L'Italia completa le consultazioni sulla registrazione delle società cripto

L’Italia completa le consultazioni sulla registrazione delle società cripto

Le consultazioni pubbliche su un nuovo regime di regolamentazione per le società cripto in Italia sono ora chiuse. Le parti interessate sono state invitate dal Ministero dell’Economia e delle Finanze per condividere suggerimenti e commenti su un progetto di decreto che introduce obblighi di registrazione e comunicazione nel settore. Il nuovo set di regole entrerà in vigore entro 3 mesi dall’adozione.

Il decreto ministeriale è stato progettato per “esplorare e comprendere i vari aspetti del fenomeno della moneta virtuale”. Il documento legale, finalizzato all’implementazione delle leggi italiane aggiornate e “rafforzate” contro il riciclaggio di denaro, è stato pubblicato dal Dipartimento del Tesoro del MEF il 2 febbraio. Le parti interessate hanno avuto due settimane per esprimere le proprie opinioni e proporre emendamenti.

eToro Bitocin Social tardingeToro Bitocin Social tarding

Tradingmania.it consiglia

eToro Trading Bitcoin

Tradingmania.it

Il testo del decreto proposto chiarisce che sebbene la criptovaluta sia utilizzata come “mezzo di scambio per l’acquisto di beni e servizi”, non è emessa da una banca centrale o da altra autorità pubblica. La dichiarazione di non responsabilità incorporata afferma inoltre che i criptos “non sono necessariamente collegati a una valuta che ha corso legale”.

Il nuovo regime di notifica sarà applicabile anche alle società commerciali che accettano pagamenti di criptovaluta per beni, servizi e servizi pubblici. Il Ministero vuole condurre un “sondaggio sistematico” iniziando con la determinazione del numero di operatori nel settore. All’inizio dell’attività, ogni compagnia deve registrarsi presso l’Agenzia Italiana Intermediari OAM per operare legalmente nel paese.

Il Dipartimento del tesoro ha già completato una valutazione preliminare delle specifiche tecniche per il registro, ha detto il ministero delle Finanze in un comunicato stampa. Il nuovo regime regolamentare sarà avviato entro 3 mesi dall’entrata in vigore del decreto. La sua implementazione risponde all’esigenza di comprendere il nuovo fenomeno e le sue dimensioni, ha affermato Roberto Ciciani, Capo della Direzione Generale per la Prevenzione dei Crimini Finanziari.

I regolatori sottolineano che il quadro normativo italiano riveduto sarà conforme alla più recente direttiva antiriciclaggio dell’UE – 5MLD, che introduce norme più severe per prevenire i reati finanziari. La precedente direttiva è stata adottata in Italia il 25 maggio dell’anno scorso.

L’uso di bitcoin e altre criptovalute da parte di individui rimane ampiamente non regolamentato in Italia. Tuttavia, in parlamento è stata introdotta una legge che richiede l’identificazione delle parti nelle transazioni crittografiche.

Tradingmania.it consiglia

eToro Trading Bitcoin

Tradingmania.it

Vuoi Investire in Bitcoin da Professionista?

Importi Garantiti con un broker Rispettabile.

Vuoi Provare il trading Bitcoin con un

Conto Demo Gratuito e illimitato?

Nessun documento cartaceo da inviare, Conto Demo senza obblighi ne vincoli di deposito.

Deposito minimo richiesto 200 (circa 180€).

Il 71% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di assumere l’alto rischio di perdere i tuoi soldi.

Le criptoasset sono prodotti di investimento non regolamentati altamente volatili. Nessuna protezione degli investitori dell’UE.