Morgan Stanley afferma che i mercati delle criptovalute si stanno indebolendo mentre le banche centrali cercano di stringere

I bassi tassi di interesse, l’espansione dei bilanci delle banche centrali e lo stimolo del governo sono stati tutti “fattori di aumenti esponenziali dei prezzi delle criptovalute “ negli ultimi due anni, ha affermato Morgan Stanley in una nota di ricerca.

In Esclusiva per Tradingmania.it

Trading online Demo eToro

Tradingmania.it

In Esclusiva per Tradingmania.it

Trading online Demo eToro

Tradingmania.it

  • I mercati delle criptovalute a leva si stanno ora indebolendo mentre la Federal Reserve statunitense e altre banche centrali cercano di rallentare l’espansione del proprio bilancio e preparare i mercati a un aumento dei tassi di interesse, ha scritto il capo della ricerca sulle criptovalute della banca, Sheena Shah, in un rapporto pubblicato la scorsa settimana.
  • Anche il sentimento degli investitori al dettaglio sui social media ha iniziato a diventare meno rialzista dalla fine dello scorso anno con il recente slancio dei prezzi al ribasso che ha anche contribuito al sentimento ribassista, ha affermato la banca.
  • Morgan Stanley osserva che la capitalizzazione di mercato di bitcoin ha seguito la crescita dell’offerta di moneta globale dalla fine del 2013.
  • La variazione annuale dell’offerta di moneta ha raggiunto il picco nel febbraio 2021, mentre il tasso di crescita annuale del bitcoin ha raggiunto il massimo un mese dopo, a marzo, cosa che la banca non vede come una coincidenza.
  • L’utilizzo della criptovaluta come veicolo di pagamento/scambio di valore è ciò che dovrebbe guidare la sua valutazione a lungo termine. Tuttavia, il mercato ha scambiato la maggior parte delle criptovalute come attività di rischio speculativo, come evidenziato dalla correlazione tra bitcoin e mercati azionari negli ultimi sei mesi, afferma il rapporto.
  • La società di analisi blockchain IntoTheBlock ha dichiarato la scorsa settimana che la correlazione di bitcoin con l’offerta di moneta M1 è salita a 0,77, suggerendo una forte relazione statistica tra i due

Fonte: Fxstreet

Scrivi un commento