L’exchange di criptovalute Binance chiuderà i derivati ​​in Europa

Il principale exchange di criptovalute Binance ha dichiarato che abbandonerà la sua attività di futures e derivati ​​in tutta Europa, l’ultima mossa della piattaforma per ridurre la sua gamma di prodotti man mano che cresce la pressione dei regolatori di tutto il mondo.

Gli utenti di Binance in Germania, Italia e Paesi Bassi non saranno in grado di aprire nuovi conti futures o prodotti derivati ​​con effetto immediato, ha affermato l’exchange in una nota sul suo sito web.

Bitcoin e altre criptovalute sono aumentate di popolarità tra gli investitori al dettaglio durante la pandemia globale, spingendo i regolatori a mettere le piattaforme di trading sotto un maggiore controllo anche se la maggior parte del trading di criptovalute non è regolamentata.

I regolatori, tra cui Gran Bretagna, Germania, Hong Kong e Italia, preoccupati per la protezione dei consumatori e lo standard dei controlli antiriciclaggio negli scambi di criptovalute, hanno aumentato la pressione su Binance, uno dei più grandi scambi di criptovalute al mondo per volumi di scambi.

“La regione europea è un mercato molto importante per Binance e sta compiendo passi proattivi verso l’armonizzazione delle normative sulle criptovalute, il che è un segnale positivo per il settore”, ha affermato l’exchange su Twitter .

“Comprendiamo che molti regolatori a livello locale possono avere le proprie posizioni sulle criptovalute e accogliamo con favore l’opportunità di impegnarsi in un dialogo costruttivo sui requisiti locali”.

Gli utenti in Germania, Italia e Paesi Bassi, a partire da una data che verrà annunciata in seguito, avranno 90 giorni per chiudere eventuali posizioni aperte sui derivati, ha affermato Binance.

Il regolatore tedesco BaFin ha rifiutato di commentare la mossa di Binance. I regolatori italiani e olandesi non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

L’uscita di Binance dai derivati ​​in Europa è la sua ultima uscita da uno specifico prodotto crittografico.

Venerdì, l’autorità di regolamentazione dei titoli della Malesia è diventata l’ultimo cane da guardia a prendere di mira Binancerimproverandolo per aver gestito illegalmente uno scambio di risorse digitali nel paese.

Il ricercatore britannico CryptoCompare ha dichiarato a giugno che Binance è stato il più grande scambio di derivati ​​a livello globale, con volumi di 1,7 trilioni di dollari, in calo di circa il 30% rispetto al mese precedente.

Simon Treacy, avvocato senior di Linklaters a Londra, ha affermato che i watchdog finanziari hanno maggiori possibilità di tenere a freno le società di criptovalute che offrono derivati ​​poiché i futures e altri prodotti simili rientrano in genere nel loro ambito.

Il trading spot di criptovalute, al contrario, rimane per lo più non regolamentato.

“I regolatori hanno più possibilità di agire rapidamente nello spazio dei derivati”, ha affermato.

“Non devono aspettare che il processo legislativo si svolga per portare i derivati ​​nell’ambito di applicazione – questo è ciò che dovrebbe accadere per intraprendere un’azione contro il trading spot”.

Il CEO di Binance Changpeng Zhao ha dichiarato martedì di voler migliorare le relazioni con i regolatori e ha affermato che l‘exchange cercherà la loro approvazione e stabilirà un quartier generale regionale.

Binance ha anche smesso di offrire il margine di trading di criptovaluta che coinvolge il dollaro australiano, l’euro e la sterlina.

All’inizio di questo mese, lo scambio ha smesso di vendere token digitali collegati alle azioni, dopo che i regolatori hanno represso i “token azionari” della piattaforma di scambio di criptovalute.

Gli operatori del mercato hanno affermato che la mossa potrebbe contribuire a maggiori preoccupazioni sul futuro del trading di derivati ​​di criptovaluta per i giocatori al dettaglio.

Un’enorme quantità di denaro nei mercati delle criptovalute fluttua esclusivamente a causa dell’esistenza e della disponibilità di tali prodotti“, ha affermato Joseph Edwards di Enigma Securities, un broker di criptovalute a Londra.

“Binance ha affollato ampie sezioni del mercato dei derivati ​​negli ultimi due anni: se il loro ritiro da tale mercato si approfondisce, è improbabile che l’impatto a medio termine sia positivo”

Fonte: .itnews

Scrivi un commento