Home Obbligazioni

Obbligazioni

Obbligazioni: definizione

Le obbligazioni
Le obbligazioni

Le obbligazioni sono degli strumenti finanziari emessi da enti, banche o società con cui questi raccolgono fondi.

Questi titoli rappresentano quindi un debito da parte dell’emittente nei confronti degli obbligazionisti.

Le differenze più importanti con le azioni stanno proprio nella caratteristica che le obbligazioni hanno una scadenza, un prezzo di rimborso e una cedola periodica mentre le azioni hanno un prezzo di acquisto ma nessuno sa in anticipo quale sarà il rendimento dell’azione perché non si conoscono ne i dividendi futuri ne il prezzo di vendita.

Nelle obbligazioni, quindi, corriamo sostanzialmente il solo rischio di non vederci rimborsare l’obbligazione perché l’emittente è fallito, altrimenti le cedole e il capitale verranno restituiti alla scadenza.

Dal punto di vista della sicurezza poi, gli obbligazionisti sono dei “creditori privilegiati” in senso che vengono rimborsati prima degli altri creditori e, inoltre, esistono anche diversi livelli di precedenza (lo spiegheremo in seguito).

Fino a qualche anno fa, dicevamo, il prezzo delle obbligazioni variava solo per una variazione dei tassi d’interesse.

Così se avessi comprato un BTP con una cedola del 5% e dopo qualche mese i tassi fossero saliti al 6% e, quindi, sarebbe stato possibile investire ad un tasso più alto, io avrei avuto che il prezzo della mia obbligazione sarebbe sceso, MA LA CEDOLA DEL 5% E’ COMUNQUE GARANTITA.

Oggi invece, oltre a questo rischio, abbiamo anche un rischio cd di “controparte”.

Ossia, dato che esiste il rischio concreto che un’emittente fallisca o che, alla stessa stregua, non sia in grado di rimborsare le obbligazioni, il prezzo delle stesse può variare anche semplicemente perché l’emittente diventa più o meno rischioso (il famoso rating).

Questo duplice rischio fa si che sia oggi possibile fare trading sulle obbligazioni molto più dinamicamente che in passato.

Le obbligazioni sono i cosiddetti Bond, ossia quelli strumenti finanziari, titoli di debito, dell’emittente rispetto a chi li sottoscrive, che consentono di ottenere una cedola ad un tasso di interesse e cadenza prefissata come remunerazione per la durata dell’investimento, oltre che la liquidazione della somma prestata alla fine dell’investimento.

Tra gli emittenti di obbligazioni, troviamo:

  • Nazioni, quando trattasi di Titoli di Stato;
  • Organismi sovranazionali, come la Banca Europea Degli Investimenti;
  • Societa’ Di Capitali, ne sono un esempio le SpA quotate.

Le obbligazioni vengono scambiate, acquistate e vendute, sui mercati finanziari, emesse a lotti e non singolarmente.

I prezzi successivi all’emissione, variano in base ai tassi di interesse del mercato, in uno specifico momento.
In Italia abbiamo il MOT e l’EuroMOT, mercati obbligazionari telematici di Borsa Italiana e l’EuroTLX, facente capo a banche fra cui Unicredit.

Quando la cedola è fissa, il prezzo dell’obbligazione ne determinerà il rendimento.

Chiaro è che se la cedola è fissa, sarà il prezzo dell’obbligazione a determinare il rendimento effettivo della stessa: siccome il rimborso finale è sempre 100, un prezzo superiore all’emissione comprimerà il rendimento totale ed un prezzo inferiore lo aumenterà.

Ci sono più categorie nelle obbligazioni rispetto alle azioni.

Eccone alcune:

  • Zero Coupon Bond, ossia i BOT, Buoni Ordinario del Tesoro, in Italia, con durata che va dai 6 mesi a massimo 2 anni; si tratta di obbligazioni senza cedola, la cui remunerazione si ottiene con il rimborso finale;
  • Obbligazioni convertibili, le cosiddette obbligazioni corporate, emesse quindi da società, le quali consentono al sottoscrittore di convertire il valore del prestito obbligazionario in azioni della stessa società, ad data e cambio prestabiliti, invece che il rimborso della cifra investita;
  • Obbligazioni cum Warrant, parliamo in questo caso di titoli simili alle obbligazioni convertibili; il sottoscrittore sottoscrive simultaneamente due diversi strumenti finanziari, da una parte una obbligazione comune, dall’altra uno warrant, diritto autonomo di opzione su azioni. Il sottoscrittore non avrà quindi la facoltà di convertire il suo prestito obbligazionario in azioni ma l’opzione di fare un investimento aggiuntivo in azioni oppure cedere il warrant in quanto titolo con vita e valore autonomo;
  • Obbligazioni a tasso variabile, la cedola in questo caso è legata ad un tasso di interesse variabile, atto a contrastare l’eccessiva volatilità dei mercati;
  • Obbligazioni callable, trattasi di titoli obbligazionari in cui l’emittente ha la possibilità di richiamarle, ossia di portar a termine l’investimento attraverso un rimborso anticipato della somma investita al sottoscrittore, prima della scadenza;
  • Obbligazioni in valuta diversa dall’Euro, questi rappresentano uno strumento di diversificazione del proprio portafoglio con un rendimento certo. Oggi come oggi, con l’Euro in crisi a causa dei debiti delle nazioni dell’Unione Monetaria, risulta importante diversificare i propri risparmi anche in termini di valute. Un solo cambio valuta non ha una remunerazione se non quella base, un cambio valuta con contestuale investimento obbligazionario nella nuova valuta offre un beneficio in termini di rendimento e compensazione col rischio di cambio oltre che di mercato.
  • Obbligazioni straniere. Per investire in mercati obbligazionari maggiormente sicuri, è bene diversificare l’investimento più che per valuta per paese.
  • Obbligazioni strutturate. Similari alle cum warrant, in quanto presentano una componente tradizionale ed una o più componenti derivate, basate quindi sul prezzo di indici, azioni e/o altri titoli. Il rendimento muta con all’andamento del sottostante del derivato.
    Si tratta di contratti personalizzabili, maggiormente indicati ai professionisti piuttosto che ai piccoli risparmiatori.

Selezione Migliori Broker Forex Regolamentati

In primo luogo vogliamo fornirvi una lista dei Broker Forex regolamentati. I Broker sono stati testati e recensiti dal nostro staff.

BrokersCaratteristiche*Leva*Conto Demo*
broker Markets.comConto Demo di 10000€!
Recensione Markets.com
CySEC 092/08
1:294Prova una Demo Gratuita!
broker 24optionConto Demo Gratuito!
Senza Deposito!
Recensione 24option
CySEC 207/13
1:400Prova una Demo Gratuita!
broker etoroOttimo broker forex
Recensione eToro
CySEC 109/10
1:400Prova una Demo Gratuita!
Bdswiss forex tradingConto Vip Gratis
Conto Esclusivo
Recensione BDSwiss forex
CySEC: 199/13
1:400Prova una Demo Gratuita!

*Avviso di rischio: Gli investitori possono perdere tutto il loro capitale da trading.
Rischia solo il capitale che sei disposto a perdere. Questo messaggio non costituisce un consiglio di investimento.
N.B.: Tutti i Broker elencati sono certificati e autorizzati dalla CySEC (Cyprus Securities and Exchange Commission).

Maggiori informazioni sui broker forex