La Russia approverà Bitcoin come valuta legale

Il disegno di legge per legalizzare e regolare la circolazione di Bitcoin e altre valute digitali nella Federazione Russa sarà approvato prima del 18 febbraio, ha riferito questa settimana l’agenzia di stampa Kommersant .

La proposta congiunta del governo e della Banca centrale russa prevede il riconoscimento di BTC e criptovalute come valute e non come asset finanziari digitali. Tuttavia, il suo trading dovrà rispettare le stesse regole che si applicano alla moneta legale e qualsiasi altra che possa essere approvata.

Solo gli utenti pienamente identificati potranno effettuare transazioni con criptovalute, attraverso il sistema bancario nazionale e società intermediarie autorizzate. Probabilmente piattaforme peer-to-peer (P2P) legalizzate dal governo.

Secondo il disegno di legge, tutte le operazioni per importi superiori a 600.000 rubli (circa 8.000 dollari USA) devono essere dichiarate, ha riferito l’agenzia di stampa russa. Altre operazioni di importo analogo non rispondenti ai parametri di legge saranno considerate reato aggravato, come previsto dal codice penale.

Ulteriori sanzioni, comprese multe, sono previste anche per coloro che accettano le criptovalute come strumento di pagamento con mezzi non autorizzati. I regolamenti proposti non influiranno sull’estrazione di Bitcoin o su altri problemi relativi alle risorse finanziarie digitali.

Molti scambi di criptovalute consentono agli utenti di acquistare, vendere o archiviare criptovalute senza rivelare le loro informazioni personali o i loro movimenti.

Se la fattura verrà approvata, come è quasi certo, non sarà consentita la privacy delle operazioni con le valute digitali. Gli utenti dovranno fornire la propria identità e tutti gli altri dati richiesti dall’entità intermediaria.

Centralizzando le operazioni attraverso banche e piattaforme digitali supervisionate, il governo russo avrà pieno accesso all’identità degli utenti e ai movimenti che effettuano, attraverso un sistema chiamato “Transparent Blockchain” del Federal Financial Monitoring Service (Rosfinmonitoring), che controlla le operazioni con rubli o valute.

In Russia, ci sono circa 12 milioni di portafogli di criptovaluta con fondi di deposito di oltre 26.000 USD, secondo le stime del Ministero delle Finanze.

Il rovescio della medaglia

  • Un mese fa, la Banca centrale russa aveva chiesto il divieto di BTC e del resto delle criptovalute, ritenendole una minaccia per la stabilità del sistema finanziario russo e un rischio per la politica monetaria e il benessere economico dei russi.
  • È bastato al presidente Vladimir Putin dire che il Paese ha vantaggi competitivi per il mining di BTC a causa del suo surplus di elettricità affinché l’emittente russo cambi idea e accetti la proposta.

Perché dovresti preoccuparti

  • Parte del nuovo regolamento proposto potrebbe entrare in vigore nella seconda metà di quest’anno o già nel 2023, hanno affermato i media. Anche se non c’è ancora certezza su quando e come inizierà ad essere applicato.

Fonte: dailycoin.

eToro Disclaimer eToro Disclaimer Fineco Disclaimer Fineco Disclaimer

Scrivi un commento