Home Forex Principianti Guida al Forex trading: La terminologia avanzata

Guida al Forex trading: La terminologia avanzata

2530
0
SHARE
Guida al Forex trading: La terminologia avanzata
Guida al Forex trading: La terminologia avanzata

2. La terminologia avanzata

Quando iniziate a fare trading nel Forex, ciò che è importante è che tutti i termini utilizzati siano veramente chiari, ovvero qual’è il loro significato. Può essere molto facile per un novizio fare errori a causa del fraintendimento dei termini usati. Il primo importante termine è il “sacco”, che è, di solito, una quantità precisa di un’attività o di una valuta.

Durante i commerci è molto probabile che gli acquisti sono fatti in termini di partite o, per piccole quantità, in termini di mini lotto o micro lotto.

Come è facile capire, mini e micro lotti sono parti del lotto, e in particolare, rappresentano la decima parte e la parte millesimo del lotto.

Un altro termine spesso utilizzato nel Forex trading è il “Pips”, cioè la percentuale di punti. È una piccola misura, molto utile nel cambiamento delle coppie di valute, infatti, il rapporto tra le varie coppie è sempre complessa e necessità dei multipli e sottomultipli delle unità. Quindi l’utilizzo del Pips permette di lavorare con i numeri decimali.

Nel linguaggio Forex ci sono due termini connessi alla quantità di monete o titoli e termini collegati alle azioni. Ad esempio termini molto comuni, inseriti anche nelle lingue di tutti i giorni sono l’offerta e la domanda.

“L’offerta” è quella che viene fatta dall’investitore o dal commerciante, o meglio, è il prezzo al quale voi (o il broker per voi) compra una coppia di valute, o un bene.

Al contrario, la “domanda” è il prezzo al quale voi (o di nuovo il broker per voi) desidera vendere. Naturalmente, nel porre in essere una transazione, solitamente l’acquirente e il venditore devono fare un accordo che può essere più o meno conveniente per l’acquirente o per il venditore a seconda delle diverse condizioni.

Un altro termine molto usato è la “diffusione“.

Lo “spread” è la quantità di pips tra il prezzo di richiesto e l’offerta, che è la differenza tra questi due parametri.

Tutti questi termini sono collegati ed è molto importante capire che cosa significano per capire che cos’è lo spread.

Se un broker acquista una valuta per 100 e la rivende per 102, lo spread è la differenza tra 102 e 100.

Questi termini sono stati utilizzati per meglio comprendere il significato, ma nella realtà, la diffusione continua in termini decimali, così i veri valori potrebbero essere per esempio 10.0004 e 10.0002.

Per conclude, diamo uno sguardo alla “leva”, che è un termine usato per indicare i fondi presi in prestito. Nel forex la leva è strettamente collegata al guadagno e le perdite, in quanto le ingrandisce. Spesso questo comporta il rischio che gli oneri finanziari saranno superiori al reddito dall’attività. Questo comporterà, ovviamente, una riduzione dei profitti.

Esempio, un investitore che acquista un titolo a margine del 50% perderà il 40% dei suoi soldi se lo stock diminuisce del 20%. Il rischio può essere attribuito ad una perdita del valore delle attività collaterali. Gli intermediari potranno richiedere l’aggiunta di fondi, quando il valore dei titoli in suo possesso subiscono una discesa di mercato. Inoltre, le banche potrebbero non rinnovare ipoteche quando il valore degli immobili declinano sotto il debito principale. Più, i flussi di cassa IIF e profitti sono sufficienti a mantenere i costi di finanziamento in corso, più i prestiti possono essere rilasciati dalle banche.

Questo può accadere quando c’è poca liquidità del mercato e le vendite deprimono i prezzi. Ciò significa che quando le cose vanno male, la leva finanziaria aumenta, moltiplicando le perdite. Questo può portare a una rapida rovina, anche se il valore del declino è lieve o temporaneo.

Il rischio può essere ridotto se si negozia in termini di leva finanziaria, o mantenendo inutilizzati i prestiti supplementari, e sfruttando le risorse liquide.

Torna al capitolo precedente

Vai al capitolo successivo

Guida al Forex Trading per Principianti

  1. Forex trading: concetti di base;
  2. Forex trading: la terminologia avanzata;
  3. Forex trading: come utilizzare l’Analisi Tecnica;
  4. Forex trading: il grafico di un forex;
  5. Forex trading: il Broker 24option;
  6. Forex trading: come aprire un conto per operare in Forex;
  7. Forex trading: esempio operazione sul Broker etoro;
  8. Forex trading: l’importanza della periodicità;
  9. Forex trading: gli ordini condizionati;
  10. Forex trading: l’importanza dello spread;

Migliori broker Forex Trading e Trading CFD

Piattaforme di Trading online Testate dal Nostro Staff!

Brokers Caratteristiche* Conto Demo*
broker Markets.com Voto RecensioneLicenza: CySEC
“100% Affidabilità”
Apri conto Demo!
broker 24option BROKER DEL MESE
Licenza: CySEC
“100% Affidabilità”
Apri conto Demo!
Bdswiss forex trading Voto RecensioneLicenza: CySEC 
Conto Demo di 10.000$!

Conto Vip Esclusivo!
Apri un conto VIP!
broker etoro Voto RecensioneLicenza: CySEC-FCA 
Social Trading

Conto Demo di 100.000$!
Apri conto Demo!
Voto RecensioneLicenza: CySEC
Fai trading con soli 10€!

Trade minimo: 1€
Apri conto Demo!

 

*Avviso di rischio: Gli investitori possono perdere tutto il loro capitale da trading.
Rischia solo il capitale che sei disposto a perdere. Questo messaggio non costituisce un consiglio di investimento.
N.B.: Tutti i Broker elencati sono certificati e autorizzati dalla CySEC (Cyprus Securities and Exchange Commission).

I CFD sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita rapida del proprio denaro a causa della presenza della leva. Circa il 74-89% dei conti degli investitori al dettaglio perdono il proprio denaro quando fanno trading con i CFD. Dovresti assicurarti di aver compreso il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di assumerti l’alto rischio di perdita del tuo denaro“.

Conto Demo Gratuito di 24option