Mastercard supporterà i pagamenti in criptovaluta nel 2021

MasterCard ha annunciato l’intenzione di supportare le criptovalute nel 2021, consentendo così ai suoi quasi un miliardo di utenti di spendere criptovalute presso oltre 30 milioni di commercianti.

Mastercard, una delle principali società di pagamenti, ha annunciato piani per supportare le criptovalute entro la fine del 2021. Il miliardo di utenti dell’azienda sarà in grado di utilizzare le criptovalute presso oltre 30 milioni di commercianti.

Tradingmania.it consiglia

xtb Trading Crypto

Tradingmania.it

Mastercard ha emesso carte di debito in valuta virtuale in collaborazione con Wirex, BitPay, ecc., Ma non ha utilizzato la rete di Mastercard per scambiare valute virtuali.

Tradingmania.it consiglia

xtb Trading Criptovalute

Tradingmania.it

Mastercard per supportare alcune risorse di criptovaluta

Sebbene abbia detto che prevede di supportare le stablecoin a causa di “affidabilità e sicurezza”, le valutazioni specifiche che supporterà non sono state rivelate. La società ha stabilito di poter coltivare nuovi clienti supportando le criptovalute e aumentare la fedeltà ai clienti esistenti supportando non solo le valute legali tradizionali ma anche le valute digitali.

” Per essere completamente chiari, non tutte le criptovalute odierne saranno supportate sulla nostra rete. Sebbene le stablecoin siano più regolamentate e affidabili rispetto al recente passato, molte delle centinaia di risorse digitali in circolazione devono ancora rafforzare le loro misure di conformità, quindi non soddisfano i nostri requisiti. Ci aspettiamo che i consumatori e l’ecosistema nel suo complesso inizieranno a radunarsi attorno alle risorse crittografiche che offrono affidabilità e sicurezza. Sono proprio quelle stesse stablecoin che ci aspettiamo di portare nella nostra rete “, afferma l’annuncio ufficiale.

Focus sulla protezione dei consumatori

MasterCard cita quattro criteri per la gestione della criptovaluta: protezione dei consumatori, conformità KYC, leggi e regolamenti locali e stabilità dei metodi di pagamento. La società ha anche dichiarato nell’annuncio che sta lavorando con le banche centrali di tutto il mondo per supportare la Central Bank Digital Currency (CBDC)Mastercard ha presentato una “sandbox virtuale” nel 2020 e ha presentato uno strumento di test CBDC per le banche centrali.

L’annuncio ha anche rilevato che lo sfondo era la crescente domanda di risorse digitali tra i clienti dell’azienda. Nell’attuale mercato rialzista, molti utenti acquistano criptovalute tramite Mastercard. “Le risorse digitali stanno diventando sempre più importanti nel mondo dei pagamenti”, ha affermato la società.

MasterCard ha già investito molte risorse nella ricerca della tecnologia blockchain. Ad oggi, la società detiene 89 brevetti e ne richiede 285.

Le principali società di pagamento supportano continuamente le valute virtuali. PayPal, che ha già avviato il trading di criptovaluta negli Stati Uniti, ha annunciato a febbraio di quest’anno che espanderà il supporto di criptovaluta a Venmo e ad alcuni mercati esteri nel 2021. Una settimana dopo, il CEO di Visa, Al Kelly, ha sottolineato che lavorerà alla risoluzione delle criptovalute e fiat currency on-ramp (un servizio che scambia fiat e criptovalute).

Tradingmania.it consiglia

xtb Trading Azioni

Tradingmania.it

Fonte: atozmarkets

 

Tradingmania.it consiglia

Social Trading Bitcoin eToro

Tradingmania.it

 

Lascia un Commento

Vuoi Investire in Bitcoin da Professionista?

Importi Garantiti con un broker Rispettabile.

Vuoi Provare il trading Bitcoin con un

Conto Demo Gratuito e illimitato?

Nessun documento cartaceo da inviare, Conto Demo senza obblighi ne vincoli di deposito.

Deposito minimo richiesto 200 (circa 180€).

Il 71% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di assumere l’alto rischio di perdere i tuoi soldi.

Le criptoasset sono prodotti di investimento non regolamentati altamente volatili. Nessuna protezione degli investitori dell’UE.