto siano diventati ribassisti gli investitori. L’industria delle criptovalute è stata scossa da istituti di credito in difficoltà, valute al collasso e la fine delle politiche di denaro facile della pandemia che hanno alimentato una frenesia speculativa nei mercati finanziari.

Circa 2 trilioni di dollari sono svaniti dal valore di mercato delle criptovalute dalla fine dello scorso anno, secondo i dati compilati da CoinGecko.

Gli investitori al dettaglio erano più preoccupati per le criptovalute rispetto alle loro controparti istituzionali, con quasi un quarto che dichiarava che la classe di attività era spazzatura. Gli investitori professionali erano più aperti alle risorse digitali.

Ma nel complesso, questo settore rimane un settore polarizzante: mentre circa il 28% degli intervistati complessivi ha espresso una forte fiducia nel fatto che le criptovalute siano il futuro della finanza, il 20% ha affermato che non hanno valore.

Bitcoin ha già perso più di due terzi del suo valore da quando ha raggiunto quasi $ 69.000 a novembre e non è stato scambiato a partire da $ 10.000 da settembre 2020.

“È molto facile avere paura in questo momento, non solo nelle criptovalute, ma in generale nel mondo”, ha affermato Jared Madfes, partner di Tribe Capital, una società di venture capital. Ha affermato che le aspettative per un ulteriore calo di Bitcoin riflettono “la paura intrinseca delle persone nel mercato”.

È probabile che il crollo delle criptovalute eserciterà ulteriori pressioni sui governi affinché inaspriscano le normative del settore. Tale vigilanza è considerata positiva dalla maggior parte degli intervistati, poiché potrebbe aumentare la fiducia e portare a una più ampia accettazione tra gli investitori istituzionali e al dettaglio.

L’intervento del governo sarà probabilmente accolto favorevolmente anche dai consumatori bruciati dal crollo della cosiddetta stablecoin TerraUSD e da intermediari in difficoltà come Celsius Network e il broker Voyager Digital.

Fonte: thenationalnews

Scrivi un commento