Il Messico accetterà Bitcoin

Il bitcoin è sceso dell’1% mercoledì, chiudendo la giornata vicino a $ 37.600, ma sta perdendo un altro 7% giovedì mattina, scambiando sotto i $ 35.000. Ethereum ha perso il 12% a $ 2.340 nelle ultime 24 ore. Le principali altcoin mostrano un calo proporzionale.

In Esclusiva per Tradingmania.it

Trading online Demo eToro

Tradingmania.it

In Esclusiva per Tradingmania.it

Trading online Demo eToro

Tradingmania.it

La capitalizzazione totale del mercato delle criptovalute, secondo CoinMarketCap, è diminuita dell’8,4% nel corso della giornata, a 1,57 trilioni di dollari.

L’indice di paura e avidità del mercato delle criptovalute è sceso di 2 punti a 23, ma essendo aggiornato una volta al giorno, chiaramente non tiene conto degli ultimi drammatici movimenti.

L’aggravarsi della tensione intorno all’Ucraina ha esercitato pressioni sugli asset rischiosi. Vi sono crescenti rischi di escalation associati all’introduzione delle truppe russe nel Donbass. In una situazione del genere, le attività rischiose potrebbero continuare a diminuire ulteriormente.

Al momento, vediamo che le criptovalute stanno vendendo più forte delle azioni del mondo sviluppato (sebbene non così estreme come quelle russe), confermando la natura rischiosa di questi asset e come non siano un sostituto dell’oro.

Tradingmania.it Consiglia

Canale Telegram Millionaireweb.it

Tradingmania.it

Tradingmania.it Consiglia

Canale Telegram Millionaireweb.it

Tradingmania.it

Secondo Glassnode, i portafogli degli investitori a lungo termine (hodler) detengono volumi record di BTC (76,5%). Cresce anche il volume dei bitcoin, fermi da oltre 10 anni (12,6%). Pertanto, quasi il 90% di tutte le monete attualmente disponibili sono fuori mercato.

Ora un altro paese oltre a El Salvador potrebbe accettare bitcoin come mezzo di pagamento. La senatrice Indira Kempis sta elaborando un disegno di legge sulle criptovalute e intende convincere il governo messicano a seguire lo “scenario Salvadoregno” riconoscendo BTC come mezzo di pagamento.

L’ex funzionario della SEC Joseph Hall ha definito alte le possibilità del dipartimento di perdere la causa contro Ripple . Il regolatore accusa la società di vendere titoli non registrati con il pretesto di token XRP.

Fonte: fxstreet

Scrivi un commento