L’investitore veterano Mark Mobius spiega perché il bitcoin si sta riprendendo durante la crisi ucraina

  • L’investitore veterano Mark Mobius ha affermato che il recente rally in bitcoin può essere attribuito ai russi che hanno acquistato la criptovaluta.
  • I prezzi dei bitcoin sono aumentati del 10% lunedì quando sono state imposte sanzioni alle istituzioni russe, comprese le banche, in risposta all’invasione dell’Ucraina da parte del paese.
  • Mobius ha esortato gli investitori a diversificare i loro portafogli e ad acquistare dell’oro mentre le tensioni geopolitiche si riversano sui mercati.

L’investitore veterano Mark Mobius ha affermato che il recente rally in bitcoin può essere attribuito ai russi che hanno acquistato la criptovaluta.

In Esclusiva per Tradingmania.it

Trading online Demo eToro

Tradingmania.it

In Esclusiva per Tradingmania.it

Trading online Demo eToro

Tradingmania.it

“Non sarei un acquirente, ma se fossi russo sarei un acquirente”, ha detto Mobius a “Capital Connection” della CNBC martedì.

“Direi che questo è il motivo per cui bitcoin ha mostrato forza ora, perché i russi hanno un modo per ottenere denaro, ottenere la loro ricchezza”, ha affermato Mobius, partner fondatore di Mobius Capital Partners.

I prezzi dei bitcoin sono aumentati del 10% lunedì quando sono state imposte sanzioni alle istituzioni russe, comprese le banche, in risposta all’invasione dell’Ucraina da parte del paese.

Dall’inizio dell’invasione giovedì, le transazioni sugli scambi centralizzati di bitcoin sia nel rublo russo che nella grivna ucraina sono aumentate ai livelli più alti degli ultimi mesi, secondo la società di dati crittografici Kaiko.

Nelle prime ore di martedì mattina, ora della costa orientale, il bitcoin veniva scambiato a circa $ 43.327.

Gli Stati Uniti hanno risposto all’attacco non provocato di Mosca all’Ucraina con diversi round di sanzioni contro le banche russe, la sua banca centrale, il debito sovrano del paese, Vladimir Putin e il ministro degli Esteri Sergey Lavrov. 

Durante il fine settimana, gli Stati Uniti, gli alleati europei e il Canada hanno deciso di escludere le principali banche russe dal sistema di messaggistica interbancario SWIFT, che collega più di 11.000 banche e istituzioni finanziarie in oltre 200 paesi e territori.

La Casa Bianca sta anche perseguendo il patrimonio personale dei miliardari russi , annunciando di recente la creazione di una task force che prenderà di mira i loro lucrosi beni, inclusi yacht e ville.

Se non fosse per bitcoin, ha detto Mobius, i russi sarebbero “davvero nei guai con tutte le chiusure delle diverse strade per trasferire denaro”.

Ari Redbord della società di intelligence blockchain TRM Labs, martedì ha anche detto alla CNBC che la Russia si rivolgerà alle criptovalute nel tentativo di eludere le sanzioni.

Tuttavia, le criptovalute non possono essere utilizzate “nella scala che si avvicinerebbe per risolvere il problema delle sanzioni”, ha affermato Redbord, che è a capo degli affari legali e governativi dell’azienda.

“Semplicemente non c’è la liquidità per fare davvero un’ammaccatura in termini di ciò che la Russia sta affrontando in questo momento”, ha detto.

Redbord ha anche affermato che la maggior parte della liquidità è in grandi scambi di criptovalute che dispongono di “robusti controlli di conformità” per monitorare le transazioni che presenterebbero segnalazioni di attività sospette.

Dove investire tra le tensioni geopolitiche

Mobius ha esortato gli investitori a diversificare i loro portafogli e ad acquistare dell’oro mentre le tensioni geopolitiche si riversano sui mercati.

“L’oro è un posto dove stare, come ho detto per molto, molto tempo, è molto importante avere dell’oro fisico”, ha detto.

L’oro, tradizionalmente un bene rifugio in tempi di incertezza, è cresciuto di oltre il 6% a febbraio. L’oro spot è stato scambiato per l’ultima volta a circa $ 1.908 l’oncia.

Mobius ha inoltre consigliato agli investitori europei di iniziare a diversificare dall’Europa verso gli Stati Uniti e alcuni mercati asiatici. “Questa è un’ottima lezione di diversificazione”, ha detto.

Lo Stoxx 600 paneuropeo   ha perso il 4,6% nell’ultimo mese e l’indice DAX tedesco è sceso del 5,6% nello stesso periodo, secondo i dati FactSet.

Fonte: cnbc

Canale Youtube

Scrivi un commento