Il prezzo di BTC torna a $ 43.000: 5 cose da guardare in Bitcoin questa settimana

Celebrazione cauta poiché Bitcoin evita di tornare indietro nel suo recente range di trading poiché l’inflazione e il dollaro costituiscono i principali punti di interesse.

In Esclusiva per Tradingmania.it

Trading online Demo eToro

Tradingmania.it

In Esclusiva per Tradingmania.it

Trading online Demo eToro

Tradingmania.it

Bitcoin ( BTC ) è in uno stato d’animo combattivo questa settimana poiché la chiusura settimanale sostiene la causa dei rialzisti e spazza via diverse settimane di ribasso: può continuare a salire?

Dopo aver sfidato $ 42.000 durante il fine settimana, c’è stato un cauto senso di ottimismo poiché i livelli più alti sono rimasti in gioco. Domenica ha visto una nuova spinta, con progressi notturni che hanno attaccato $ 43.000 prima di un nuovo consolidamento.

Con l’apertura di Wall Street di lunedì pronta a fornire più turbolenze nei grandi titoli tecnologici visti alla fine della scorsa settimana, l’ambiente per i trader di criptovalute è interessante a febbraio.

Con la sua notevole correlazione positiva, Bitcoin è quindi sensibile ai movimenti su e giù, ma le azioni si rifiutano di muoversi all’unanimità nella stessa direzione.

Alla ricerca di una guida, gli hodler ricorderanno ancora i minimi di gennaio, e questi sono anche freschi nella mente degli analisti che non hanno scontato la possibilità di tornare a $ 30.000.

Con una settimana di bilanci per i suoi ultimi guadagni, Cointelegraph dà un’occhiata al mercato Bitcoin e a cinque forze in gioco che potrebbero aiutare a definire dove si dirigerà l’azione dei prezzi di BTC.

Bitcoin evita un grave guasto

Il fine settimana non è stato all’altezza della ritrovata tendenza al rialzo di Bitcoin, nonostante il suo volume tipicamente più basso fornisse terreno fertile sia per i “fakeout” che per i “fakedown”.

$ 40.000 trattenuti come supporto e gli analisti erano ansiosi di vedere $ 41.000 stabiliti come base a lungo termine per il futuro.

Ecco come vedo le cose. Finché $ BTC detiene 39.000 (come affermato in precedenza), poi si apre l’anno successivo”, ha riassunto domenica il trader e analista Pentoshi.

“Imo l’80% delle alt ritarderà, il 20% guiderà/seguirà.”

L’apertura annuale per il 2022 è di circa $ 46.200, un livello di prezzo che si sta avvicinando dopo che BTC/USD ha sfondato la sua zona di resistenza del fine settimana raggiungendo i massimi locali di $ 43.070 su Bitstamp.

Il collega analista e trader Credible Crypto ritiene che l’ultima azione potrebbe fornire la prova che Bitcoin sta iniziando il suo quinto di una serie di mosse impulsive che risalgono a diversi anni fa.

In tal caso, è probabile che le altcoin perdano inizialmente le luci della ribalta a favore di BTC, ha aggiunto, come con le classiche prestazioni della corsa al rialzo.

“Se la mia tesi è corretta e $BTC sta davvero iniziando la sua quinta ondata finale qui, aspettati che $BTC rubi la scena, pompa in modo aggressivo, alt per prendere un colpo iniziale, ma poi si riprende/recupera proprio come abbiamo visto negli ultimi due impulsi (3-14k e 12-65k)”, ha spiegato .

Guardando al rovescio della medaglia, le balene potrebbero avere la risposta. I dati della risorsa di monitoraggio sulla catena Whalemap mostrano che l’area intorno a $ 38.000 rimane una zona di interesse significativa per le balene, che la scorsa settimana hanno iniziato ad aumentare le loro posizioni lì.

BTC/USD a $ 43.000 è nel frattempo il più alto dal 17 gennaio, la più grande criptovaluta che ha cancellato più di due settimane di perdite in pochi giorni.

L’inflazione rimane “reale” prima della lettura dell’IPC di gennaio

Le azioni hanno costituito il trampolino di lancio per l’uscita di Bitcoin dal corridoio $ 30.000- $ 40.000 la scorsa settimana, ma “solo in rialzo” non è certo ciò che caratterizza i principali asset.

Tra le big tech, la storia è stata uno dei guadagni di Amazon e delle perdite di Meta, fornendo una curiosa dicotomia che Bitcoin alla fine ha utilizzato a proprio vantaggio.

La stessa tendenza potrebbe continuare questa settimana? Le azioni non sono sole, poiché il petrolio continua a guadagnare e la narrativa inflazionistica aumenta con esso.

“L’inflazione sta prendendo a calci la Fed. L’inflazione è REALE”ha detto lunedì il veterano Peter Brandt, osservando le obbligazioni statunitensi.

“Ciò a causa dell’ondata di liquidità aggiunta negli ultimi due anni. $$$ abbondano. La Fed è molto indietro rispetto alla curva nell’aumento dei tassi. Il titolo a 10 anni è diretto al 2,35% nel breve termine e al 3,0% nel i prossimi due anni”.

Ha aggiunto che l’inflazione rimane estremamente modesta rispetto agli episodi del secolo scorso, ma che potrebbe esserci ancora molta strada da fare.

Pentoshi nel frattempo prevede un prezzo del petrolio di oltre $ 100 in arrivo.

“Sembra che il petrolio aumenterà di oltre $ 100 a questo ritmo. Aumento del 20% nelle prime 5 settimane dell’anno, 13% a gennaio. Se prima amavi l’inflazione, lo amerai quando il petrolio supererà i $ 100. Beni di consumo i numeri salgono”, ha twittato.

