Jack Dorsey difende il divieto sull’account Twitter del presidente Trump e loda Bitcoin

59
0

L’amministratore delegato di Twitter Jack Dorsey ha rilasciato una dichiarazione in cui difende la decisione dei social media di vietare l’account del presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

È interessante notare che Dorsey si è anche preso un momento per lodare la natura decentralizzata di bitcoin, dicendo che Internet dovrebbe sforzarsi di essere più simile.

La storia dei divieti di Trump sui social media

La notizia è arrivata la scorsa settimana quando più piattaforme di social media, tra cui Facebook, Snapchat e Twitter, hanno sospeso definitivamente l’account del presidente degli Stati Uniti ancora attivo Donald Trump.

La decisione di Twitter ha probabilmente ferito di più Trump in quanto era la sua piattaforma preferita per diffondere le sue opinioni. Tuttavia, il gigante dei social media di Jack Dorsey ha ritenuto estremamente inappropriati due tweet in particolare, definendo i sostenitori che hanno fatto irruzione nel Campidoglio degli Stati Uniti “patrioti” e dicendo che non sarebbe andato all’inaugurazione presidenziale il 20 gennaio 2020.

Twitter ha affermato che tali dichiarazioni violavano la politica aziendale sulla glorificazione della violenza e “l’utente @realDonaldTrump dovrebbe essere immediatamente sospeso in modo permanente dal servizio”.

Questa decisione ha ricevuto una buona parte di controversie. Alcuni hanno affermato che le piattaforme di social media hanno troppo potere e hanno messo in dubbio il divieto, mentre altri hanno affermato che la sospensione era la strada giusta da percorrere.

Dorsey Speaks: Il divieto di Trump è stata la decisione giusta

Oggi, Jack Dorsey, CEO di Twitter, ha offerto le sue opinioni sulla questione. Ha scritto che non ha “festeggiato o provato orgoglio” in seguito al divieto, ma ha detto che la società ha preso la decisione “con le migliori informazioni che avevamo sulla base di minacce alla sicurezza fisica sia su Twitter che fuori”.

Dorsey ha ribadito ancora una volta la sua posizione, affermando che questa è stata la decisione corretta poiché la piattaforma ha dovuto affrontare “una circostanza straordinaria e insostenibile, costringendoci a concentrare tutte le nostre azioni sulla sicurezza pubblica”.

L’esecutivo ha ammesso che il divieto di un account ha “ramificazioni reali e significative” in quanto rappresenta un “nostro fallimento nel promuovere una sana conversazione”. Inoltre, ha riconosciuto la divisione creata dopo la sospensione dell’account e ha avvertito che questo precedente è pericoloso.

Internet deve essere più simile a Bitcoin

Sebbene Dorsey abbia confutato le accuse secondo cui tutte le piattaforme di social media che hanno vietato gli account di Trump hanno agito insieme, ha ammesso che alcuni individui o società potrebbero avere troppo potere a volte.

Sebbene questo particolare momento abbia richiesto questa decisione “dinamica”, tali azioni potrebbero essere “distruttive per il nobile scopo e gli ideali di Internet aperto” a lungo termine.

“Un’azienda che decide di moderarsi è diversa da un governo che rimuove l’accesso, ma può sentirsi più o meno la stessa cosa.”

In quanto tale, Dorsey ritiene che tali grandi società Internet necessitino di “maggiore trasparenza” nelle loro operazioni di moderazione. Inoltre, ha violato Bitcoin come modello che Internet deve seguire:

“Il motivo per cui ho così tanta passione per Bitcoin è in gran parte a causa del modello che dimostra: una tecnologia Internet fondamentale che non è controllata o influenzata da nessun singolo individuo o entità. Questo è ciò che Internet vuole essere e, nel tempo, lo sarà sempre di più “.

Vale la pena notare che Dorsey è un sostenitore di lunga data di BTC. Oltre all’altra sua azienda, Square, che stanzia $ 50 milioni nell’asset, il suo profilo Twitter personale continua a visualizzare solo una parola: “#bitcoin”.


 
Prova il Trading Bitcoin di eToro
TradingMania.it
Lo staff di Tradingmania.it è composto da Analisti Finanziari e Trader professionisti, laureati in Economia delle Istituzioni e dei Mercati Finanziari II Università di Roma Tor Vergata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here