La Sberbank russa chiede l’approvazione per lanciare la propria criptovaluta

Sberbank prevede di creare la propria criptovaluta mentre un tribunale locale ha rimosso Binance dall’elenco dei domini Internet nella lista nera.

Secondo quanto riferito, la gigantesca banca russa di proprietà statale Sberbank ha chiesto l’approvazione della banca centrale della nazione per lanciare la propria criptovaluta attraverso una piattaforma blockchain.

Separatamente, un tribunale russo ha rimosso il principale exchange di criptovalute Binance dalla lista nera di un regolatore.

Sberbank cerca di lanciare la propria crittografia?

Secondo la copertura locale , Sberbank of Russia, una delle più grandi banche nel paese più grande del mondo per massa continentale, ha presentato domanda alla banca centrale per registrare una piattaforma blockchain.

Se la Banca Centrale della Federazione Russa dovesse approvare l’applicazione, Sberbank prevede di sfruttare la piattaforma blockchain per creare la propria criptovaluta.

Anatoly Popov, vicepresidente del consiglio, ha affermato che l’obiettivo principale è lanciare l’asset digitale nella primavera di quest’anno.

“Sberbank ha presentato una domanda alla Banca di Russia per registrare la sua piattaforma blockchain all’inizio di gennaio poiché le risorse finanziarie digitali in conformità con la legge possono essere emesse su una piattaforma registrata”.

Popov ha inoltre spiegato che la banca aveva già testato la tecnologia e “ha visto che questa soluzione funziona”.

Le leggi russe stabiliscono che la procedura di registrazione può richiedere fino a 45 giorni. La banca centrale del paese potrebbe utilizzare questo lasso di tempo per affrontare eventuali problemi o sfide potenziali che vede con il progetto.

Binance non è più nella lista nera in Russia

L’exchange di criptovalute con sede a Malta ha dichiarato l’anno scorso che un tribunale nella regione di Arkhangelsk ha stabilito di bloccare l’accesso al suo dominio all’interno dei confini del paese. La corte ha sostenuto che la piattaforma aveva contribuito a distribuire informazioni su una risorsa non regolamentata, vale a dire Bitcoin.

La società ha detto che questa lista nera è arrivata dopo che non c’erano precedenti avvertimenti da parte delle autorità russe e delle forze dell’ordine. Tuttavia, Binance ha notato di aver richiesto assistenza legale e ha promesso di lottare per annullare la decisione.

Sembra che Binance abbia avuto successo poiché sono emerse notizie secondo cui la Corte regionale di Arkhangelsk ha annullato la sentenza.

Di conseguenza, gli utenti con sede in Russia potranno avere pieno accesso al sito web dello scambio poiché è stato rimosso dal registro delle risorse Internet vietate.

“Ci auguriamo che con l’adozione di leggi trasparenti nel campo della regolamentazione delle criptovalute in Russia, tali casi diventeranno un ricordo del passato e l’incertezza normativa non influenzerà più negativamente lo sviluppo di progetti di criptovaluta in Russia”. – ha commentato il direttore di Binance in Russia, Gleb Kostarev.

Scrivi un commento