Questo cambiamento sulla rete di Ethereum Classic potrebbe “renderla più grande di Bitcoin ed Ethereum”

La rete ETC è stata intrappolata in una proposta di spostamento dell’algoritmo per aumentare la sua sicurezza. La rete è stata piuttosto vulnerabile agli attacchi del 51% in passato e quindi, per aumentare la sua sicurezza, la proposta ECIP 1049 ha raccomandato il passaggio a SHA 3 (Secure Hash Algorithm 3) per “ridurre notevolmente le possibilità che i malintenzionati attacchino la rete”. Evidentemente, la fiducia degli investitori in ETC è stata intaccata quando la rete ha assistito a successivi attacchi riusciti nell’agosto dello scorso anno.

In Esclusiva per Tradingmania.it

Trading online Demo eToro

Tradingmania.it

In Esclusiva per Tradingmania.it

Trading online Demo eToro

Tradingmania.it

È un dato di fatto, ETC ha portato avanti l’eredità PoW di ETC e lo stesso non ha apportato grandi benefici alla rete. La natura del PoW e la “necessità” di creare un sistema “sicuro” che potesse raggiungere continuamente il consenso sono state le ragioni principali per far rispettare la SHA 3 Classic Coalition. Per quanto riguarda i suoi progressi, Alex Tsankov, che guida la coalizione, ha affermato ,

“Fondamentalmente, abbiamo finito con il codice. Il codice per SHA 3 esiste. Ha funzionato in testnet e siamo solo nella fase di costruzione del consenso della comunità”.

Tsankov ha inoltre affermato che lo stesso stava accadendo “fantasticamente bene” sul testnet. Per quanto riguarda la tempistica e l’effettiva attuazione, ha aggiunto,

“Credo che nel prossimo anno, al più tardi, avverrà il passaggio”.

Secondo Tsankov, SHA 3 potrebbe essere “uno dei più grandi” cambiamenti che possono accadere con Ethereum Classic. ECIP 1049 aprirebbe la strada a un ecosistema migliore e sicuro. Fondamentalmente, anche l‘hash rate della rete aumenterebbe e anche il pool di hardware di mining si diversificherebbe. Ha aggiunto, 

“Secondo me, è l’unico cambiamento che deve accadere a ETC affinché diventi un sistema potenzialmente persino più grande di Bitcoin o Ethereum.”

È interessante notare che i dati di BitInfoCharts hanno sottolineato che  il tasso di hash di ETC è raddoppiato da 12 tertahash al secondo (alla fine di aprile) a 24,7 tertahash al secondo al momento della scrittura. Approvando ulteriormente la “superiorità” dell’algoritmo, ha aggiunto Tsankov,

“Non ci sono algoritmi di hashing migliori di SHA 3. Quindi, l’idea è che se ETC deve rimanere come PoW, che è, allora l’algoritmo con le migliori prestazioni che possiamo fare è SHA 3.”

Tsankov ha inoltre sostenuto che con l’implementazione di SHA 3, gli attacchi del 51% “non si ripeteranno”. In effetti, gli attacchi iniziali erano “molto facili” da eseguire solo perché i minatori di ETH usavano lo stesso algoritmo per passare e attaccare la rete ETC, ma ora, quando l’algoritmo cambia, lo switchover non avverrà così facilmente .

“Affinché ETC abbia davvero successo, dobbiamo avere un nostro algoritmo separato da ETH”.

Per quanto riguarda l’implementazione di ulteriori smart contract sulla rete di ETC, ha affermato Tsankov,

“Fondamentalmente, ETC ha solo bisogno di più portafogli per supportarlo. La mia teoria è sempre stata che se ETC ottenesse lo stesso livello di supporto del portafoglio di ETH, penso che molte più persone utilizzerebbero ETC”.

È interessante notare che al momento in cui scriviamo, ETH aveva un totale di 745,38k indirizzi attivi mentre lo stesso per ETC era solo 35,94k. La netta differenza è ben evidenziata dal grafico sopra e ci vorrà sicuramente del tempo prima che il divario si riduca. Tuttavia, è possibile prevedere un aumento esponenziale dello stesso quando avviene l’aggiornamento vero e proprio.

Al momento della stampa, ETC era scambiato a $ 57,56, mentre ETH era scambiato a $ 2.522,15.  

Fonte: ambcrypto

Canale Youtube

Scrivi un commento