Poly Network sospende i servizi dopo essere stato violato

La società di sicurezza blockchain Dedaub ha affermato che il pagamento totale al project manager è stato di circa $ 5,5 milioni. La piattaforma decentralizzata di finanza cross-chain (DeFi)Poly Network – ha annunciato su Twitter di aver cessato le operazioni a causa di un “recente attacco”. Il team ha rivelato che l’exploit ha colpito 57 criptovalute su 10 blockchain e ha consigliato agli utenti di “ritirare immediatamente liquidità dagli exchange decentralizzati”.

Poly Network ha subito un altro attacco simile nel 2021, quando i criminali hanno cercato risorse digitali per un valore di 600 milioni di dollari. Poly Network ha affermato di aver cercato aiuto da “esperti di sicurezza informatica e individui con conoscenze pertinenti” e ha incoraggiato gli utenti con qualsiasi informazione a condividerla con il team.

Le 57 criptovalute interessate includono Shiba Inu (SHIB), Dai (DAI) e molte altre. Sebbene l’importo esatto dello sfruttamento non sia stato reso noto, alcuni hanno ipotizzato che l’importo potrebbe essere significativo. La società di sicurezza blockchain Dedaub ha affermato che gli hacker hanno compromesso le chiavi private degli indirizzi.

Ad un certo punto, è stato riferito che l’hacking valeva 34 miliardi di dollari. In realtà però l’attaccante è riuscito a disegnare questa immagine, quasi tutta sulla blockchain di Ethereum Layer 2 Metis, ma non è riuscito ad annullarla per mancanza di liquidità.

Dedaub ha aggiunto che la violazione non era “sofisticata” e che l’aggressore ha usato le chiavi per firmare la prova che Binance Coin (BNB) gli era dovuto. Il profitto totale dell’autore del reato è stato di circa 5,5 milioni di dollari.

Poly Network ha affermato che cercherà di collaborare con gli scambi centrali e le forze dell’ordine in merito alla questione. Ha detto che sperava che l’aggressore restituisse la proprietà rubata per evitare potenziali problemi legali.

Per ridurre al minimo il rischio aggiuntivo per i clienti, la piattaforma DeFi ha esortato coloro che detengono gli asset interessati ad “accelerare il processo di prelievo della liquidità e sbloccare i token LP”.

“Ti assicuriamo che ci impegniamo a proteggere le tue risorse”, ha concluso il team. Il CEO di BinanceChangpeng Zhao (CZ) – è stato tra coloro che hanno risposto all’ultimo attacco nello spazio DeFi. Ha condiviso i dati di Lookonchain, secondo i quali gli hacker di Poly Network hanno venduto 94 miliardi di SHIB per 360 ETH, 495 milioni di COOK per 16 ETH e 15 milioni di RFuel per 27 ETH.

Ha confermato che gli utenti di Binance non saranno interessati dall’incidente poiché la piattaforma non supporta i depositi dalle regole di regolamento. Il CEO ha aggiunto che lo scambio ha già aiutato Poly Network a risolvere il problema.

Poly Network ha uno scarso track record con hack simili, ma è inferiore a $ 600 milioni negli exploit del 2021 (uno dei più grandi nella storia della DeFi). Nello specifico, i criminali hanno rubato 266,6 milioni di dollari in valuta digitale dalla rete Ethereum, 252 milioni di dollari da Binance Smart Chain (BSC) e 85 milioni di dollari da Polygon.

All’improvviso, gli aggressori hanno restituito parte dei beni prosciugati, a partire da una parte di 260 milioni di dollari. Alcuni cani da guardia di criptovaluta come Chainalysis ed Elliptic hanno affermato che la persona o le persone dietro l’attacco lo hanno fatto “per divertimento” e volevano esporre i “punti deboli” della rete prima che altri trovassero i buchi. Successivamente, gli hacker hanno restituito l’intero importo poche settimane dopo.

Fonte: Cryptopotato.com

Scrivi un commento