Kraken regalerà Bitcoin per un valore di oltre 10 milioni di dollari ai cittadini ucraini

La sede di trading di asset digitali americana Kraken donerà $ 1.000 in BTC ai residenti ucraini colpiti.

Il principale exchange di criptovaluteKraken – darà $ 1.000 in bitcoin a ogni cittadino ucraino che ha aperto un conto sulla piattaforma prima del 10 marzo. L’iniziativa è progettata per aiutare i bisognosi dopo che la Russia ha lanciato la sua “operazione militare speciale” nel paese.

Il sostegno di Kraken agli ucraini

L’elenco di società, sedi di negoziazione e individui che fanno del loro meglio per aiutare il benessere dell’Ucraina durante la guerra in corso con la Russia continua a crescere. L’ultimo esempio è venuto dall’ exchange di criptovalute con sede negli Stati Uniti Kraken.

In un recente annuncio , Kraken ha rivelato che donerà $ 1.000 in bitcoin agli utenti ucraini che si sono registrati prima del 10 marzo. I cittadini potrebbero ritirare immediatamente la criptovaluta poiché, inoltre, Kraken distribuirà $ 1.000 in crediti Kraken Fee per garantire che i clienti possano effettuare conversioni senza alcun costo.

Complessivamente, la società ha affermato che regalerà risorse digitali per un valore di oltre 10 milioni di dollari ai cittadini ucraini colpiti. Kraken spera che questo venga visto come un compromesso ragionevole poiché in precedenza si era rifiutato di bloccare i suoi utenti con sede in Russia. Jesse Powell – CEO della piattaforma – ha commentato:

“Speriamo di continuare a fornire servizi finanziari critici in un momento di bisogno sia ai nostri clienti in Ucraina che in Russia. La criptovaluta rimane un importante strumento umanitario, soprattutto in un momento in cui molti in tutto il mondo non possono più fare affidamento su banche e custodi tradizionali”.

Successivamente, Kraken ha spiegato che la donazione di 10 milioni di dollari equivale alle commissioni di negoziazione totali pagate dai clienti con sede in Russia nei primi mesi del 2022. In quanto tale, la società non trarrà profitto dalla loro consuetudine, che è un altro modo per mostrare la sua disapprovazione nei confronti dell’esercito conflitto.

La reazione degli scambi

Durante l’invasione russa dell’Ucraina, il vice primo ministro di quest’ultima, Mykhailo Fedorovha esortato le principali piattaforme di asset digitali a bloccare tutti gli indirizzi blockchain degli utenti russi.

Tuttavia, Binance e Kraken non hanno seguito quella richiesta. Il primo ha affermato che “la crittografia ha lo scopo di fornire una maggiore libertà finanziaria” e una tale mossa potrebbe opporsi al concetto di settore. Ha anche suggerito che la maggior parte di quei resoconti appartengono a individui “innocenti” che non hanno alcun rapporto con la guerra.

Kraken ha preso una posizione simile descrivendo bitcoin e altcoin come l’incarnazione di valori libertari. In quanto tale, sarebbe un errore congelare gli account di tutti i clienti russi, ha affermato Powell.

Coinbase, d’altra parte, ha bloccato 25.000 indirizzi blockchain russi collegati a individui presumibilmente coinvolti in attività illegali.

Fonte: cryptopotato

Canale Youtube

Scrivi un commento