Incombe l’ordine esecutivo delle criptovalute statunitensi: 5 cose da tenere d’occhio in Bitcoin questa settimana

Una mancanza di slancio rialzista lascia Bitcoin a desiderare questa settimana mentre le nuvole macro si accumulano all’orizzonte.

In Esclusiva per Tradingmania.it

Trading online Demo eToro

Tradingmania.it

In Esclusiva per Tradingmania.it

Trading online Demo eToro

Tradingmania.it

Bitcoin ( BTC ) inizia una nuova settimana con il botto, ma non nella giusta direzione per i rialzisti.

Tuttavia, un weekend promettente ha visto BTC/USD attirare avvisi su movimenti di prezzo  “fuori orario”, e questi alla fine si sono rivelati tempestivi poiché la chiusura settimanale ha fatto scendere la coppia di oltre $ 1.000.

A $ 37.900, anche quella chiusura non è stata sufficiente per soddisfare le richieste degli analisti e il comportamento fin troppo familiare che Bitcoin ha mostrato per tutto gennaio continua così.

La domanda per molti, quindi, è cosa cambierà lo status quo? 

Tradingmania.it Consiglia

Canale Telegram Millionaireweb.it

Tradingmania.it

Tradingmania.it Consiglia

Canale Telegram Millionaireweb.it

Tradingmania.it

Nonostante la mancanza di una vera ripresa del mercato spot nonostante i solidi dati sulla catena, potrebbe essere un fattore scatenante esterno che finisce per essere responsabile di uno scossone. L’ordine esecutivo degli Stati Uniti sulla regolamentazione delle criptovalute, ad esempio, dovrebbe arrivare a febbraio, mentre la tempistica esatta è sconosciuta.

La Federal Reserve è un’ulteriore area di interesse per gli analisti, poiché qualsiasi segnale sull’inflazione, sui rialzi dei tassi di interesse o sul tapering degli acquisti di asset potrebbe avere un impatto significativo sui mercati tradizionali, ai quali Bitcoin e altcoin rimangono strettamente correlati.

Con tempi frustranti che caratterizzano il primo mese del 2022, Cointelegraph dà un’occhiata allo stato del mercato questa settimana.

Abbiamo identificato cinque cose che vale la pena considerare quando si elaborano le prossime mosse di Bitcoin.

Porta il “martello” verso la chiusura settimanale di BTC 

Anche i magri guadagni nella chiusura settimanale sono stati un motivo di breve durata per festeggiare per i rialzisti di Bitcoin questa domenica.

La mezzanotte UTC ha visto un’immediata candela del rifiuto, con BTC/USD in picchiata a $ 36.650 su Bitstamp.

Come notato dal trader, analista e conduttore di podcast Scott Melker, un forte volume ha accompagnato la mossa, sottolineando la natura inaffidabile dell’azione dei prezzi del fine settimana quando si tratta di costruire una posizione.

Come diverse altre fonti hanno affermato la scorsa settimana, Melker ha ribadito che è necessario recuperare $ 39.600 per far prevalere una prospettiva più rialzista.

Altrettanto non ispirato dalla candela settimanale è stato il collega trader e analista Rekt Capital, che in un nuovo aggiornamento su Twitter ha affermato che BTC “continua a lottare con una resistenza di $ 38.500”.

“Questa è l’area di cui BTC ha bisogno per chiudere la candela settimanale sopra per garantire un rialzo di oltre ~ $ 39.000”, ha aggiunto.

Con una performance deludente alle spalle, Bitcoin è quindi tornato nello stesso vecchio intervallo, uno che alcuni avvertono potrebbe ancora comportare un nuovo test di livelli più bassi.

“Personalmente non vedo l’ora che eventuali opps si comportino se scambiamo questo intervallo 29-40k a lungo”, ha confermato il famoso trader Pentoshi .

Il viaggio ai massimi di circa $ 38.600 nel frattempo è riuscito ad aumentare i tassi di finanziamento precedentemente negativi sui derivati ​​poiché il sentimento è rapidamente cambiato dall’aspettarsi un ulteriore ribasso all’aspettarsi una continuazione rialzista.

L’inversione, tuttavia, ha riportato i tassi di finanziamento sostanzialmente in territorio negativo, con la maggior parte in bilico appena sotto la neutralità nel momento in cui scriviamo.

L’S&P 500 può ribaltare il peggior mese da marzo 2020?

Sebbene la chiusura mensile di Bitcoin non porti ancora sorprese, i mercati azionari potrebbero comunque fornire un sollievo dell’ultimo minuto.

Con i future in rialzo prima della sessione di lunedì, l’S&P 500, con il quale Bitcoin ha mostrato una correlazione positiva crescente negli ultimi mesi, si sta dirigendo verso la sua peggiore performance mensile da marzo 2020.

L’S&P è in calo del 7% questo mese, facendo eco all’inizio dell’anno nervoso per Bitcoin, poiché la politica della Fed inizia a mordere l’entusiasmo che ha accompagnato la fornitura di liquidità senza precedenti all’inizio della pandemia di Coronavirus.

Mentre la Fed è ora a bocca chiusa sul calendario degli aumenti dei tassi che dovrebbero seguire lo spegnimento del rubinetto del “denaro facile”, più vicino a casa, un altro problema per i bitcoiner è all’orizzonte.

