Le azioni di regolamentazione delle criptovalute mostrano il predominio della SEC

Recenti azioni di regolamentazione hanno messo in luce il predominio della Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti nella regolamentazione dello spazio delle risorse digitali, ha affermato JPMorgan (JPM) in una nota di ricerca la scorsa settimana.

Le sue azioni hanno anche mostrato il pregiudizio della SEC nel vedere la maggior parte delle criptovalute, con Bitcoin (BTC) forse l’unica eccezione, come titoli, afferma il rapporto.

Ha notato che il presidente della SEC Gary Gensler ha iniziato a respingere l’introduzione di regole speciali per il settore delle criptovalute a settembre, sostenendo che la maggior parte delle criptovalute dovrebbe essere classificata come titoli e quindi regolamentata dalle leggi sui titoli esistenti.

“Dato quanto sopra, non dovrebbe sorprendere che la SEC ritenga di offrire un servizio di picchettamento simile all’offerta di qualsiasi altro tipo di sicurezza”, afferma la dichiarazione.

Ciò apre la strada ad altre società di interesse per registrarsi come piattaforme di titoli presso la SEC, aggiunge il rapporto. La banca ha pianificato nuove azioni normative su emittenti di stablecoin, custodia e protezione degli asset digitali degli investitori e separazione delle attività di intermediazione/trading/prestito/clearing/custodial.

Inoltre impone la divulgazione obbligatoria, la rendicontazione e la revisione periodica di riserve, attività e passività tra le principali entità crittografiche, hanno scritto gli analisti guidati da Nikolaos Panigirtzoglou. Ha aggiunto che questi regolamenti alla fine porteranno alla “convergenza dell’ecosistema crittografico verso il sistema finanziario tradizionale”.

“Si prevede che l’industria dello staking si sposti maggiormente verso lo staking diretto per gli investitori istituzionali e più verso alternative decentralizzate (DeFi skinning) per gli investitori al dettaglio”, afferma la dichiarazione.

DeFi è un termine generico per varie applicazioni finanziarie che girano sulla blockchain. È probabile che Ether (ETH) subisca un’ulteriore pressione di vendita su Ethereum dopo l’imminente aggiornamento di Shanghai, poiché l’exchange di criptovalute Kraken ha 1,2 milioni di ETH nascosti online, una quantità significativa dei quali è detenuta da clienti statunitensi.

Aggiungendo un milione di Ether per i premi delle scommesse che possono essere incassati subito dopo l’upgrade, il rischio di caduta di Ether diventa ancora più significativo, aggiunge la nota.

Fonte: Binance.com

Scrivi un commento