Vuoi investire in Bitcoin da Professionista?

Scarica la Guida Gratuita al Trading Bitcoin!

Grazie al broker eToro puoi investire in Bitcoin come i Professionisti.

Conto Demo Gratuito illimitato!

Conto Demo Gratuito e Illimitato Senza Vincoli di Deposito.

Centro Assistenza Telefonica 24 ore su 24. Guida al trading online Gratuita!

 

| On 1 mese fa

L’aggiornamento più ambizioso di Bitcoin da anni, Taproot, viene ora votato per l’implementazione

di TradingMania.it
Condividi

Bitcoin è lontano 1787 blocchi dall’essere più privato e scalabile, se i minatori accettano di implementare Taproot prima della successiva regolazione della difficoltà.

La rete Bitcoin sta facendo la storia oggi … O almeno ci sta provando.

Dopo diversi anni di sviluppo, il tanto atteso aggiornamento di Taproot è pronto per essere eseguito e ora spetta alla community decidere se concordare o meno con la sua implementazione.

Tradingmania.it consiglia

Tradingmania.it

Cos’è Taproot e perché è importante?

Taproot è un soft fork di Bitcoin che integra le firme crittografiche di Schnorr, un metodo di firma alternativo all’ECDSA attualmente implementato sulla rete. Questo aggiornamento, in termini molto semplici, consente la creazione di una sorta di chiave principale per riassumere un insieme di firme in una sola.

In questo modo, l’esecuzione di transazioni multi-input multi-firma (UTXI) su Bitcoin diventa più efficiente, più economica e più facile.

Questa implementazione apre la porta a vari metodi di offuscamento dell’identità nascondendo il numero di partecipanti coinvolti in una transazione Bitcoin.

Un altro vantaggio di Taproot è che alleggerisce il carico sulla rete, riducendo lo spazio delle transazioni di almeno il 20% (molto di più se le transazioni sono multi-firma), il che aumenterebbe la capacità di elaborazione delle transazioni al secondo e ridurrebbe notevolmente le commissioni per ogni transazione.

Inoltre, molti si aspettano che l’implementazione di Taproot consenta l’eventuale sviluppo di contratti intelligenti, che porterebbero a un’adozione ancora maggiore della rete.

In termini semplici, si tratta di un passo importante verso una maggiore scalabilità , privato Bitcoin.

Il futuro di Bitcoin è nelle mani della comunità

Per implementare la rete, la proposta deve superare un test importante: lo “Speedy Trial”. I minatori devono aggiornare i loro nodi con questa compatibilità e segnalare la loro approvazione per \ se sono d’accordo.

Il periodo di votazione è iniziato con l’ultimo aggiustamento della difficoltà di rete e durerà per i blocchi del 2016 fino al prossimo aggiornamento. Se in quel momento oltre il 90% dei blocchi minerari segnalerà la loro approvazione a Taproot, il soft fork sarà implementato a novembre di quest’anno.

Il primo blocco segnalato per Taproot è stato il blocco 681458, estratto da SlushPool il 2021-05-02 03:24:05 UTC.

Attualmente, il 10,36% dei blocchi estratti è d’accordo con il soft fork, con 1792 blocchi rimasti per vedere cosa succede. Se l’obiettivo non viene raggiunto, dovremo attendere il prossimo aggiustamento.

Se visiti Taproot.watch , potrai seguire l’evoluzione di questo evento. Attualmente, dei primi 10 pool minerari, solo 3 hanno dato segni di approvazione.

L’evento di segnalazione Taproot ha già suscitato scalpore nella comunità, soprattutto considerando che il secondo pool più potente sulla rete Bitcoin, F2Pool, è stato quello che ha estratto il primo blocco segnalando la sua disponibilità per Taproot.

I bitcoiner entusiasti includono il creatore di Twitter Jack Dorsey che ha condiviso un collegamento al sito Web di monitoraggio dei blocchi a favore del soft fork, l’evangelista Andreas Antonopoulos che ha detto che avrebbe aggiornato i suoi nodi al più presto e Charlie Shrem che ha ringraziato gli sviluppatori per il duro lavoro.

Fonte: cryptopotato

Tradingmania.it consiglia

Tradingmania.it

TradingMania.it

Lo staff di Tradingmania.it è composto da Analisti Finanziari e Trader professionisti, laureati in Economia delle Istituzioni e dei Mercati Finanziari II Università di Roma Tor Vergata.