La corsa al rialzo di BTC ha “almeno 6 mesi alla fine”: 5 cose da guardare in Bitcoin questa settimana

$ 50.000 potrebbe non arriverà facilmente, ma diminuisce, c’è a malapena un orso in casa quando si tratta di azione sui prezzi di Bitcoin.

Tradingmania.it consiglia

eToro Conto Demo Gratis

Tradingmania.it

Bitcoin ( BTC ) inizia una nuova settimana fresco dal suo primo tentativo di craccare $ 50.000 in oltre un mese: cosa c’è in serbo dopo?

Dopo un fine settimana incoraggiante, BTC/USD deve affrontare un macroclima sempre più rialzista e una serie di aspettative da parte degli analisti che chiedono che ottobre cambi le regole del gioco.

Il quarto trimestre, dicono, dovrebbe essere diverso da qualsiasi altra cosa vista nell’attuale corsa al rialzo di Bitcoin, e le ultime stime sostengono addirittura che mancano più di sei mesi per dimostrarlo.

Con “Uptober” fissato per la sua prima settimana intera, diamo un’occhiata a quali fattori potrebbero essere i prossimi a spostare il mercato nei prossimi giorni.

I mercati si preparano alla “corsa tumultuosa” questo ottobre

Le azioni potrebbero aver avuto un settembre piatto, ma i primi giorni del nuovo mese hanno già mostrato come solo una piccola buona notizia possa vedere Bitcoin sovraperformare il macro pack.

Mentre l’S&P 500 è sceso del 5% a settembre, BTC/USD ha chiuso il mese a circa $ 4.000 al di sotto del punto in cui aveva chiuso agosto.

Dal 1° ottobre, tuttavia, le fortune della coppia hanno decisamente cambiato tono e, contro le aspettative di un rally delle azioni a spese del dollaro degli Stati Uniti, i venti contrari positivi per Bitcoin potrebbero continuare.

“Q4 2021 sarà probabilmente registrare un rendimento superiore alla media,”

CNBC citato Sam Stovall, capo degli investimenti stratega della società di ricerca CFRA, come dire durante il fine settimana.

xtb Trading Demo

“Tuttavia, gli investitori dovranno tenere duro durante la corsa tipicamente tumultuosa di ottobre, che ha visto una volatilità del 36% in più rispetto alla media degli altri 11 mesi”.

Il sentimento della scorsa settimana è stato guidato dal voto sul disegno di legge sulle infrastrutture degli Stati Uniti, che ora è stato rinviato al più tardi fino al 31 ottobre.

Allo stato attuale, l’USD è al suo massimo in oltre un anno, misurato dall’indice di valuta del dollaro USA ( DXY ). Un’inversione negli ultimi giorni – tradizionalmente un catalizzatore rialzista per Bitcoin – è sul radar dei trader.

Per il famoso trader di Twitter Crypto Ed, una correzione DXY potrebbe anche durare mesi anziché settimane.

$50.000, ma non ancora

Dopo aver tagliato $ 49.000 durante il fine settimana, Bitcoin sta chiaramente preparando un attacco all’importantissimo marchio di $ 50.000, ma non ancora del tutto.

Nonostante gli impulsi rialzisti, l’ultima pausa al rialzo di domenica si è conclusa con un forte rifiuto e il successivo calo di quasi $ 2.000.

I commentatori hanno ampiamente respinto questo come un segnale ribassista, tuttavia, sostenendo che qualsiasi debolezza dei prezzi di BTC sarà temporanea.

Tra questi c’è il collaboratore di Cointelegraph Michaël van de Poppe, che il giorno stesso ha ripetuto la sua recente teoria sul breve consolidamento seguito da un nuovo breakout rialzista.

Il collega Pentoshi, nel frattempo, ha paragonato la situazione all’attività del quarto trimestre dell’anno scorso quando Bitcoin doveva battere $ 20.000, non $ 64.500.

“Non mi interessano i tempi brevi. Mi interessa la struttura del mercato macro”,

ha detto nei commenti di accompagnamento su Twitter.

Calo o nessun calo, anche BTC/USD ha registrato una solida chiusura settimanale di $ 48.234 e, così facendo, ha annullato completamente l’azione delle due settimane precedenti.

Il trader e analista Rekt Capital ha inoltre notato la tenuta della media mobile a 111 giorni del ciclo Pi come supporto, alimentando il recente rally.

Tradingmania.it consiglia

eToro Trading Bitcoin

Tradingmania.it

Nuovi massimi storici di hash rate in arrivo

Non si può mai sapere con certezza, ma secondo alcune stime, il tasso di hash di Bitcoin ha già raggiunto nuovi massimi storici.

Meno di cinque mesi dopo che la Cina ha innescato una migrazione di massa di minatori e attrezzature a causa di un giro di vite regolamentare, le fonti di dati mostrano che la metrica fondamentale ha completamente compensato lo sconvolgimento.

Non solo, ma il tasso di hash potrebbe aver raggiunto anche 200 exahash al secondo (EH/s) negli ultimi giorni, ben 32 EH/s al di sopra del suo picco precedente.

Misurare il tasso di hash è difficile: la potenza di mining dedicata a Bitcoin è impossibile da accertare con esattezza, quindi qualsiasi rappresentazione può essere solo un’ipotesi.

Mentre le diverse fonti variano ampiamente – CoinWarz ha registrato 201 EH/s il 2 ottobre, mentre MiningPoolStats attualmente mostra solo 138 EH/s – la tendenza generale è indiscutibile.

I fondamentali della rete Bitcoin sono saldamente in modalità “solo up”, riflettendo la continua convinzione a lungo termine che i minatori hanno sulla redditività.

“La Cina ha cacciato quasi il 90% dei minatori di bitcoin nel paese all’inizio di quest’anno. Di conseguenza, il tasso di hash è diminuito di circa il 50%”,

ha commentato il co-fondatore di Morgan Creek Digital Anthony Pompliano sui dati.

“Solo pochi mesi dopo e siamo quasi tornati ai massimi storici. Gli incentivi economici guidano un’ulteriore decentralizzazione della rete”.

Fonte: cointelegraph

 

 

xtb Trading Azioni

Tradingmania.it consiglia

eToro Conto Demo Gratis

Tradingmania.it

Leave a Reply