La maggior parte dei clienti di JPMorgan è rialzista su Bitcoin

La maggior parte dei clienti intervistati dal colosso bancario statunitense JPMorgan Chase ritiene che Bitcoin , la criptovaluta di riferimento, finirà quest’anno sopra i 60.000 dollari.

Solo un minuscolo 2% degli intervistati ritiene che Bitcoin finirà per essere scambiato al di sotto di $ 10.000 entro il 2023.

Questo va contro i ribassisti che prevedono che il 2022 sarà una ripetizione del 2018, l’anno in cui il prezzo del Bitcoin è sceso di oltre il 70%. Alcuni analisti si aspettano che Bitcoin subirà una massiccia correzione a causa del fatto che la Federal Reserve statunitense sta diventando più aggressiva.

Detto questo, i clienti di JPMorgan non si aspettano nemmeno che la criptovaluta di punta organizzi un massiccio rally quest’anno. Secondo il sondaggio, solo un minuscolo 5% di loro crede che la criptovaluta sarà in grado di superare il livello di $ 100.000.

Goldman Sachs ha recentemente stimato che Bitcoin potrebbe far crollare $ 100.000 nei prossimi cinque anni se dovesse continuare a consumare la quota di mercato dell’oro. 

Come riportato da U.Today, Tom Lee, permabull di Fundstrat, ha previsto che quest’anno Bitcoin potrebbe salire fino a $ 200.000. L’evangelista della criptovaluta Brock Pierce vede anche Bitcoin superare brevemente il summenzionato nel 2022.

Condizioni di ipervenduto

L’analista di JPMorgan Chase Nikolaos Panigirtzoglou afferma che Bitcoin è entrato in territorio di ipervenduto:

Il nostro indicatore di posizione Bitcoin basato sui futures Bitcoin sembra ipervenduto.

Lunedì, la criptovaluta è scesa al di sotto del livello di $ 40.000 per la prima volta da fine settembre in mezzo a un altro sell-off del mercato azionario, ma i rialzisti sono riusciti a salvare la situazione riportando Bitcoin a $ 42.000.

La principale criptovaluta dovrebbe recuperare circa il 39% per rivendicare il suo massimo storico di $ 69.000 .

Fonte:u.today

 
Canale Youtube

Scrivi un commento