La principale banca di Singapore annuncia il servizio crittografico di tipo istituzionale

L’abbraccio di Singapore alla tecnologia blockchain e alle criptovalute è stato a dir poco lodevole. L’ultimo nella linea di iniziative crittografiche garantite da privati ​​proviene dalla più grande banca al dettaglio del paese. 

Questa settimana, DBS Bank, ha annunciato il lancio di un servizio di scambio e trading di criptovalute. In un  comunicato stampa , la banca ha spiegato che utilizzerà la sua nuova divisione per servire gli investitori istituzionali, molti dei quali sembrano mostrare interesse per le criptovalute. 

Negoziazione, custodia e offerta di token 

Conosciuta come DBS Digital Exchange, la nuova piattaforma servirà inizialmente cinque criptovalute.

Non sorprende che siano Bitcoin, Ether, XRP e Bitcoin Cash. Il comunicato stampa non ha detto se la banca prevede di aggiungere il supporto per altre attività in futuro. DBS Digital Exchange avrà anche il sostegno di SGX, il più grande scambio di derivati ​​e asset di Singapore, che deterrà una quota del 10%. 

Piyush Gupta, amministratore delegato di DBS Group, ha spiegato che la mossa era in linea con la convinzione della banca che Singapore dovrà adottare il settore delle valute digitali per rimanere competitivo come hub finanziario globale. Ha sottolineato che il trading di asset digitali e valuta sta guadagnando una trazione significativa nel paese e le aziende dovranno adottarlo abbastanza presto. 

Insieme al servizio di trading, DBS Digital Exchange fornirà anche una piattaforma per la tokenizzazione di asset come fondi di private equity, obbligazioni e azioni di alcune società non quotate. La piattaforma prevede di integrarsi profondamente nel sistema finanziario asiatico, consentendo agli investitori di acquistare e vendere valute con dollaro, dollaro di Singapore, dollaro di Hong Kong e yen.

I clienti riceveranno anche un servizio di custodia per archiviare le proprie risorse digitali, sfruttando la robusta infrastruttura di sicurezza di DBS Bank. Loh Boon Chye, amministratore delegato di SGX, ha anche elogiato la mossa come una potenziale opportunità per approfondire la liquidità e le dimensioni del mercato degli asset digitali del paese. 

Le banche entrano in Crypto

Il primo rapporto sull’avventura di DBS Bank nello spazio degli asset digitali è arrivato a ottobre. All’epoca, nuove fonti del settore affermavano che la piattaforma avrebbe supportato un’ampia gamma di criptovalute, comprese quelle sopra elencate e nomi come Ethereum Classic.

All’epoca, i rapporti affermavano anche che DBS Digital Exchange non avrebbe tenuto alcuna risorsa da solo. Invece, DBS Bank memorizzerà l’asset. La banca utilizzerebbe essenzialmente i suoi servizi di custodia di fama mondiale per garantire la sicurezza ottimale delle risorse e la sicurezza dei clienti.

Sebbene lo scambio fosse inizialmente impostato per consentire alle piccole e medie imprese di emettere token di sicurezza, sembra che la banca abbia fatto perno e ora servirà solo le grandi aziende.

DBS Bank è solo la seconda banca di fama mondiale a offrire questa settimana servizi di crittografia rivolti alle istituzioni. Ieri, Standard Chartered, una delle principali banche del Regno Unito, ha annunciato Zodia, un nuovo servizio di custodia.

In una dichiarazione formale  , Standard Chartered ha affermato che SC Ventures, il suo braccio di innovazione, gestirà Zodia. La piattaforma sarà soggetta alle normative della Financial Conduct Authority (FCA). La piattaforma verrà lanciata nel 2021 e fornirà supporto per Bitcoin, Ether, XRP, Litecoin e Bitcoin Cash.

Fonte: Inside Bitcoin

Scrivi un commento