News
| On 4 anni fa

Israele tasserà le criptovalute come proprietà

di TradingMania.it
Condividi

L’avviso ufficiale dell’autorità fiscale israeliana indica che il paese considererà le criptovalute come “una proprietà, non una valuta”. Questo rende le criptovalute tassabili come proprietà.

La ragione di questa sentenza è che una criptovaluta è un possesso appartenente al singolo che la detiene. Pertanto, la vendita di una moneta digitale è un evento soggetto a imposta, soggetto a imposte sulle plusvalenze. La posizione di autorità fiscale è stata ulteriormente spiegata in un progetto di circolare che è stato pubblicato all’inizio di gennaio.

La circolare dell’ITA ha delineato una bozza di nuova legislazione che chiarisce lo stato dei token di criptovaluta come risorse. Inoltre, la circolare ha dettagliato gli obblighi fiscali delle società che raccolgono fondi tramite ICO.

La circolare di ITA afferma inoltre che i profitti derivanti da criptovalute saranno soggetti a un’imposta sulle plusvalenze a tassi compresi tra il 20-25%. Le persone coinvolte nell’attività mineraria o commerciale di criptovalute devono pagare un’imposta sul valore aggiunto del 17% (IVA) oltre all’imposta sulle plusvalenze.

Le aziende che acquistano e vendono criptovaluta dovrebbero essere obbligate a segnalare profitti e perdite, proprio come qualsiasi altra risorsa.

L’annuncio di oggi del governo israeliano era previsto. Tuttavia, i funzionari sottolineano che stanno ancora lavorando su alcune delle idee che potrebbero ulteriormente incidere sul settore.

TradingMania.it

Lo staff di Tradingmania.it è composto da Analisti Finanziari e Trader professionisti, laureati in Economia delle Istituzioni e dei Mercati Finanziari II Università di Roma Tor Vergata.