La catena di ristoranti investe tutti i profitti in bitcoin e fa una fortuna

Una catena di ristoranti a conduzione familiare in Canada ha più che quadruplicato i suoi guadagni investendo tutti i profitti in bitcoin, che ha contribuito a mantenere a galla l’azienda durante la pandemia di Covid-19 e le ha permesso di espandersi.

La catena di ristoranti a servizio rapido Tahini’s, con sede a Londra, Ontario, che serve cucina mediorientale, ha fatto il suo primo investimento in bitcoin nell’agosto 2020 quando costava circa $ 12.000 per gettone. Nonostante i recenti cali, la più grande criptovaluta del mondo per capitalizzazione di mercato è stata scambiata a oltre $ 56.390 nelle prime ore del mattino di martedì, quasi cinque volte superiore alle cifre dell’anno scorso. I proprietari di Tahini affermano che la decisione di investire tutti i profitti nel token crittografico ” ha funzionato come un incantesimo “.

Tradingmania.it consiglia

eToro Conto Demo Gratis

Tradingmania.it

 Siamo aggiornati, ad oggi, del 460% sul nostro investimento iniziale e non ci siamo fermati qui. Continueremo a trasferire i profitti in eccesso in bitcoin ”, ha detto a Business Insider il chief marketing officer della catena e uno dei fondatori, Ali Hamam.

Tahini’s è forse la prima catena di ristoranti al mondo a investire tutte le proprie riserve di denaro in criptovalute. I proprietari affermano che l’investimento ha aiutato la loro attività ad espandersi durante la pandemia, quando molte attività simili sono state costrette a chiudere. Li ha anche aiutati durante la conseguente inflazione, che ha portato a prezzi più alti per gli ingredienti di alcuni dei loro piatti principali.

“ Il problema principale che abbiamo in questo momento è che i dollari si stanno svalutando. Le banche centrali diranno che l’inflazione è solo del 5%. Ma questo dipende molto da cosa vuoi comprare. Il pollame è aumentato del 45%, il manzo del 25%, le merci importate e le spezie sono aumentate del 65%, gli oli del 110%. Quindi aveva senso mettere i nostri soldi in [bitcoin] e questo supererà qualsiasi tasso di inflazione che vediamo per il prossimo decennio “, ha detto Hamam.

L’azienda lavora secondo una ” strategia standard bitcoin ” , operando in valuta fiat e quindi investendo tutti i profitti in bitcoin. Non accetta bitcoin per gli ordini al ristorante, poiché è più facile fare contabilità e rendicontazione fiscale in denaro fiat. La catena non rivela quanti bitcoin detiene attualmente. Tuttavia, ha rivelato che le vendite dei suoi otto ristoranti nell’ultimo anno hanno superato gli 8 milioni di dollari.

L’azienda è destinata ad aggiungere altre nove sedi nel 2021, pianificando infine di espandersi a 29 ristoranti. Tahini ha anche bancomat bitcoin in ogni ristorante per incoraggiare sia i clienti che i dipendenti a investire in criptovalute.

Fonte: rt

xtb Trading Azioni

Tradingmania.it consiglia

eToro Conto Demo Gratis

Tradingmania.it

Leave a Reply