Criptovalute: Sam Bankman-Fried “Una delle più grandi distruzioni di ricchezza della storia”

Sam Bankman-Fried si è svegliato lunedì ancora miliardario, anche se il suo impero delle criptovalute stava cominciando a sgretolarsi, il venerdì la sua fortuna è stata completamente spazzata via.

Sulla base dei calcoli del patrimonio netto di Bloomberg, Bankman-Fried valeva circa $ 23 miliardi di dollari australiani ($ 16 miliardi di dollari) all’inizio della scorsa settimana.

Ma quando il suo scambio di criptovalute, FTX, è crollato, il valore delle sue risorse è stato ridotto a zero in quella che Bloomberg ha definito “una delle più grandi distruzioni di ricchezza mai registrate nella storia”.

FTX venerdì ha dichiarato di aver dichiarato bancarotta e Bankman-Fried, noto come SBF, si è dimesso da amministratore delegato. Il patrimonio netto dell’imprenditore trentenne, che era in gran parte legato alle risorse digitali, questa primavera ha raggiunto il picco di circa 38 miliardi di dollari australiani (26 miliardi di dollari).

Durante l’estate, quando i prezzi delle criptovalute sono crollati, Bankman-Fried è emerso come un cavaliere bianco per il settore, utilizzando il suo scambio FTX e il suo hedge fund gemello, Alameda, per garantire linee di credito a società crittografiche come BlockFi e Voyager che erano a rischio di crollo.

Ha detto a Reuters a luglio che lui e FTX avevano ancora “qualche miliardo” a portata di mano per sostenere altre aziende e aiutare a stabilizzare il settore. Bankman-Fried possiede circa il 70% delle attività statunitensi di FTX, che l’indice ora stima essere sostanzialmente prive di valore.

La sua partecipazione nell’intermediazione online Robinhood, precedentemente valutata oltre $ 745 milioni ($ 500 milioni), è stata rimossa dal calcolo di Bloomberg dopo che le notizie hanno affermato che la partecipazione era detenuta tramite Alameda e potrebbe essere stata utilizzata come garanzia per prestiti.

Come seguace dell ‘ “altruismo effettivo”, Bankman-Fried ha cercato di fare quanti più soldi possibile per darli via. Ma il destino dei suoi sforzi filantropici è ora in dubbio.

Giovedì, l’intero staff del FTX Future Fund, che afferma di aver impegnato 238 milioni di dollari australiani (160 milioni di dollari) in sovvenzioni, si è dimesso pubblicamente.

In una dichiarazione, il team di cinque persone ha scritto di “avere domande fondamentali sulla legittimità e l’integrità delle operazioni commerciali che stavano finanziando la FTX Foundation e il Future Fund”.

Fonte: 7news.com.eu

Scrivi un commento