L’imminente ordine esecutivo dell’amministrazione Biden sulle criptovalute, apparentemente anticipato a febbraio, potrebbe rimettere il gatto tra i piccioni in termini di sentimento già maltrattato.

Lo spettro dell’Infrastructure Bill rimane per molti un partecipante al mercato e un ulteriore trattamento svantaggioso del fenomeno delle criptovalute sarebbe gravemente sgradito da un paese che ora ospita la parte del leone dell’hash rate del mining di Bitcoin.

Secondo un rapporto di Bloomberg la scorsa settimana, l’ordine dovrebbe concentrarsi sui “rischi e opportunità” offerti dalle criptovalute.

I piani hanno già visto “riunioni multiple” con funzionari, con l’obiettivo apparentemente di unificare gli approcci normativi del governo alla sfera delle criptovalute.

I vecchi invecchiano bene

Dietro le quinte, la tendenza più confortante degli hodler stagionati di Bitcoin che si aggrappano alle loro risorse continua a manifestarsi.

I dati della società di analisi a catena Glassnode questa settimana confermano che il numero di monete spostate per l’ultima volta tra cinque e sette anni fa ha raggiunto il massimo storico.

Quella coorte di monete ora ammonta a 716.727 BTC.

Allo stesso tempo, gennaio ha infatti visto un calo complessivo delle riserve di cambio Bitcoin nonostante le perdite di prezzo. Secondo i dati di Glassnode , solo questa settimana i principali scambi sono scesi di circa $ 243 milioni.

In precedenza, Cointelegraph ha riferito del continuo esaurimento delle partecipazioni in BTC degli exchange. 

Dati separati da CryptoQuant , che traccia 21 principali piattaforme di trading, confermano ulteriormente che i saldi sono ai minimi dal 2018.

GBTC si tuffa per registrare uno sconto del 30%.

Le cose non stanno andando così bene per il Grayscale Bitcoin Trust (GBTC).

Nonostante i dati che mostrano il riemergere dell’interesse istituzionale per Bitcoin a gennaio, la domanda per il prodotto di investimento BTC di punta del settore continua a diminuire.

Secondo i dati della società di analisi on-chain Coinglass , la scorsa settimana GBTC ha registrato il suo più grande sconto di sempre rispetto al prezzo spot di Bitcoin.

Questo sconto sul valore patrimoniale netto (NAV) – le partecipazioni in BTC del fondo – era un premio pagato dagli investitori per l’esposizione, ma ora le cose sono cambiate da tempo.

Il 22 gennaio, i nuovi entranti sono stati tecnicamente in grado di acquistare azioni GBTC a quasi il 30% al di sotto del prezzo spot della giornata.

Come riportato da Cointelegraph, GBTC ha dovuto affrontare un ambiente in rapida evoluzione negli ultimi mesi, grazie a una combinazione di azione sui prezzi e il lancio di fondi negoziati in borsa (ETF). Lo stesso GBTC dovrebbe diventare un ETF spot, ma solo con l’approvazione normativa statunitense.

Precisando la situazione, l’analista on-chain Jan Wuestenfeld ha affermato che, nonostante lo sconto, GBTC non rappresentava necessariamente un modo per gli investitori istituzionali di trarre profitto da “soldi facili” a lungo termine.

“Sì, se credi che prima o poi verrà convertito in un ETF spot, ma ci sono anche le commissioni da considerare e anche che non detieni davvero le chiavi”, ha detto durante un dibattito su Twitter nel fine settimana .

Non è così spaventoso dopo tutto?

Affidabile o meno, questa settimana sta succedendo qualcosa al sentiment sulla catena di Bitcoin.

Dopo aver trascorso quasi tutto gennaio nelle profondità della “paura estrema”, accompagnata da una rivisitazione di minimi rari visti solo una manciata di volte, il Crypto Fear & Greed Index sta finalmente guardando in alto.

Domenica, l’indice è uscito dalla zona di “paura estrema” – una lettura compresa tra 0 e 25 – per la prima volta dal 3 gennaio.

Fear & Greed utilizza un paniere di fattori per determinare il sentiment generale del mercato e la sua gamma di massimi e minimi ha rappresentato accuratamente gli estremi di prezzo.

Che finalmente possa entrare uno stato d’animo più positivo è un segnale positivo per gli analisti, ma, come sempre, tutto dipende dal fatto che una tale ripresa sia sostenibile e rimanga ininterrotta da sorprese esterne.

La festa si è rivelata fugace, poiché la candela settimanale chiusa a martello ha riportato le letture in “estrema paura”.

Tuttavia, con un breve viaggio a 29 – “paura” – l’Indice ha così evitato il dubbio onore di trascorrere il più lungo periodo di tempo nella zona di “paura estrema” da quando è stato creato nel 2018.

La natura volubile del sentiment in generale, nel frattempo, non è andata persa per il trader veterano Peter Brandt, che durante il fine settimana ha preso in giro il modo in cui le prospettive sono cambiate dall’inizio della correzione dei prezzi.

Con i massimi storici di novembre come punto focale, Brandt ha descritto la seconda metà del 2021 come “l’era dell’avidità laser”.

Fonte: cointelegraph

 

Scrivi un commento