La bolla dei bitcoin potrebbe sgonfiarsi nel 2022, secondo le previsioni delle società di investimento

La bolla di Bitcoin potrebbe scoppiare e perdere più della metà del suo valore nel 2022 quando la “mania” degli investitori svanisce, ha avvertito una società di investimento.
Nella sua lista di dieci ” risultati improbabili ma possibili per il 2022 “, Paul Jackson, Global Head of Asset Allocation di Invesco, afferma di poter vedere Bitcoin scendere al di sotto di $ 30.000 USD, segnando un calo di oltre il 50% dal recente massimo della criptovaluta di novembre 2021.
Alludendo al grande crollo del mercato azionario del 1929 – noto come “martedì nero”Jackson ha affermato che il boom del valore di Bitcoin porta i segni distintivi di un fenomeno noto come “mania finanziaria”.
Chiamata anche “bolla economica”, l’investimento maniacale in genere vede il prezzo di un asset salire a livelli molto maggiori del suo valore intrinseco a causa del marketing di massa.
“Il marketing di massa di Bitcoin ci ricorda l’attività degli agenti di cambio prima del crollo del 1929”, scrive Jackson.
“Sappiamo come è andata a finire e Bitcoin è già sceso a circa $ 42.000 USD (al 7 gennaio 2022), seguendo da vicino il percorso discendente del nostro modello mania.
“Quel modello suggerisce che una perdita del 45% si verifica nei 12 mesi successivi al picco di una tipica mania finanziaria”.
Jackson ha affermato che se il modello verrà seguito, il prezzo di Bitcoin crollerà tra $ 37.000 e $ 34.000 entro la fine di ottobre 2022.
“Il modello suggerisce anche che le bolle in genere si sgonfiano per altri due anni”, ipotizza Jackson.
“Quindi, pensiamo che non sia troppo difficile immaginare che Bitcoin scenda al di sotto di $ 30.000 USD quest’anno (con l’avvertimento per la salute che ci siamo sbagliati prima e che sembra stia attraversando una serie di bolle).”
La criptovaluta è stata a lungo definita una “bolla” dagli investitori istituzionali, ma ha sfidato più volte le previsioni.
Alla fine di dicembre 2017 Bitcoin è salito a quelle che allora erano considerate vette sorprendenti superando i $ 19.000 USD per moneta.
Solo due mesi dopo, a febbraio 2018, aveva perso più della metà del suo valore, spingendo molti ad affermare che la bolla era scoppiata.
Ma andiamo avanti velocemente fino alla fine del 2020, quando l’economia globale ha subito profondi colpi a causa della pandemia di COVID-19 e il Bitcoin stava salendo di nuovo e eclissando il suo massimo del 2017.
Gli investitori consideravano tradizionalmente la criptovaluta come lo strumento dei criminali informatici e delle transazioni losche nel dark web.
Ma alla fine del 2020 stava guadagnando legittimità: le banche centrali del Regno Unito e degli Stati Uniti avevano espresso interesse a sviluppare la propria valuta digitale utilizzando la tecnologia blockchain derivata da Bitcoin.
La casa automobilistica Tesla ha iniziato ad accettare Bitcoin come pagamento per le auto, El Salvador è diventato il primo paese al mondo ad adottare Bitcoin come moneta a corso legale e alla fine del 2021 e la stessa Commonwealth Bank australiana ha annunciato che avrebbe consentito ai clienti di scambiare criptovalute tramite la propria app di banking online.
Attualmente un Bitcoin vale $ AUD 58.463, essendosi fortemente ritirato da un massimo di inizio novembre 2021 di oltre $ AUD 91.000.
Fonte: 9news
Canale Youtube

Scrivi un commento