L’investitore miliardario John Paulson afferma che le criptovalute “alla fine si dimostreranno inutili”

John Paulson, che un decennio fa ha guadagnato 20 miliardi di dollari scommettendo contro il mercato immobiliare statunitense, sta ora chiamando il top del resto delle criptovalute.

n breve

  • Il miliardario manager di hedge fund John Paulson ha affermato che Bitcoin e altre criptovalute sono “una fornitura limitata di nulla”.
  • Secondo lui, “non c’è valore intrinseco a nessuna delle criptovalute tranne che c’è un importo limitato”.

Il miliardario John Paulson, che ha fatto fortuna vendendo allo scoperto il mercato immobiliare americano durante la crisi finanziaria del 2008, ha sostenuto che Bitcoin e altre criptovalute sono “una fornitura limitata di nulla” e alla fine andranno a zero.

Tradingmania.it consiglia

eToro Conto Demo Gratis

Tradingmania.it

Parlando oggi con Bloomberg , Paulson ha sottolineato di non credere nelle criptovalute e “direbbe che le criptovalute sono una bolla”.

“Li descriverei come una fornitura limitata di nulla. Quindi, nella misura in cui c’è più domanda rispetto all’offerta limitata, il prezzo salirebbe. Ma nella misura in cui la domanda diminuisce, il prezzo scenderà”, ha detto Paulson. “Non c’è alcun valore intrinseco a nessuna delle criptovalute tranne che c’è un importo limitato.”

Oltre un decennio fa, la sua azienda ha guadagnato circa 20 miliardi di dollari capitalizzando la bolla immobiliare che ha provocato una delle peggiori crisi finanziarie della storia moderna. Paulson ha fatto questo scommettendo che le obbligazioni dei mutui subprime sarebbero diminuite, noto anche come shorting.

Un mutuo subprime è un prestito concesso a un mutuatario che sopporta un rischio di insolvenza maggiore rispetto a un altro mutuatario con un punteggio di credito migliore. Anche i tassi di interesse per questi mutui sono molto più alti.

Tuttavia, le criptovalute sono troppo rischiose dal punto di vista degli investimenti, ha affermato Paulson.

“Nelle criptovalute, ci sono svantaggi illimitati. Quindi, anche se potrei avere ragione nel lungo termine, nel breve termine verrei spazzato via. Nel caso di Bitcoin, è passato da $ 5.000 a $ 45.000. È semplicemente troppo volatile per essere corto”, ha detto.

Bitcoin offre una ricompensa troppo piccola per il rischio

In parte, questo è dovuto al fatto che il trading di criptovalute è per lo più simmetrico in termini di rapporto rischio/rendimento. 

Nel frattempo, vendere allo scoperto il mercato immobiliare statunitense era un commercio altamente asimmetrico, “il che significa che potresti perdere un po’ al ribasso, ma fare essenzialmente 100 volte al rialzo”.

“La maggior parte delle operazioni sono simmetriche. Potresti guadagnare molto, ma rischi molto. E se ti sbagli, fa male”, ha osservato Paulson“Le criptovalute, indipendentemente da dove vengono scambiate oggi, alla fine si dimostreranno prive di valore. Una volta che l’esuberanza svanirà, o la liquidità si esaurirà, andranno a zero. Non consiglierei a nessuno di investire in criptovalute.”

Allo stesso tempo, Paulson ha elogiato l’oro, sostenendo che “si comporta molto bene in tempi di inflazione” perché esiste una quantità “molto limitata” di oro investibile.

xtb Trading Demo

Con l’aumento dell’inflazione, le persone cercano di uscire dal reddito fisso. Cercano di uscire dai contanti. E il posto logico dove andare è l’oro”, ha spiegato. “Ma poiché la quantità di denaro che cerca di uscire dalla liquidità e dal reddito fisso fa impallidire la quantità di oro investibile, lo squilibrio tra domanda e offerta fa aumentare l’oro”.

Fonte: decrypt.co

xtb Trading Azioni

Tradingmania.it consiglia

eToro Conto Demo Gratis

Tradingmania.it

Leave a Reply