La SEC ha chiesto a Coinbase di interrompere il trading di tutte le criptovalute tranne Bitcoin

La SEC in precedenza aveva affermato che Coinbase era a conoscenza di violazioni della legge sui titoli.

La Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha chiesto a Coinbase di interrompere il trading di tutte le criptovalute tranne Bitcoin prima di sporgere denuncia contro l’exchange per aver violato le leggi federali sui titoli.

Secondo il CEO di Coinbase Brian Armstrong, il delisting di tutti gli asset non Bitcoin significherebbe la fine del settore delle criptovalute.

Coinbase contro SEC
In un’intervista con il FT, Armstrong ha affermato che la SEC ha formulato la raccomandazione poco prima che intentasse causa. La dichiarazione del commissario in merito ai commenti del personale della SEC fa eco ai commenti di Gary Gensler secondo cui Bitcoin è un valore anomalo anche se altre risorse crittografiche sono titoli.

“Sono tornati da noi e hanno detto: ‘Pensiamo che qualsiasi asset diverso da bitcoin sia una sicurezza.’ E abbiamo detto, come si arriva a questa conclusione, perché questa non è la nostra interpretazione della legge. E hanno detto, non te lo spiegheremo, devi ritirare tutti i beni tranne i bitcoin”.

Nella sua causa contro l’exchange quotato al Nasdaq, la SEC ha classificato 13 asset come titoli, esclusi i Bitcoin.

Sono: Solana (SOL), Cardano (ADA), Polygon (MATIC), Filecoin (FIL), The Sandbox (SAND), Axie Infinity (AXS), Chiliz (CHZ), Flow (FLOW), Internet Computer (ICP) , Near Protocol (NEAR), Voyager Token (VGX), Dash (DASH) e Nexo (NEXO).

Inoltre, l’agenzia ha affermato che Coinbase non è registrato presso l’autorità di regolamentazione come broker-dealer, borsa nazionale o stanza di compensazione, eludendo le regole di divulgazione stabilite dal Congresso per i mercati mobiliari.

In risposta, Coinbase ha presentato una mozione per archiviare la causa, sostenendo che la SEC non ha aperto discussioni nonostante i numerosi tentativi dell’exchange negli ultimi mesi.

Tuttavia, la SEC era convinta della sua azione, arrivando addirittura ad affermare che l’exchange aveva “ripetutamente” avvertito i propri azionisti della quotazione al Nasdaq in merito al rischio che le transazioni di criptovalute sulla piattaforma

Oltre alla causa contro Coinbase, il regolatore ha anche citato in giudizio un altro gigante delle criptovalute, Binance, e il suo CEO, Changpeng “CZ” Zhao, per molteplici violazioni come parte della spinta aggressiva di Gensler per affermare la giurisdizione sullo spazio delle risorse digitali.

Diversi dipendenti del partner statunitense di Binance sono stati licenziati in quello che la criptovaluta chiama “contenzioso prolungato e costoso”.

Nel frattempo, Binance ha presentato M. Kendall Day, che è un ex procuratore presso il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ). Il suo ruolo principale è quello di rappresentare l’azienda nella battaglia legale contro la SEC.

Fonte : Cryptopotato.com

Scrivi un commento