“Mercato rialzista o ribassista?” Le perdite di bitcoin dovute alle vendite di panico aumentano nel 2022

Un comportamento curioso vede gli investitori vendere monete a meno di quanto le hanno acquistate, con Bitcoin ancora in una tendenza rialzista.

In Esclusiva per Tradingmania.it

Trading online Demo eToro

Tradingmania.it

In Esclusiva per Tradingmania.it

Trading online Demo eToro

Tradingmania.it

Le perdite dei venditori di BitcoinBTC ) stanno aumentando poiché il calo dei prezzi di BTC mostra che alcuni investitori sono in preda al panico ai prezzi attuali.

I dati della società di analisi a catena Glassnode e della suite di trading Decentrader mostrano che a gennaio sempre più entità BTC hanno venduto monete a meno di quanto le hanno acquistate.

Le vendite in perdita a catena ora “coerenti”

Sebbene nessuno voglia vendere un asset senza profitto, i trend ribassisti di Bitcoin tendono a vedere una certa coorte di partecipanti al mercato farlo comunque, per paura di perdite maggiori se rimangono fermi.

Questa vendita di panico è spesso derisa dagli investitori a lungo termine, i quali sostengono che i giocatori più forti e più liquidi raccolgono l’offerta a scapito di coloro che hanno venduto.

Tradingmania.it Consiglia

Canale Telegram Millionaireweb.it

Tradingmania.it

Tradingmania.it Consiglia

Canale Telegram Millionaireweb.it

Tradingmania.it

Analizzando la metrica del rapporto di produzione del profitto speso (SOPR), l’analista di Decentrader Philip Swift ha rivelato che, sebbene le vendite complessive rimangano relativamente basse, quest’anno si è scatenato il panico.

“SOPR (Spent Output Profit Ratio) ha avuto recentemente una patch consistente di vendite in perdita su catena”, ha riassunto questa settimana ai follower di Twitter.

SOPR prende i dati aggregati “prezzo acquistato rispetto al prezzo venduto” per BTC in un determinato periodo per produrre un’impressione generale del fatto che i venditori siano in profitto o in perdita.

Come notato dal suo creatore, Renato Shirakashi, la psicologia della vendita in perdita significa che è probabile che solo chi è in modalità panico lo farà e, per estensione, le vendite inferiori viste questo mese potrebbero essere motivo di sollievo.

“È interessante notare che le vendite in perdita negli ultimi mesi sono state molto più basse rispetto al mercato ribassista del 2018/19, ma molto più profonde di quanto abbiamo visto in entrambi i periodi di rialzo”, ha comunque aggiunto Swift.

“È un mercato rialzista o ribassista?”

Come riportato da Cointelegraph , l’attività sui prezzi di Bitcoin ha sorpreso con il suo ritracciamento del 50% da novembre, essendo questo in qualche modo insolito per quella che dovrebbe essere la parte più rialzista del suo ciclo dimezzamento.

Riducendo lo zoom, l’intero 2021 sembra probabilmente una zona di consolidamento dopo i rapidi guadagni di un anno fa.

I grandi giocatori dominano le transazioni

Se la vendita dovesse provenire da investitori al dettaglio a basso volume, questo sarebbe nel frattempo in sintonia con altri dati che coprono le transazioni on-chain.

Come Glassnode ha confermato questa settimana, la maggior parte delle transazioni ora comporta somme significative di $ 1 milione o più. Questo, ha concluso l’azienda, indica le istituzioni, non la vendita al dettaglio, come la forza trainante della catena.

“I volumi di trasferimento di bitcoin continuano a essere dominati dai flussi di dimensioni istituzionali, con oltre il 65% di tutte le transazioni di valore superiore a 1 milione di dollari”, si legge in un tweet.

“Il trend rialzista del dominio istituzionale nei volumi onchain è iniziato intorno a ottobre 2020, quando i prezzi erano compresi tra $ 10.000 e $ 11.000”.

Il 2022 è stato annunciato come l’anno in cui le istituzioni tornano davvero nello spazio Bitcoin.

Fonti: cointelegraph

Scrivi un commento