Il DOJ degli Stati Uniti emette un’azione internazionale di applicazione della criptovaluta

Mercoledì, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha annunciato azioni globali di applicazione della criptovaluta. Il dipartimento ha arrestato il fondatore di Bitzlato, un exchange di criptovalute cinese dedicato a servire i criminali finanziari.

Il Dipartimento di Giustizia ha fatto notizia mercoledì insieme a rappresentanti dell‘FBI, dell’OFAC e del Financial Crimes Enforcement Network (FinCEN). L’OFAC sovrintende alle sanzioni statunitensi, mentre il FinCEN monitora le attività sospette tra le istituzioni finanziarie.

Il dipartimento ha spiegato che Bitzlato ha incoraggiato i mercati darknet e aiutato negli attacchi ransomware e ha distribuito più di 700 milioni di dollari in trasferimenti illegali diretti e indiretti tra il 2018 e il 2022.

Lo scambio è diventato attraente per i criminali a causa dei requisiti minimi per le informazioni di autenticazione dell’utente, tipiche della maggior parte degli exchange principali. Il ransomware è un crimine che utilizza spesso la criptovaluta per la sua irreversibilità e anonimato.

“Tali azioni coordinate contro Bitzlato sono pietre miliari del successo del crimine informatico globale”, ha affermato il dipartimento.

“Per chiunque creda ancora di poter eludere la legge con la criptovaluta, questa accusa dovrebbe porre fine a quell’illusione“, ha detto insieme al procuratore degli Stati Uniti per il distretto orientale di New York.

L’annuncio arriva in un momento di grande sconvolgimento nel settore delle criptovalute, in particolare con il crollo dell’ex gigante delle criptovalute FTX.

Fonte: Cryptopotato.com

Scrivi un commento