L’apertura di Wall Street di lunedì potrebbe quindi fornire una convalida dei guadagni di Bitcoin o mettere nuovamente in pericolo la festa. Al momento in cui scrivo, i futures puntano in discesa dopo la migliore settimana del 2022 dell‘S&P 500.

I dati nel frattempo mostrano che la correlazione Nasdaq di Bitcoin sta lentamente diminuendo.

Giovedì vedrà il rilascio dei dati dell’indice dei prezzi al consumo (CPI) di gennaio, che potrebbero fornire ulteriori venti contrari all’inflazione se le cifre dovessero scendere al di fuori delle stime

Il dollaro continuerà a scendere?

C’è qualcosa in ballo con il dollaro USA, anche se le azioni stanno attraversando la debolezza di inizio anno.

All’inizio di febbraio, una serie di vittorie che copre l’intero 2021 è bruscamente peggiorata per i rialzisti dell’USD e la scorsa settimana ha visto un netto ribasso per l’indice di valuta del dollaro USA (DXY).

Dopo aver superato 97 per la prima volta in oltre un anno, DXY ha incontrato una forte resistenza e ora è tornato sotto 95,6. A parte un breve calo a metà gennaio, questo rappresenta il livello più basso da metà novembre, proprio mentre BTC/USD stava raggiungendo i suoi massimi attuali di $ 69.000 di tutti i tempi.

Analizzando l’attuale configurazione, il trader, investitore e imprenditore Bob Loukas era scettico.

“Mosse molto interessanti in $USD. Forse una trappola?” ha riflettuto la scorsa settimana.

“Una cosa è certa, Price Action è sempre MOLTO avanti rispetto a ciò che pensiamo (macro/eventi) dovrebbe determinare il prezzo.”

Il bitcoin è tradizionalmente inversamente correlato al DXY e qualsiasi forte ritorno al rialzo potrebbe minare facilmente la forza dei prezzi.

“Non mentirà, ma il DXY sta iniziando a sembrare che voglia correggere più pesantemente”, ha previsto anche il collaboratore di Cointelegraph Michaël van de Poppe .

Ha osservato che la Banca centrale europea (BCE) che ha tenuto a bada gli aumenti dei tassi di interesse ha esercitato ulteriori pressioni sul dollaro.

“A lungo termine -> sarebbe un buon segnale per Bitcoin e per gli asset risk-on se il DXY mostrasse una maggiore debolezza”, ha affermato.

I titolari a breve termine iniziano a tornare al profitto

Coloro che sono alla ricerca di segnali che indicano che un prezzo minimo di Bitcoin a lungo termine è davvero necessario non hanno bisogno di cercare molti dati sulla catena questa settimana.

Come notato dall’account di analisi della catena e del ciclo Root, la parte dell’offerta di BTC controllata dagli hodler a breve termine sta iniziando a salire dopo essere scesa a livelli che coincidono con i minimi dei prezzi macro.

“Probabilmente il fondo della macro è dentro”, ha commentato Root lunedì.

Nel frattempo, il rapporto di profitto prodotto speso (SOPR) per i detentori a breve termine ha visto il suo primo rimbalzo sopra la soglia di 1 da Natale questo fine settimana.

I valori che salgono da 1 dal basso mostrano che i detentori a breve termine in media stanno iniziando a vendere con un profitto piuttosto che con una perdita.

Sul tema della redditività, quasi il 25% della fornitura di BTC rimane sott’acqua, rispetto al 16,7% della fornitura acquistata tra $ 30.000 e $ 41.500.

“Bitcoin è un po’ pesante qui, ma NumberGoUp è una medicina per questo”, ha commentato l’ account Twitter TXMC Trades sui dati della società di analisi a catena Glassnode.

Gli occhi sentimentali escono per la prima volta dalla “paura” dai massimi storici

Più a lungo persistono i prezzi dei Bitcoin più alti, più profondo è l’impatto che hanno anche sulla mentalità più radicata.

Il Crypto Fear & Greed Index , che ha trascorso la maggior parte del mese scorso nella sua zona di “paura estrema”, è ora sul punto di scoppiare del tutto nella “paura”.

Una tale mossa segnerebbe il primo spostamento dell’indice in territorio “neutrale” dai massimi storici di novembre, e quindi una sorta di ripristino del sentimento negli ultimi due mesi e mezzo.

Per fare un confronto, solo una settimana fa, l’indice si attestava a 20/100, mentre i livelli attuali sono 45/100, più del doppio rispetto alla sua scala normalizzata.

La storia ha dimostrato che la chiave per un sentimento sostenibile, in cui i trader non “si accumulano” per acquistare o vendere dopo un’azione di prezzo specifica, risiede nell’azione di prezzo BTC misurata. I guadagni “lenti e costanti” sono ciò che i trader tendono a cercare per diventare sicuri di una tendenza a lungo termine.

Sul tema dei minimi dell’indice di gennaio, tuttavia, l’analista Philip Swift ha offerto una nota di cautela.

“Il grafico del punteggio di Fear & Greed rispetto al prezzo di bitcoin mostra che il punteggio può essere molto basso in punti che non sono i minimi dei prezzi”, ha osservato la scorsa settimana, confrontando i dati storici.

“Ma è interessante notare che lunghi periodi di Extreme Fear (sotto i 25) per +3 settimane tendono a segnalare minimi importanti”. 

Fonte: cointelegraph

Canale Youtube

Scrivi un commento